701 OPERE PUBBLICATE   3439 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Cechin

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di Vecchio Mara

pubblicato il 2019-01-20 11:06:23


Cechin

Cechin non si arrendeva al tempo che scorreva.
Cechin con l’inseparabile chitarra inseguiva un’epoca ormai andata.
Cechin, era il vezzeggiativo che gli affibbiò il suo amato nonno. «Cechin! Prendi la mia chitarra, andiamo all’osteria a farci una cantata!”, così lo apostrofava il vecchio che gli insegnò il segreto delle note, e di riflesso il piacere del bere.
Se qualcuno lo chiamava con il suo nome di battesimo: Francesco, non rispondeva e tirava dritto. E così rimase Cechin per sempre.
Cechin amava le donne, ma un'unica donna lo ricambiò, e quella sposò.
Ma la sua vera passione era la musica, accompagnata oltre che dal canto da abbondanti libagioni; il tutto, fondendosi in un unicum, nel corso degli anni mutò in passione devastante.
Cechin era un apprezzato artigiano piastrellista: lavoro remunerativo ma massacrante per le articolazioni delle ginocchia. E lui, essendo pagato a metro quadro non stava a contare le ore di lavoro; d’estate, quando le giornate si allungavano, era capace di stare inginocchiato a posar piastrelle sino alle otto di sera.
Se le ore lavorate non le contava, a lavoro terminato contava soddisfatto il bel gruzzoletto (cinquanta per cento in nero) che riusciva a mettersi in tasca.
Le serate di Cechin erano di una monotonia disarmante; dopo cena, mentre sua moglie sparecchiava, puliva con cura l’amata chitarra, provava quattro accordi, poi, seduto sul divano allenava le corde della chitarra pizzicandole con le dita, e le corde vocali cantando a squarciagola qualche allegro motivetto.
Il sabato e la domenica, invece, usciva di casa il mattino con la sua inseparabile chitarra sotto braccio e tornava barcollando a notte fonda, ubriaco fradicio.
Era d’uso fare, ogni fine settimana, il giro delle osterie dove si beveva e cantava in compagnia; e il suo atteso ingresso era accolto dagli applausi scroscianti degli avventori, che si contendevano la sua presenza al proprio tavolo.
Quattro accordi, qualche canzone cantata in coro, accompagnata da qualche buon bicchiere di vino e poi, via di corsa ad esibire la sua arte dentro un’altra buia e fumosa osteria, dove altri amici attendevano il suo arrivo.
In mezzo ai suoi amici, Cechin si sentiva un divo. E ne aveva di amici sparsi nelle osterie della bassa pronti ad apprezzare la sua arte, regalandogli applausi sinceri e qualche bicchiere di troppo.
Col tempo ampliò a dismisura il suo giro per le osterie dei paesi della bassa. Così due giorni pieni finirono per non bastare per aderire a tutti gli inviti dei suoi estimatori.
Allora decise di prendersi qualche lunedì di libera uscita dal lavoro. Naturalmente la santa donna che aveva sposato non poteva approvare un simile dissennato comportamento, e glielo dimostrava ogni giorno spaccando servizi di piatti a ripetizione fra urla stridule e pianti isterici.
Cechin reagiva scrollando le spalle, e afferrando la sua fida chitarra se ne usciva.
La dipendenza oramai manifesta all’alcol, unita al desiderio patologico di esibirsi, lo spinse ad aggiungere al lunedì anche il martedì e, di seguito, pure il mercoledì.
Così finì col perdere la fiducia degli impresari, che vedendo il termine di consegna del lavoro appaltato dilatarsi a dismisura, lo emarginarono appoggiandosi ad altri piastrellisti.
Senza un lavoro e con pochi soldi in tasca, la vita si fece improvvisamente complicata. Sua moglie, per far quadrare i conti della famiglia, si vide costretta ad accettare l’impiego d’inserviente presso la casa di riposo locale.
Cechin trascorreva le sue ormai inutili giornate nelle osterie a bere e cantare. Ogni sera, tornando a casa ubriaco, subiva senza colpo ferire le puntuali dure reprimenda di una moglie esausta, distrutta psicologicamente dal comportamento irresponsabile dell’uomo che tanto aveva amato… un tempo.
Oramai il loro rapporto, oltre alle quotidiane sfuriate della donna, si limitava a poche frasi di circostanza. L’amore era svanito assieme al rispetto, cercare di aggiustare un vaso finito in mille pezzi era ormai un’utopia, così finì come doveva finire: lei fece le valige e se ne andò, uscendo definitivamente dalla vita di Cechin.
Passarono gli anni, e con essi le mode; le osterie buie e fumose dai lunghi tavoli di legno massiccio, dai pavimenti in cotto consunti dal tempo, dagli acri odori e sapori dove bere del buon vino, accompagnandolo con spesse fette di salame casereccio e scaglie di ottimo grana, furono sostituite dalle moderne pizzerie.
Cechin, con la sua inseparabile chitarra, rimase l’unico rimasuglio di un’epoca oramai andata: quasi un fossile vivente.
Dell’uomo applaudito nelle osterie della bassa, per la voce e la bravura a pizzicar le corde della sua chitarra, era rimasta solo la macchietta che giovinotti di belle speranze, seduti ai tavoli della pizzeria, si divertivano a dileggiare, invitandolo a cantare e suonare motivi estranei alle sue corde.
Cechin si prestava al gioco, a volte pesante, senza batter ciglio; a lui importava esibirsi… e mettere qualcosa sotto i denti senza scucire un soldo, vista la cronica carenza di contante nelle sue tasche.
Si sedeva al tavolo della compagnia di turno e piluccando negli avanzi dentro i piatti e svuotando i bicchieri rimasti sul tavolo, suonava e cantava quello che loro chiedevano di ascoltare; poi, stanco di quei nuovi ritmi che non riuscivano a coinvolgerlo, attaccava i suoi vecchi successi dei tempi delle osterie.
Al che, i suoi maleducati ospiti si alzavano lasciandolo solo a ripulire gli avanzi nei piatti, e a suonare e cantare per camerieri dallo sguardo spento, intenti a riassettare i tavoli per il giorno seguente; mentre il gestore da dietro la cassa, uomo della sua generazione, rimembrava con sguardo intriso di tristezza l’epoca delle vecchie osterie, quando quell’uomo malato e solo, ridotto a raccattar avanzi, era trattato dall’oste e dagli avventori alla stregua di una star internazionale.
Cechin, devastato dalla cirrosi, se ne andò a cinquantanni appena; aveva trascorso i primi quarant’anni cantando e bevendo nelle osterie; e gli ultimi dieci bevendo e cantando, cercando inutilmente di ricreare intorno a sé l’ambiente a lui caro, nella pizzeria dove ai giovani avventori interessava solo farsi beffe dell’ultimo dinosauro di un’epoca andata.
Cechin lo trovarono un nebbioso mattino autunnale steso su una panchina del parco, stringeva sul petto la sua amata chitarra… e sembrava felice.

                                                          FINE

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Vecchio Mara il 2019-01-20 11:07:31
Qualcuno sa dirmi come si fa a togliere le righe bianche dal testo? Grazie.

Rubrus il 2019-01-21 10:33:32
Devo andare sul menu a tendina. In basso sulla barra degli strumenti, verso destra, ci sono due tasti, uno per il colore del carattere, l'altro dello sfondo. Devi evidenziare tutto il testo, cliccare su quello dello sfondo e selezionare "automatico".

Vecchio Mara il 2019-01-21 13:08:37
fatto! Ti ringrazio. Ciao Rubrus.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
90Peppe90 il 2019-01-26 18:02:13
L'inevitabile fine di chi, per fama (o una parvenza della stessa), tralascia tutto ciò che è realmente importante nella vita. Eppure, quel sorriso...

Vecchio Mara il 2019-01-27 09:31:30
Eppure Cechin è morto felice, perché bene o male... in verità più male che bene, ha preso in mano la sua vita, l'ha maltrattata, frustandola per condurla dove più gli piaceva, ma se l'è goduta cantando e suonando... sino all'attimo che precede il trapasso. Ti ringrazio. Ciao Peppe.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Paolo Guastone il 2019-01-29 10:43:58
Mamma mia! Questo è un horror! E' un horror perchè fa paura, Fa paura leggere il declino di un uomo buono che, inevitabilmente, viene avvinghiato e stritolato dalle spire del progresso, dove non c'è posto per i relitti. Mi è piaciuta molto la prima parte, quando descrivi finemente il protagonista, felice di vivere in un'epoca spensierata, dove si aveva tutto anche se non si aveva nulla. Anche la seconda parte è bella, ma fa rabbrividire, perché il protagonista lotta invano contro un mondo dove per avere di più si è cominciato a vivere di meno, dove la gente non vuole più vedere certi stereotipi, nè li vuole più ricordare. Ma su quella panchina il povero Cechin è felice, perchè è tornato finalmente nelle sue amate osterie di un tempo, tra la gente vera, davanti ad un bel bicchiere di rosso.

Vecchio Mara il 2019-01-29 21:48:25
Cechin era un compagnone, un uomo che si accontentava di poco, che avrà pur sbagliato molto, ma che era comunque felice quando poteva cantare per gli amici che incontrava nelle osterie della bassa. Ti ringrazio. Ciao Paolo

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2019-01-29 15:27:42
Ormai le pizzerie svaniscono, sostituite da "lounge bar", "sushi bar" etc. O forse no. Forse anche questi ultimi locali svaniranno presto, sostituiti dalla consegna del cibo a domicilio ordinato via smartphone come titilla la gig economy e il locale come luogo dove ritrovarsi e mangiare (o cantare) svanirà, rimpiazzato dalle chatroom. O forse, ancora, no. Forse questo eccesso produrrà un ritorno all'antico e alle osterie. Chissà.

Vecchio Mara il 2019-01-29 21:51:58
Si tratterebbe di un ritorno al passato, o a un futuro più umano? Ti ringrazio. Ciao Rubrus.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO