735 OPERE PUBBLICATE   3924 COMMENTI   76 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi

"PUNTO E A CAPO" Racconto Fantascienza / Cyberpunk / Steampunk

di Mauro Banfi il Moscone

pubblicato il 2018-12-08 08:55:07


                                                        
                                                            PROLOGO 

                                                         di 90Peppe90

 

                                                        

 

L’universo.
Uno sconfinato spazio dalle molteplici sfaccettature, dalle infinite possibilità, dalle numerose sovrapposizioni e mescolanze di livelli e dimensioni, strutture e sovrastrutture, secondo regole precise e perfette, la conoscenza delle quali è riservata a pochi e anelata da molti.
Tutto si muove ed esiste in perfetta armonia, seguendo uno schema ordinato ed esente da errori, tracciando precise scie nello spazio-tempo e assolvendo – quasi sempre inconsciamente – obiettivi prefissati, necessari alla stabilità e all’equilibrio, al giusto corso degli eventi.

Eppure, non tutte le componenti dell’universo – unico e multiplo al tempo stesso – si limitano a procedere come da copione predeterminato. Non tutti si limitano a seguire le indicazioni e attenersi alle leggi, allo scopo ultimo della loro creazione. Perché alcuni di questi elementi sono caratterizzati dall’intelligenza. E, a volte – ma solo a volte –, vanno oltre. Si spingono più in là, riuscendo a sbirciare o, addirittura, mettere la testa fuori dal sentiero tracciato davanti a loro dal momento della nascita.

Un comportamento apprezzabile, assolutamente positivo in taluni casi, l’esatto opposto in altri. Rompere l’ordine, spezzare la precisione, provare a modificare il percorso. Eliminare l’accezione “predeterminata” dal significato dell’esistenza.

Capita che questi episodi fuori dagli schemi generino interessanti modifiche alla Creazione, migliorie che siano di giovamento al tutto e a tutti. In altre occasioni, invece, la multipla struttura unitaria dell’universo ne risente negativamente…

Una di queste occasioni sta avendo luogo in un pianeta ovviamente abitato da forme di vita intelligenti. Una popolazione che ha chiamato il pianeta “Terra” e si è identificata come “genere umano”.
Una popolazione che si prepara ad assistere, occhi al cielo e bocca aperta per lo stupore, ad uno spettacolare accadimento prodotto dall’universo che li accoglie e circonda.
Una popolazione ignara che ogni accadimento sia caratterizzato da un dato obiettivo. Un compito da svolgere.

Che presto sarà rivelato.

 

                                                                                     FALCON TEMPO  

                                                                                           di Mauro Banfi   


«…il celeberrimo pittore Leonardo da Vinci […] Che peccato che tanti suoi manoscritti si stiano nascosti nelle tenebre […], quando si fa vedere la luce[…] a tante inezie.»
Giacomo Leopardi , Storia dell’astronomia dalla sua origine fino all’anno 1811

 

- A Giuseppe Vitale

 

                                                    

                                                                      - Leonardo da Vinci "Mago":
                                                               disegno di Antonio Calzone"Big Tony" -

 


                                                I – ACQUA CHE CADE SULLE ACQUE    

 

 

                                                         

Una lunga e corpulenta gatta rossa stava osservando dalla finestra della sua amica umana Lucrezia Donati, nelle pieghe di una giornata umida e ventosa, il suo eterno fidanzato Piero entrare in un casolare dimenticato del paesino di Vinci, a pochi chilometri da Firenze.
Dietro la tendina azzurra, la custode delle visioni non perdeva un movimento del suo sodale a due zampe. Quanto era cambiato dai tempi dello spolverio delle stelle…

“Mi chiamo Piero Vinci e comincio a scrivere questo taccuino nel segno della metamorfosi: racconto una serie di mutazioni che mi hanno reso diverso da quello che ero un tempo, quando ero sempre identico a me stesso.
Dal giorno di quella prima mutazione – quando la Via Lattea scivolò giù dalla tendina della notte ed entrò sibilando nella mia anima -, fino al ritrovamento di questi simboli incisi dal mio avo Leonardo da Vinci sulle tavole di noce di questa parete,

 

        

                                                                 

 

                         - osservare il disegno con uno specchio per decifrare le frasi di Leonardo -

 

mi è sembrato d’aver riconosciuto qualcosa che prima avevo sotto il naso, da quando sono nato, e non riuscivo a notare.    
Premo il pannello quadrato su cui sono sovraincisi i geroglifici “zero serpente – zero più”, e un meccanismo sconosciuto e segreto mi rivela la macchina del tempo inventata dal mio antenato.       

 

                                                        

 

Ora collegherò nell’ingranaggio laterale le tubature che alimenteranno il Falcon Tempo al torrente Streda e i vortici si propagheranno, come è scritto nel taccuino segreto:       
 

                                                     

 
- La direzione prevalente (potente) del movimento in linea retta e il movimento rotatorio prodotto dall’elemento che si scontra con la sua stessa massa causa il vortice. 
Nella struttura dell’icosidodecaedro vedasi come i centri di violenza in espansione, scatenati all’esterno nella materia, diventano vortici centripeti di interiorizzazione -.
Mi preparo a viaggiare nello spazio-tempo.”        

 

                                         II – IL VOLTO NASCOST

 

“Dal giorno dello spolverio delle stelle sono continuamente un altro.
Diventa sempre più difficile per me ricordare che cosa ero come burocrate della Repubblica italiana.     
Per approssimazione, direi qualcosa come un grosso e grasso ragno – sempre e ogni giorno immedesimato nella mia funzione -.
Tutto ciò che è banale e ripetitivo aveva intessuto intorno a me una ragnatela sempre più fitta e spessa e quei fili erano diventate le sbarre d’acciaio di una prigione dove io stesso stavo seduto al centro, seduto sulle mie feci; come una abnorme tarantola che è rimasta impigliata nella sua stessa trappola e deve autoavvelenarsi e nutrirsi del suo stesso organismo per non morire di fame.       
       
                                                                                                          ***

Un giorno il mio collega d’ufficio Michele mi avvisò che quella sera andava in onda una puntata speciale di “Ulisse, il piacere della scoperta”, intitolata “Il volto nascosto” e dedicata al grande Leonardo da Vinci.     
La guardai in prima serata estasiato, e vidi il volto del mio antenato nascosto sotto le frasi redatte con la scrittura mancina a specchio nello strabiliante “Codice del Volo”, riprendere la sua fisionomia cinque secoli dopo, grazie alle meraviglie della computer grafica.

 

 

                                                         

 

Registrai la trasmissione e poi fissai quel volto nello schermo col fermo immagine: ero io, sputato e uguale, quell’uomo di mezz’età dalla capigliatura fluente e i grandi occhi azzurro chiaro.
 

                                                   

 

Da quando sono nato, ho cercato di leggere e studiare le opere di Leonardo, e ho provato anche a penetrare, con l’aiuto di qualche manuale di divulgazione, gli scritti di Giordano Bruno, Copernico, Galileo Galilei ed Einstein.
Ma non ho mai capito nulla delle loro teorie e delle loro intuizioni.
La mia è sempre stata solo una somiglianza fisica a fare da involucro a una totale ignoranza.    
Io, un anonimo discendente di Pandolfo da Vinci, nato nel 1494, figlio di Piero – il padre di Leonardo – e di Lucrezia da Guglielmo Cortigiani, la quarta moglie del trisavolo sposata da Pandolfo nel 1486, sono sempre stato del corredo genetico grezzo, privo di qualsiasi scintilla della prodigiosa intelligenza leonardesca.

                                                                                                     ***

Quella stessa fine settimana ero salito da Firenze a Vinci, nella casa ereditata dalla mia famiglia (nel tempo il cognome aveva perso la preposizione “da”, in via Roma (ai tempi di Leonardo si chiamava Piazzetta Guazzesi).   
Come sovente amavo fare nei fine settimana, puntai il mio dilettantesco cannocchiale galileiano verso la stellata splendente della Via Lattea.
Come sempre provavo un intenso piacere fisico per quel contatto notturno con l’universo, ma persisteva quel totale distacco dell’incolto che ero.      
I miei pensieri torbidi e ciechi non andavano oltre l’irrazionale gusto di sentire gioia per essere lì, in quel momento. 

Poi avvenne il prodigio.       
Le stelle presero a pulsare e poi scoppiarono come fuochi d’artificio e disseminarono intorno a loro una polvere radiosa che ricoprì ogni cosa.
Il mio corpo diventò luminoso e la mia mente iniziò a concepire ragionamenti vasti e articolati mai avuti prima. 
Riflettevo sulla crescente complessità dell’universo.    
Man mano che le nostre conoscenze scientifiche sono cresciute, la crescente complessità del Cosmo nella coscienza umana è diventata sempre più coerente e consapevole.
Stiamo imparando ogni giorno un pochino di più che siamo solo una piccola parte di questo continuo flusso d’energia (non creato e senza fine, non nato e mai non morto, al massimo inorganico e non vivo) che chiamiamo Multiverso.    
Non siamo il centro del Cosmo: non lo abbiamo ancora assimilato a livello psicofisico (solo cerebralmente), ma è così.  
Non siamo una razza eletta, a parte, distinta dagli animali, dai vegetali e dai minerali.
Non lo abbiamo ancora incorporato - questo scomodo sapere – nelle nostre vite quotidiane, ma è così.    

Siamo come un figlio unico, mammone e viziato, che crescendo e sperimentando impara che gli universi non girano intorno a lui come credeva quando era un fanciullo cresciuto nella bambagia.     
Siamo una parte interconnessa della natura: siamo natura integrata alla natura.       
Non siamo osservatori esterni, indifferenti, neutrali.   
Siamo situati nel Cosmo: il nostro punto di vista è sempre dall’interno del Multiverso, anche quando ci atteggiamo a freddi e distaccati analisti.       
Nell’oceano immenso di galassie e di stelle siamo solo un infinitesimo angolo sperduto ma ricoperto dalla stessa polvere di stelle, percorsa dalle stesse particelle e onde luminose che emettono le supernove quando nascono esplodendo.   
Ah, Il mio organismo diventò sfolgorante mentre il divino ascende in ogni momento attraverso la materia… o forse la materia è il divino nella sua forma più condensata?”   


                                                         III – IL CODICE CRONO     


                                 “Le nostre scelte creano mondi coesistenti e paralleli nel Multiverso”  

“Verso la fine della sua vita, quando si trovava nel maniero di Clos –Lucè, ospite del Re di Francia Francesco I, Leonardo riunì i suoi scritti in una serie di trattati.       
Questi scritti rappresentavano la summa della sua opera di scienziato, di artista e d’inventore.      
Tra queste carte c’erano anche dei taccuini che nel corso dei secoli sono andati perduti.       
Alla sua morte avvenuta nel 1519, Leonardo lasciò tutto questo patrimonio culturale in eredità al suo allievo Francesco Melzi, che l’aveva seguito ad Amboise.      
Al suo ritorno in Italia, il Melzi portò tutta l’opera integrale di Leonardo nella villa di famiglia a Vaprio d’Adda, custodendola con grande cura, ma i suoi figli alla sua morte si disinteressarono della curatela dello straordinario lascito e lo misero in vendita.
Stipati senza rispetto nella soffitta, disegni e manoscritti, furono acquistati da mercanti e bottegai senza scrupoli; parte furono rubati e svenduti, parte si smarrirono non si sa dove.    
Perlomeno un buon cinquanta per cento dei codici di Leonardo è andato perduto, e giace sepolto in qualche archivio o biblioteca, come il famoso disegno di presentazione chiamato il “Nettuno”, un dipinto del genio di Vinci a tutti gli effetti, che c’è giunto per ora solo in forma di schizzo.    

                                                       

 

In Europa molte antiche biblioteche conservano libri, incunaboli, documenti, scritti nel corso dei secoli e conservati in chilometri di scaffali.
Tutto questo patrimonio si trova in biblioteche di istituzioni pubbliche, di monasteri, di antiche famiglie patrizie o di nuove casate di capitalisti industriali moderni.    

Con molta probabilità i taccuini del mio avo si celano in queste foreste di volumi. 

Tempo fa sono stati ritrovati in un’antica biblioteca di Madrid tre codici di Leonardo, per un totale di trecentocinquanta fogli dedicati a studi di meccanica, architettura militare, il volo degli uccelli e schizzi vari. 

Erano stati catalogati male in origine e nessuno si era accorto che si trovavano da molto tempo in uno scaffale polveroso e dimenticato.

Presi due settimane di ferie e mi recai alla Biblioteca Nacional di Madrid, con l’incarico di principale erede della famiglia Vinci, per indagare sula presenza di eventuali altri taccuini.     

 

                                                                                                          ***

 

Pompeo Leoni, insigne scultore della corte reale di Spagna, giunse a Milano nel 1580 e acquistò dal Melzi sette manoscritti in maniera ufficiale, ma sotto banco, scorrazzando liberamente per la soffitta della villa di Vaprio d’Adda fece incetta di altro e copiosissimo materiale leonardiano, portato poi in Spagna dallo scultore nel 1590.
Si pensa che il Leoni fosse riuscito a collezionare fino a cinquanta manoscritti e circa duemila fogli sparsi, tra fascicoli sciolti e disegni singoli.

 

                                                         


Alla morte del Leoni gli eredi cominciarono a vendere i codici ai quattro angoli dotti dell’Europa, e il materiale si disperse ovunque.
Ogni tanto qualcosa riemerge dalla polvere e dalle ragnatele: consideriamo che si sono perse le tracce di dodici dei diciotto manoscritti completi elencati da Francesco Melzi nel Codice Urbinate.   
Stavo aiutando a catalogare uno degli angoli più dimenticati della Nacional, in uno scantinato sotterraneo umido e tetro, in collaborazione con alcuni studenti della facoltà di filologia di Madrid, quando da una custodia contenente tre volumi in latino delle “Metamorfosi” di Ovidio cadde in terra un involucro.
Rilegato in pergamena con fermaglio di corda e legno, tenevo nelle mie mani un codice mantenutosi fisicamente come al tempo in cui era usato da Leonardo.      

                                                              


Lo nascosi sotto i vestiti, dietro la schiena: l’avrei studiato da solo e con venerazione in albergo. 
Era il ritrovamento che avevo cercato per tutta la mia esistenza. 

                                                         ***

                                                                        

   

Il primo foglio rappresentava Crono, il dio greco del tempo e sotto stava una sua frase: 
“ L'acqua che tocchi de' fiumi è l'ultima di quelle che andò e la prima di quella che viene. Così il tempo presente.”      

 

                  

 

Nella pagina seguente, il primo disegno è il "broncone": un emblema adottato da Lorenzo de Medici e da suo nipote Lorenzo di Piero, governatore di Firenze nel 1515.
E' pura emozione prendere uno specchio e leggere la scritta sinistrorsa del poderoso genio del mio avo.
Sopra lo schizzo di un ceppo d'albero che ributta un virgulto si può leggere:
"Albero tagliato che rimette", e poco sotto il disegno: "ancora spero".
Il secondo schizzo raffigura un falco ad ali spiegate che tiene nel becco un serpente.
Prendo lo specchio e leggo "falcon tempo", vale a dire "fal con tempo", il motto rinascimentale per eccellenza "festina lente, affrettati lentamente"; usa bene il tempo che ti rimane, persegui la conoscenza, con impegno e moderazione, che il tempo vola via.


                                                   


Il grande Leonardo ci ha spiegato il Rinascimento con due disegni.
La forza dei Medici e l'aquila della conoscenza che sa impiegare in modo costruttivo e creativo il tempo, simbolizzato dal serpente.
"Ancora spero", "Fal con tempo".   
Girando ancora un altro foglio di questo meraviglioso Codice Crono trovo un’altra frase indimenticabile:       

“O tempo, consumatore delle cose, e, o invidiosa antichità, tu distruggi tutte le cose, e consumate tutte le cose dai duri denti della vecchiezza, a poco a poco, con lenta morte. Elena, quando si specchiava, vedendo le vizze grinze del suo viso fatte per la vecchiezza, piagne, e pensa seco perché fu rapita du’ volte.

L’età che vola discorre nascostamente e inganna altrui, e niuna cosa è più veloce che gli anni, e chi semina virtù fama raccoglie.”

E infine, nella pagine seguenti, la sfida di Leonardo al tempo: gli studi sulla struttura dell’ icosidodecaedro, per penetrare negli interstizi dello spazio - tempo verso il Multiverso; le sperimentazioni sui vortici del torrente Streda e altri appunti collegati in qualche modo – che ancora non comprendo, nonostante lo spolverio delle stelle mi abbia risvegliato e aperto gli occhi verso altre dimensioni – all’impresa (li ritraduco in italiano corrente):     

“La vera grandezza umana non usa la violenza in modo irriflesso, materiale e omicida, ma resiste e rifiuta la volontà di potenza altrui e vi erge contro una resistenza eterogenea, intangibile, impermeabile, imperturbabile, che si rivolge in sé, trattenuta e silenziosa, sottratta ad ogni urto e consumazione.      

Senza aggressione non c’è consumazione.     

Ma la grandezza non è rinuncia ascetica, ma una forza che riconduce nel soggetto, all’interno dell’individuo, nel suo fulcro interiore.”    

E ancora, illuminante:

- le scelte personali non cancellano un universo per sostituirlo violentemente con un altro, ma generano un altro universo coesistente e parallelo a quello chiamato dal volgo “reale”-   


                                                                                     

E nelle ultime pagine, le indicazioni finali per arrivare al “Falcon Tempo”, la macchina che può viaggiare nel Multiverso.
Il casolare abbandonato nella campagna intorno a Vinci, nei pressi del torrente Streda; il codice “zero serpente – zero più” per sbloccare la parete segreta e accedere al marchingegno e l’accenno che ulteriori spiegazioni per accendere il Falcon Tempo saranno trovate all’interno della navicella temporale.” 
   

                               IV – NEL VORTICE DELLO SPAZIO TEMPO
  

                                                   

 

Lucrezia Donati e la sua gatta rossa entrarono con passo felpato dentro al casolare, e videro Piero dentro la strana, geometrica macchina del tempo, armeggiare tra gli ingranaggi.
«Quale altro modo hai inventato per scappare da me e dalle tue responsabilità, eterno Peter Pan?» 
Piero e Lucrezia, una di quelle eterne storie di amicizia, sesso e “quasi” amore.    
Anni di perpetuo fidanzamento, precario e sempre in divenire, sempre “per ora”.       
«Lucrezia, ogni cosa succede nel modo dovuto. Tu sei sempre stata soddisfatta della tua realtà e della tua vita piccolo borghese; io invece ho sempre detestato l’essere identico a quell’impiegatuccio tedioso dell’Ufficio del Catasto.   
Inseguendo l’eredità di Leonardo ho trovato la via verso il vero me stesso.
Ricordi la notte dello spolverio delle stelle, di cui ti ho parlato? Quella oscurità irradiata dalle particelle siderali ha trasformato la materia in energia e ha trovato il modo di trasformare quell’energia nel mio nuovo spirito: e ora parto verso il nuovo futuro.
Il Cosmo è progettato per raggiungere un certo punto, e tutto il tempo esiste già da sempre; la crescente complessità dell’universo è stata percepita per un attimo immenso dalla mia mente e le cose, da allora, non possono accadere altro che nel modo in cui sono destinate. E’ tempo di partire.»  
« I soliti sofismi del tuo egoismo, narcisista! Possiamo affrontare il futuro insieme quando ci arriveremo, perché devi rischiare la tua vita?»
« Perché devo diventare quello che sono, perché qualcosa deve emergere dal nulla che sono diventato: arrivederci Lucrezia.
Lasciami tentare con questa macchina del tempo.»
« Fottuto stupido, la vera macchina fatta di tempo, le sue parti umane in movimento sono i giorni di gioia, di pace e di amore delle nostre due vite insieme.  
Tu le trovi così misere perché non sai convivere con l’attimo presente e con la responsabilità di condividerlo con gli altri.
E lo stesso dramma di noia e insoddisfazione si ripeterà in qualsiasi dimensione parallela finirai, testone!»  
« Lasciami essere libero, lasciami provare». 

Piero digitò sulla tastiera posta all’interno della navicella il codice “zero/ serpente: zero/più” e l’icosidodecaedro prese a pulsare radiazioni accecanti.       
Riparandosi gli occhi con la mano destra, Lucrezia piangeva e urlava in direzione della luce:      
«Qualunque cosa accada, ovunque tu vada…io ti aspetterò!»

Proprio nel momento in cui la nave dello spazio-tempo stava per svanire, Amelia, la gatta rossa, saltò dentro un’apertura della macchina.

                                                                          
                                                                       FINE O CONTINUA?  

"Ma immersi in questa natura che ci ha fatto e che ci porta, non siamo esseri senza casa, sospesi fra due mondi, parti solo in parte della natura, con la nostalgia di qualcosa d’altro.
No: siamo a casa.
La natura è la nostra casa e nella natura siamo a casa.
Questo mondo strano, variopinto e stupefacente che esploriamo, dove lo spazio si sgrana, il tempo non esiste e le cose possono non essere in alcun luogo, non è qualcosa che ci allontana da noi: è solo ciò che la nostra naturale curiosità ci mostra della nostra casa.
Della trama di cui siamo fatti noi stessi.   
Noi siamo fatti della stessa polvere di stelle di cui sono fatte le cose e sia quando siamo immersi nel dolore sia quando ridiamo e risplende la gioia non facciamo che essere quello che non possiamo che essere: una parte del nostro mondo. Lucrezio lo dice con parole meravigliose:

 

... siamo tutti nati dal seme celeste; 
tutti abbiamo lo stesso padre, 
da cui la terra, la madre che ci alimenta,
riceve limpide gocce di pioggia,
e quindi produce il luminoso frumento,
e gli alberi rigogliosi,
e la razza umana,
e le stirpi delle fiere,
offrendo i cibi con cui tutti nutrono i corpi,
per condurre una vita dolce
e generare la prole...
(II, 991-997)
 
 
Per natura amiamo e siamo onesti e curiosi. E per natura vogliamo sapere di più. E continuiamo a imparare. La nostra conoscenza del mondo continua a crescere.
Ci sono frontiere, dove stiamo imparando, e brucia il nostro desiderio di sapere.
Sono nelle profondità più minute del tessuto dello spazio, nelle origini del cosmo, nella natura del tempo, nel fato dei buchi neri, e nel funzionamento del nostro stesso pensiero. 
Qui, sul bordo di quello che sappiamo, a contatto con l’oceano di quanto non sappiamo, brillano il mistero del mondo, la bellezza del mondo, e ci lasciano senza fiato."

Carlo Rovelli, “Sette brevi lezioni di fisica”.

 

               

 
 
 
      
 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Festival Lovecraft in P.I.A.F. "Seguendo l'airone rosso" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

L'EROE, IL DRAGO E LA MADRE Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Mauro Banfi il Moscone il 2018-12-08 09:37:09

                                

 

Racconto dedicato al famoso “Codice W” di Leonardo da Vinci, detto anche Borromeo, un trattato di fisica di 50 paginette.
In base a un inventario stilato intorno al 1540 da Francesco Melzi, l’allievo prediletto di Leonardo, si leggeva questa frase:
«Un libro di ombra e di luce segnato con la cifra G e un altro segnato con la cifra W». Si trattava, cioè, di due libri accoppiati. A Parigi Carlo Pedretti, il più noto studioso italiano di Leonardo, ritrovò il libro G, donato originariamente dal cardinale Federico Borromeo all’Ambrosiana di Milano.
Il suo sospetto, però, era che il cardinale avesse tenuto per sé il libro W, come proverebbe la legatura del volume G, dove si vede netto lo strappo del libro gemello. Pedretti, prima d'incontrare in altre dimensioni lo stesso Leonardo, lo cercò per tutta la vita senza mai trovarlo.
Forse qualcuno di noi un giorno ce la farà.
Mentre sono alla ricerca, presso gli eredi Borromeo, estendo i miei auguri di buone feste a tutte le amiche e gli amici di PIAF.
La nuova decadenza culturale/degradazione intellettiva della terrificante e drastica riduzione del potenziale umano causato dalle barbarie social e app non prevalga sulle vostre anime eccelse.
Finché il vostro cuore resta unico, speciale, PIAF resisterà in eterno.
Abbiate gioia

 

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO