701 OPERE PUBBLICATE   3439 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

La maschera di Halloween

"PUNTO E A CAPO" Racconto Horror / Mistery / Pulp

di Vecchio Mara

pubblicato il 2018-10-24 10:40:49


La maschera di Halloween

 

«La nebbia si è alzata, ne approfitto per andare al “Bennet” a fare spesa», annunciò Savino indossando il cappotto. «Ti ringrazio d’avermelo rammentato, mica me lo ricordavo che dovevo comprare i dolcetti per i bambini», aggiunse prendendo le chiavi di casa dal tavolino.

«Tu non te lo saresti certo scordato», sussurrò sospirando, controllando i fiori nel vasetto di cristallo posato sul tavolino tra due ritratti: quello della moglie, a cui si era appena rivolto, e l’altro della figlia. «Oggi non ho visto la maschera da strega sul tuo letto… Se non l’hai spostata tu, devo averlo fatto io inavvertitamente ieri, quando ho arieggiato la camera», disse accarezzando il ritratto della figlia. «Il guaio è che non mi ricordo dove l’ho messa», aggiunse corrugando la fronte.

Sospirò. «Va beh, Halloween è domani… quando tornerò la cercherò… Ciao, Rosita», la rassicurò salutandola. Poi volse lo sguardo sul ritratto della moglie e la voce s’increspò: «A dopo, cara», riuscì solamente a pronunciare. Tirando su col naso provò a trattenne la commozione, si tolse gli occhiali, asciugò gli occhi, liquidi e chiarissimi, e dopo aver rinforcato le lenti scese in garage. Lì giunto salì sulla vecchia “Panda” e dopo essere uscito dal passo carraio si avviò lentamente in direzione del centro commerciale.

 

L’ottantenne Savino Scolari, da quando, tre anni prima, la settantatreenne Ada, sua moglie, se n’era andata a far compagnia alla figlia, che da ormai dieci anni domiciliava nella cappella di famiglia, viveva da solo nella villetta dall’intonaco invecchiato e ammalorato: era come se il dolore che lo aveva invaso, prima per la perdita della figlia e successivamente dell’amatissima moglie, lo esprimesse, oltre che nello sguardo perennemente afflitto, nella poca cura dedicata all’immobile dentro al quale aveva condiviso felicità e gioia con le sue due donne.

Ada aveva lottato per diventare madre. E quando, dopo ben tre aborti spontanei era riuscita, a quasi cinquant’anni, a sodisfare il suo desiderio, non avrebbe mai immaginato che la luminosa felicità portata da quella bimba dentro la loro casa sarebbe durata il breve spazio di una giovinezza spezzata.

Rosita se n’era andata schiantandosi contro un grosso platano mentre si recava in discoteca a festeggiare Halloween. Aveva diciotto anni e una gran voglia di vivere, ma questo non era bastato a far sì che qualcuno, o qualcosa, recepisse il grido di dolore di una madre che, stringendo a sé la figlia che lottava strenuamente distesa nel letto di un ospedale, implorava disperata: «Ti prego, lasciala vivere… prendi me.»

Ma i miracoli son tali perché capitano sempre agli altri. E così quella notte Ada aveva iniziato a morire… o forse lo era già, ma aveva provato a vivere ancora un po’ per non lasciare solo e disperato il povero Savino.

Il carrozziere che aveva recuperato la macchina, prima di fargli firmare le carte per demolirla l’aveva mostrata a Savino. «Per favore… me la potrebbe prendere?» gli aveva chiesto con voce rotta, indicando la maschera in lattice da strega incastrata fra i sedili posteriori.

Il carrozziere, facendosi strada a fatica tra le lamiere contorte, l’aveva recuperata.

«Grazie», aveva mormorato Savino stringendola al cuore. Poi aveva firmato le carte e se n’era tornato mestamente a casa.

«Vado a metterla sul suo letto», aveva singhiozzato Ada prendendola dalle mani tremolanti di Savino.

Ada aveva iniziato a procurarsi i dolcetti, da offrire ai bambini che avessero suonato alla sua porta, ancor prima che nascesse Rosita, aveva proseguito anche quando la figlia ormai adulta festeggiava Halloween con gli amici in discoteca e non aveva smesso nemmeno negli anni che seguirono il tragico evento.

«Ricordati i dolcetti per Rosita e gli altri bambini», si era raccomandata con il marito pochi giorni prima che la morte la rapisse a lui e la liberasse dal dolore interiore, e dal male cattivo e insolente scoperto solo due mesi prima.

Savino le aveva promesso che nulla sarebbe cambiato. Così, da ormai tre anni, il giorno prima di Halloween era d’uso recarsi al “Bennet” per comprare i dolcetti che, dopo averne posati qualcuno sul letto accanto alla maschera da strega della figlia, avrebbe offerto ai bambini, in verità pochi, che avessero suonato alla sua porta.

 

Camminando lentamente, guardando distrattamente le vetrine del centro commerciale, ripassava mentalmente la scarna lista della spesa: le solite quattro cose che rammentava benissimo senza doversele scrivere.

Entrò nel supermercato, prese una delle ceste in plastica rosse e s’incamminò tra gli scaffali.

Prelevava quasi automaticamente pasta e quant’altro gli servisse dagli scaffali osservando, smarrito, una coppia di anziani controllare i prezzi applicati sul bordo dei ripiani. “Sono stanco, Ada, la solitudine è una gran brutta bestia… invecchiare insieme, nonostante quello che ci è capitato, sarebbe stato comunque, perlomeno accettabile… ma così, no! E’ una tortura continua, non ce la faccio più”, rifletteva guardandoli dibattere su cosa sarebbe stato più conveniente prendere.

«Pasta, riso, insalata, formaggio… c’è tutto…» disse controllando la merce dentro la cesta. «Ah! Che sbadato… mi scordavo i dolcetti», fece battendo i polpastrelli dell’indice e del medio della mano destra contro la fronte.

La direzione, per stimolare la curiosità e il desiderio dei più piccoli, sicché i grandi le comprassero, aveva sistemato strategicamente maschere e quant’altro riguardasse Halloween nella stessa corsia dei dolciumi, sugli scaffali di fronte.

Savino entrò nella corsia puntando lo sguardo alla sua destra, sugli scaffali dei dolciumi. Solamente quando raggiunse e prese ciò che andava cercando, voltandosi per tornare indietro si accorse delle maschere in lattice appese alla scaffalatura che parevano guardarlo.

«Mah! Non è possibile… come ci è arrivata fin qui?» si chiedeva sconvolto, osservando attentamente una maschera da strega.

Un rapido flashback mentale lo riportò dal carrozziere, che mostrandogli lo sbrego sulla guancia della maschera appena recuperata, gli diceva: «Mi spiace, era incastrata, ho dovuto tirarla e si è strappata».

«Lo stesso strappo, nello stesso punto… E poi il colore, consunto dal tempo…» diceva ansimando.

Improvvisamente, i rumori e il vociare dentro il supermercato si spensero. Savino vide una gran luce scendere dall’alto. Poi tutte le maschere si staccarono dagli scaffali e iniziarono a roteare vorticosamente intorno a lui. «Sei tu, Rosita!» esclamò allungando la mano per afferrare la maschera da strega, senza peraltro riuscirci.

Ci provò di nuovo due, tre volte. Ma ogni volta la mano attraversava la maschera senza riuscire ad afferrarla.

 

«Mamma! Mamma!» la voce stupefatta di un bimbo ruppe l’incantesimo.

«Cosa c’è, Robertino?» chiese la madre arrivando trafelata spingendo il carrello, dentro al quale aveva sistemato spesa e figlia più piccola.

«Le maschere stavano facendo un girotondo», rispose il piccolo indicandole.

Savino osservò la madre. «No signora, non è fantasia infantile, le assicuro che le ho viste anch’io», disse. Ma né la madre, né tantomeno i due bimbi sembrarono udirlo.

Allora provò ad avvicinarsi. «Ma che mi succede, non riesco a staccarmi dallo scaffale!» esclamò spaventato.

Volse lo sguardo a destra. «Rosita, tu sei qui», disse commuovendosi, guardando la maschera da strega appesa lì accanto.

Guardando in alto gli parve di vedere sua moglie sorridergli. «Ada… finalmente ci siamo riuniti», disse sospirando, tacendosi subito dopo.

 

«Voglio quella maschera lì», fece il bimbo indicandola.

«Ma che te ne fai, è brutta, sembra un vecchio che piange…», disse la madre osservandola perplessa. «Prendi questa, da zombie, è più in tema», aggiunse mostrandogliela.

«No! O quella, o niente!» s’impuntò il piccolo mettendo il broncio.

«Va bene», sospirò la madre, staccandola dallo scaffale e buttandola nel carrello.

«E tu, Sara, quale maschera vuoi?» chiese alla bimba seduta nel carrello.

«Quella da strega», rispose felice, indicandola.

«Ma è vecchia e rotta, non vedi? Che te ne fai… prendi quella da vampiro», provò a convincerla la madre, indicando lo sbrego sulla guancia.

«No, no, no! Non mi piace il vampiro. Voglio strega!» singhiozzò la bambina.

«Va bene, va bene, non piangere», la rincuorò accarezzandola. «Toh, sei contenta?» le chiese poi mettendola nel carrello.

«Sì», fece lei asciugandosi due grossi lacrimoni.

La madre sorrise e spingendo il carrello si avviò verso le casse.

 

Mentre attendeva che chi la precedeva terminasse di pagare il conto, udì urlare: «Correte, sta male!»

Cassiere e clienti in attesa volsero lo sguardo tra gli scaffali dove stavano accorrendo i commessi.

Ogni attività cessò all’instante, clienti e cassiere cercavano di capire cosa stesse accadendo. Poco dopo sopraggiunse un commesso. «Un vecchio si è sentito male nel reparto dolciumi», informò la cassiera.

«Come sta?» domandò lei.

«Temo che sia andato», rispose il commesso allontanandosi.

«Così è la vita», sospirò la cassiera, consegnando resto e scontrino al cliente in attesa.

«Mah, le maschere, dove sono finite?!» esclamò la madre, iniziando a svuotare il carrello sul banco della cassa.

«Le avevo messe sopra la pasta; una da strega e un’altra… un po’ strana… un vecchio che piangeva», spiegò alla cassiera.

«Impossibile!» esclamò lapidaria lei. Spiegando all’esterrefatta madre che: «Le maschere da strega le abbiamo finite due giorni fa… E quelle da vecchio che piange, no, non le ho proprio mai viste».

 

                                                                  FINE  

 

 

 

 

 

      

 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2018-10-26 09:21:06
Le maschere mirano sia a nascondere sia a svelare ed è qualcosa su cui ci siamo soffermati un po' tutti. In tutte le culture e tutte le epoche, in tutto il mondo, sono esistite feste in maschera legate a precise ricorrenze agricole e sociali: da noi il Carnevale, nei paesi anglosassoni Halloween e potrebbe dirsi che la diffusione di questa tradizione da noi abbia riavvicinato due feste con una genesi molto simile. In questo racconto la maschera diventa un feticcio funzionale al disvelamento di una dimensione, appena suggerita in cui l'unità familiare del protagonista si ricompone e lui trova la pace. Lo ricordavo, ma l'ho riletto volentieri. E oggi parlo di maschere anche io.

Vecchio Mara il 2018-10-26 21:15:50
questo è il primo dei due racconti su Halloween in cui la maschera assume un ruolo centrale... l'altro, il più recente, se non sbaglio dovrebbe avere un paio d'anni, lo posterò settimana prossima. E anche lui, come questo, non è propriamente un horror, ma un percorso di dolore di una famiglia che si riunirà nella notte di Halloween. Ti ringrazio. Ciao Rubrus.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
90Peppe90 il 2018-10-26 10:07:57
Lo ricordavo pressoché alla perfezione, una piacevolissima rilettura, un storia triste che però riesce a regalare un fiducioso sorriso nel finale. Particolarmente efficace il modo in cui hai impiegato funzionalmente le maschere, ma su questo si è meglio espresso Rubrus. La comparsa della "maschera del vecchio che piange", il modo in cui viene presentata in scena, l'ho trovato uno dei picchi emozionali del racconto. Infine, non ho potuto fare a meno di notare la tua impressionante evoluzione stilistica: il tuo stile attuale è molto più lineare, scorrevole, coinvolgente rispetto a quello passato, con frasi "spezzate" anche per mezzo di un massiccio uso di virgole. Grandissimo, GC, alla prossima!

Vecchio Mara il 2018-10-26 21:28:25
Scrivere è come andare in bici, è tutta questione di allenamento e di applicazione, si evolve sempre sino a raggiungere il massimo delle nostre prestazioni fisiche, o mentali.... poi bisogna stare attenti a non esagerare, altrimenti si potrebbe innescare un processo d'involuzione. Ti ringrazio. Ciao Peppe

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Paolo Guastone il 2018-10-26 10:57:06
Me lo ricordavo proprio così: tenero, struggente e malinconico. Ma non triste perché, alla fine, tutte le tessere del puzzle sono giustamente collocate al loro posto svelando un dipinto bellissimo che, come genitore, mi fa alzare la pelle, ma comunque bellissimo e perfettamente in linea con il tuo stile.

Vecchio Mara il 2018-10-26 21:24:32
Un finale migliore, per chi ha tanto sofferto il distacco dalle persone amate, non avrei potuto immaginarlo... sperando che sia veramente così, quando verrà il tempo di andare a sbirciare cosa c'è oltre la maschera. Ti ringrazio. Ciao Paolo.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
il 2018-10-28 09:11:32

Bel racconto, e pure originale e in tema col momento. Il brano sciorre veloce e prende il lettore, incuriosito da come potrà finire una storia tanto struggente...e la fine è quanto di meglio ci si poteva aspettare, triste e allo stesso tempo la più auspicabile. Come sempre la narrazione è precisa nelle descrizioni e nella punteggiatura, e come al solito c'è un refuso....ahahahahah...smarito al posto di smarrito. Ciaociao

Vecchio Mara il 2018-10-28 11:19:37
Eh, ormai il mitico refuso è diventato il mo marchio di fabbrica. Detto ciò, sono favorevolmente stupito dall'attenzione che metti nel leggere i testi, non è da tutti, Non posso che complimentarmi per la lettura approfondita che dedichi ai testi degli autori. E naturalmente ringraziarti per il tempo e i commenti che dedichi anche ai miei. Ciao Giacomo, ora vo a correggere il solito refuso.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Massimo Bianco il 2018-10-28 12:08:34
Bello !

Vecchio Mara il 2018-10-28 20:55:02
Grazie! Ciao Massimo

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO