701 OPERE PUBBLICATE   3439 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

La cena delle beffe

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di Vecchio Mara

pubblicato il 2018-10-17 10:19:18


La cena delle beffe

 

Dalla vetrata della saletta riservata del ristorante si poteva vedere la pista della discoteca, sita al piano inferiore, dove in un ambiente addobbato in stile simil-gotico, ragazze paludate con lugubri tuniche da strega e altri costumi orripilanti si dimenavano confrontandosi con ragazzi simil-vampiro o simil-zombie.

Seduti attorno alla tavola imbandita, tre uomini e le rispettive consorti con indosso anch’essi costumi a tema, dopo alcune portate bagnate con dei bianchi e dei rossi sapientemente abbinati, stavano arrivando al punto della cena in cui, complice le abbondanti libagioni, la conversazione cambia repentinamente registro e si comincia a spiattellarsi in faccia verità nascoste.

Alla cena generosamente offerta, così come i costumi affittati per l’occasione, dall’unico che se lo poteva permettere, ovvero Marco, quarantenne imprenditore che, come si suole dire, si era fatto da solo, sarebbe poi seguita una puntata in discoteca.

Alla destra di Marco sedeva la minuta e diafana Ersilia, sua moglie. Alla sua sinistra Gianni, affiancato dalla moglie, l’atletica e abbronzatissima Luisa, assidua frequentatrice di palestre e centri benessere. E a seguire, Edoardo con sua moglie, la procace Bruna, i cui ricci corvini e i grandi occhi color nocciola tenuti costantemente spalancati addosso all’interlocutore, ispiravano spesso cattivi pensieri.

Li univa un’antica amicizia, nata sui banchi di scuola, il fatto di essersi sposati attorno ai vent’anni e di essere diventati presto padri. Li divideva l’odio di classe.

Il collante che teneva insieme questa strana alchimia di sentimenti contrastanti, era null’altro che reciproca convenienza. Conveniva, a Edoardo e Gianni, tenersi buono l’amico ricco per godere anch’essi della sua ostentata opulenza. Così come conveniva a Marco invitare i due a cena, o a qualche fine settimana nella sua villa al mare, in modo da poterla esibire, la sua opulenza. Un’opulenza sfacciata, che invece di far sgranare occhi stupefatti, avrebbe sicuramente fatto storcere il naso agli imprenditori con i quali era solito confrontarsi nel mondo degli affari.

Chi fosse il capotavola, ovvero chi aveva invitato al suo desco i riluttanti amici, nonostante la tavola fosse rotonda era facile da comprendere anche a occhi chiusi; sarebbe bastato ascoltare le loro conversazioni: Marco era quello più sicuro di sé; il più arrogante, se vogliamo.

 

«Cosa c’è, rompicoglioni! Il vino non è di tuo gradimento?» lo apostrofò ironicamente Marco: alzando il bicchiere per l’ennesimo brindisi si era accorto che Edoardo era perso nei suoi pensieri.

Questi guardò la moglie, che lo incoraggiò accennando un sorriso.

In fondo aveva accettato l’invito per un motivo, uno soltanto, e quello del poco amato Marco pareva un assist da sfruttare. «E’ da un mese che sono a spasso», rispose in un sospiro chinando il capo, quasi avesse a vergognarsene.

«Ti hanno licenziato?!» esclamò Marco stupefatto. «Come, perché?» domandò poi posando il bicchiere.

Edoardo si strinse nelle spalle. «Boh! Dicono che il lavoro è calato… che c’è la crisi!»

«Ma quale crisi! E’ una scusa bella e buona! Non c’è mai stato tanto lavoro come ora!» sbottò Marco. Volse lo sguardo su Gianni. «Tu lo sapevi?» gli chiese seccamente.

Gianni si limitò ad annuire.

«C’incontriamo ogni lunedì, perché non me ne hai parlato?» insistette Marco.

Gianni faceva il rappresentante di articoli per ufficio e Marco era uno dei suoi migliori clienti.

«Perché pensa solo ai suoi affari!» saltò su Edoardo guardandolo torvo.

Calò un breve silenzio. Bruna, serrandogli l’avambraccio, fece capire a Edoardo che non era il caso. Marco fissò prima uno poi l’altro. «Già… gli affari», fece tamburellando con le dita sulla tovaglia.

«Non lo puoi aiutare?» domandò timidamente Ersilia.

Marco la fulminò con lo sguardo e lei si ritirò in buon ordine.

«Mi andrebbe bene anche un posto da magazziniere», precisò Edoardo, prendendo la palla al balzo.

«Magazziniere, eh?» fece Marco ghignando. «Perché non ce lo trovi tu, un posto nella tua azienda!» aggiunse rivolgendosi all’altro.

«Io?» fece Gianni cadendo dalle nuvole. «Ma se devo lottare ogni mese con il budget per non farmi cacciare!»

«Siamo messi bene: uno è in mezzo alla strada e l’altro ci sta andando dietro!» sbottò Marco versandosi dell’altro vino. Lo ingollò e proseguì sarcastico. «Ma guarda te se dovevo invitare due falliti alla cena di Halloween… fate più paura voi, che tutti quelli che ballano laggiù truccati da mostri!» e giù una grassa risata.

«Smettila!» proruppe Luisa. «Mio marito non è un fallito! Non puoi trattare così i tuoi amici perché tu hai avuto fortuna e loro no!»

Marco le dedicò uno sguardo pietoso. «Si chiama abilità…», fece appena in tempo a dire, prima che il cameriere entrando con un vassoio cristallizzasse la scena.

Attesero in silenzio che servisse le coppe di gelato, e quando se ne fu andato, Marco riprese in tono pacato: «Fortuna e sfortuna, sono solo scuse, buone per tirar su il morale degli incapaci. Eppure le donne sanno apprezzare meglio degli uomini l’abilità… in ogni campo…» immerse l’indice nella coppa di gelato, lo succhiò. «Non è forse così, Bruna?» domandò sibillino rivolgendosi alla moglie di Edoardo.

«No… non credo… non chiederlo a me», biascicò lei arrossendo.

«Lascia in pace mia moglie!» gli intimò Edoardo.

«Basta, ti prego», intervenne Ersilia con filo di voce. Bastò uno sguardo obliquo di Marco a ricacciarla nel suo cantuccio.

«Sì, dai Marco, falla finita, siamo venuti qui per divertirci; ci siamo pure messi in maschera per passare una serata in allegria. Gustiamoci il gelato e poi scendiamo giù è vediamo di concludere come avevamo iniziato», intervenne Gianni cercando di porre fine alla discussione.

Marco lo fulminò con uno sguardo che era tutto un programma. «Quali maschere, quelle dell’ipocrisia che portate abitualmente?» ribatté vagando con lo sguardo all’intorno. Puntò l’indice contro Gianni. «Racconta anche al tuo grande amico… di fallimenti, quello di cui ti sei vantato con me?»

Gianni avvampò. «Ora ne ho abbastanza!» sbottò alzandosi. «E’ ubriaco, andiamo, Luisa», aggiunse rivolgendosi alla moglie. «Voi che fate, restate?» domandò poi all’altra coppia.

Luisa rimase seduta, così come fece Edoardo, mentre Bruna si alzò e si rivolse al marito: «Che fai? Non vieni? Non vedi che mi sta insultando… non capisco per quale motivo, ma vuole farci litigare», concluse impacciata.

Marco notò lo sguardo corrucciato di Luisa. «E tu, Luisa, cosa vuoi fare? Andartene, o conoscere la verità?»

Luisa piantò uno sguardo tagliente dentro gli occhi di Bruna, che li abbassò. «La verità… voglio sapere tutto, vai avanti, Marco», rispose tenendo gli occhi addosso a Bruna.

«Ebbene…» esordì Marco, Infilò di nuovo l’indice nella coppa di gelato, lo portò alle labbra, lo succhiò e concluse soddisfatto, «sembra che alla nostra sensuale Bruna… piacciano particolarmente certi lavoretti di lingua…»

Edoardo balzò in piedi. «Bastardo! Chiedi immediatamente scusa a mia moglie!» proruppe sporgendosi in avanti piantando i pugni in mezzo al tavolo, rovesciando inavvertitamente un paio di bicchieri.

Istintivamente Marco si ritrasse appiattendosi contro lo schienale della sedia: il fisico palestrato di Edoardo un certo timore lo incuteva.

Temendo il peggio le donne urlarono stridule.

Marco non si scompose, riavutosi dall’attimo di sbandamento indicò con l’indice Gianni che osservava la scena impietrito. «E’ lui che si dovrebbe scusare… non con tua moglie, ma con te», sentenziò con calma irridente.

Edoardo si tirò su, si avvicinò a Gianni e gli chiese in tono gelido: «Come stanno realmente le cose?»

«Ne parliamo domani, stasera siamo tutti un po’ troppo alticci», rispose lui, provando nuovamente a mettere la sordina alla scottante faccenda.

«No! Adesso! Lo voglio sapere ora!» urlò Edoardo.

Gianni rimase in silenzio.

Allora si rivolse alla moglie. «Coraggio, Bruna… è come penso io?»

Bruna si limitò ad abbassare lo sguardo, arrossendo.

Luisa si alzò di scatto e si porto alle spalle di Bruna. «Puttana! Puttana! Puttana!» urlava stridula, colpendo con una gragnuola di pugni la testa riccioluta di Bruna. La quale, stringendosi il volto tra le mani, la implorava singhiozzando: «Basta, ti prego… scusami… scusami… ti prego…»

«Lasciala, le stai facendo male!» esclamò Gianni afferrandole i polsi.

Luisa lo fulminò con uno sguardo feroce. «La difendi pure, la tua amante! Mi fai schifo, fate tutti schifo!» e corse fuori dalla saletta.

Gianni puntò l’indice tremante contro Marco, che si godeva il trambusto sorridendo beffardo. «Questa me la paghi…» e corse dietro a sua moglie.

«Vai, vai a consolare la tua mogliettina, pezzente!» gli urlò dietro Marco, e giù risate.

Bruna scosse il capo e se ne andò con il mento tremolante senza proferire verbo.

«Gran bella notte di Halloween… che ne dici, Edoardo, ti è piaciuta? Non vai a consolare la tua fedele mogliettina?» domandò in tono sarcastico. Poi ingollò un altro bicchiere di vino.

Edoardo, che aveva assistito all’uscita di scena di due streghe e un azzimato vampiro immobile come una cariatide vestita da zombie, indicò con lo sguardo Ersilia. «Sei così sicuro che tua moglie non abbia nessun scheletro nell’armadio? No, scusa, intendevo dentro il letto!»

Il sorrisetto ironico si spense, lo sguardo di Marco si fece torvo. «Ersilia», disse soltanto, e tanto bastò.

Ersilia si alzò e corse fuori piangendo.

«Che fai, grande uomo, non corri a consolare la tua dolce metà?» domandò Edoardo, usando le sue stesse armi.

Marco fissava la tavola imbandita, le sedie vuote, i piatti vuoti, i bicchieri vuoti, il gelato che si stava sciogliendo nelle coppe. «Con chi?» domandò con un filo di voce.

«Non avrebbe potuto farti un dispetto peggiore… ti avesse tradito con un capitano d’industria, l’avresti forse appuntata al petto come una medaglia al valore. Ma con uno che tu giudichi un fallito… questo no, non te lo doveva proprio fare», rispose Edoardo con una calma esasperante, girando e rigirando il coltello nella piaga mentre gli si avvicinava.

«Mi ha tradito con te», realizzò incredulo.

«Lo so, è dura… devi fartene una ragione», ribatté Edoardo appoggiandogli una mano sulla spalla. «Addio, Marco», concluse in un sospiro.

«Aspetta!» esclamò Marco.

Edoardo, ormai prossimo alla porta, si voltò.

Marco seduto al tavolo gli dava le spalle. «Quale sarebbe il dispetto peggiore che la moglie di un fallito potrebbe fare al marito?» domandò tranquillamente guardando la coppa di gelato davanti a sé

Edoardo subodorò la trappola. «Non ne ho idea!» tagliò corto afferrando la maniglia della porta.

«Andare a letto con l’amico odiosamente ricco!» esclamò Marco senza voltarsi. «Fosse andata a letto solo con l’amico tuo pari, l’avresti anche potuta perdonare, ma così… come si fa…»

«Ti stai arrampicando sugli specchi», lo interruppe Edoardo aprendo la porta.

«Se ti può consolare saperlo, ti posso garantire che anche il comportamento della moglie del tuo caro amico non si può definire specchiato… Chi credi che paghi i conti salati della palestra e del centro estetico che frequenta un giorno sì e l’altro pure? Gianni con le misere provvigioni che raccatta vendendo carta e penne?» proseguì Marco ostentando un’insopportabile protervia.

Edoardo trasse un profondo respiro. «Ti stai inventando tutto», ribatté poi stringendo i pugni.

Ma il respiro ansioso e il tono poco convinto, spinsero Marco a sferrare il colpo decisivo. «Vuoi che ti descriva i soggetti e i punti esatti del corpo dove si trovano i graziosi tatuaggi di Bruna?»

«Vaffanculo! Bastardo!» latrò digrignando i denti Edoardo, prima di andarsene sbattendo la porta.

Marco sorrise amaro. «Ci siamo fatti davvero male, tutti quanti… è stata davvero una serata mostruosa, degna di Halloween, oserei dire.»

Poi ingollò il bicchiere della staffa, si alzò e, uscendo, chiosò: «Vediamo di toglierci ‘sto costume da gran cornuto!»

Marco indossava un costume da diavolo, accessoriato di coda e corna!

 

                                                                   FINE

    

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2018-10-17 16:06:47

Il racconto è pulito, lineare, con un sottotesto evidente, ma non invadente (siamo mostri anche senza bisogno di maschere) e con un pizzico di sarcasmo che non guasta. C'è un refuso all'inizio - da l\'unico invece che dall\'unico - e la punteggiatura dl paragrafo che inizia con "il collante\ mi desta qualche perplessità. Piaciuto, ciao.

 

PS. chissà perchè se ne parla sempre poco, ma i titoli sono importanti quindi spendo due parole: "La cena delle beffe", anche senza stare a scomodare il film ("e chi non beve come me peste lo colga") mi pare forse un tantino "rivelatore".   Boh. 

Vecchio Mara il 2018-10-17 17:17:10
Ho messo a posto il refuso. Poi ho letto e riletto il paragrafo incriminato, l'unico punto dove mi pare ci sia un'eccesso di punteggiatura sono le due virgole che magari avrei potuto non mettere fra: Conveniva, a Edoardo e Gianni, Oppure ti riferisci a qualche altro punto? Per quanto riguarda il titolo, invece, avevo pensato a : La cena di Halloween, ma mi sembrava troppo rivelatore, ancorché ingannevole, visto che il tema trattato. Ti ringrazio. Ciao Rubrus

Rubrus il 2018-10-17 17:47:59
Ciao come titolo - ma prendila così eh? - io ho pensato a "La mascherata"; nella frase, che non posso incollare, il problema sono due segni di interpunzione tra soggetto e verbo, cioè " il collante che teneva insieme era": secondo me la virgola va tolta, così come va tolto il punto e virgola successivo dopo "mare". Incollo, perchè viene spiegato meglio di quanto possa farlo io, questo pezzo, anche se noterai che alla fine viene lasciata una certa libertà perchè la lingua non è la matematica, anche se non deve diventare una scusa :
Nella lingua italiana tra soggetto e predicato non dovrebbe mai esserci la virgola (così come tra verbo transitivo e complemento oggetto). Quindi si scrive:
Gianni mangiava la mela.
e non
Gianni, mangiava la mela.

Ovvio, vero? La faccenda si complica in frasi più articolate dove soggetto e predicato si allontanano tra loro.

La giovane Maria e la sua magrissima sorella, stavano facendo la spesa.

È una frase “sbagliata”, perché la virgola divide il soggetto (La giovane Maria e la sua magrissima sorella) dal verbo (stavano facendo).
Questo capita, spesso, perché, quando leggiamo ad alta voce frasi del genere, ci viene naturale fare una pausa nel punto dove qui è stata inserita la virgola. E quella pausa nella lettura esiste, piccola e delicata, per dare enfasi al soggetto, ma non deve essere segnalata da una virgola, perché gli elementi nucleari di una frase non devono mai essere separati tra loro.

Insomma, tra moglie e marito non mettere il dito e tra soggetto e predicato non mettere la virgola.

Ci sono casi, però, in cui la virgola tra soggetto e predicato è necessaria. Questo avviene solo quando c’è un inciso e pertanto le virgole sono minimo due.

Alfredo, con il suo cinico sguardo, osservava Agata piangere.

In questo caso, due virgole dividono il soggetto dal suo predicato, ma esse racchiudono un inciso, cioè una parte che può tranquillamente essere omessa, infatti, si può dire:

Alfredo osservava Agata piangere.

Ed ecco sparite tutte le virgole tra soggetto e predicato.

C’è, però, una bella notizia per tutti coloro che vogliono continuare imperterriti a usare la virgola come pare e piace a loro.
Ogni segnale di interpunzione (e anche la virgola dunque) ha la funzione di segmentare un testo per renderlo più comprensibile, nonché la funzione di dare intonazione al testo (soprattutto nel caso del punto di domanda o interrogativo). I segnali di interpunzione hanno, però, anche una funzione enunciativa, cioè quella di separare l’elemento informativo debole di una frase da quello più importante e/o di riprodurre le pause intonative del parlato (un po’ come nella frase di Alfredo e Anna).
In tutti i tipi di testi, prevale la formalità del contenuto e quindi l’uso della punteggiatura secondo le regole canoniche. La letteratura, però, è l’unico campo in cui un autore può scegliere di usare la punteggiatura con funzione enunciativa, quindi, se fate qualche stravaganza nell’uso della punteggiatura, potete sempre appellarvi a questa eccezione valida quasi esclusivamente per noi scrittori!

Io sono dell’idea che la punteggiatura nello scritto debba seguire le sue regole e non quelle della lettura ad alta voce (infatti, quando preparo un testo da leggere in pubblico, segno le pause che spesso coincidono con i segni di interpunzione, ma altrettanto spesso no). Comunque, se Manzoni ne “I promessi sposi” ha usato la punteggiatura per replicare le pause del parlato (es. Renzo, s’incamminò con la sua pace…), chi sono io per criticare?

Insomma, le regole ci sono, chiare ed esplicite, ma esistono anche mille concessioni per creare nuove eccezioni.

Vecchio Mara il 2018-10-17 18:23:36
Le regole ci sono, ma gli scrittori le applicano in modo molto lasco, mi par di capire. Se poi penso a Céline, mi verrebbe da dire che si è inventato regole tutte sue nello scrivere il suo capolavoro; infatti l'editore voleva far revisionare il testo ma lui si oppose dicendo che non se ne parlava, perché senza le sue pause il testo sarebbe stato stravolto. Detto ciò, la prima virgola l'ho messa perché leggendo la frase mi veniva naturale fare una pausa per respirare. Per quanto riguarda il punto e virgola, ho iniziato a scrivere: Così come conveniva a Marco invitare i due a cena, (ho riflettuto e poi ho aggiunto) o a qualche fine settimana nella sua villa al mare (in pratica l'ho considerato alla stregua di un inciso) e poi ho messo il punto e virgola (forse avrei dovuto usare una virgola?) e ho proseguito. Ora mi chiedo, la prima virgola come dici tu si potrebbe togliere, anche se lì mi viene naturale una pausa. Ma il punto e virgola, non potrei sostituirlo con una virgola, considerando quello che c'è nel mezzo un inciso? E' complicato seguire alla lettera le regole, quando rileggendo ciò che hai scritto in quel punto ti senti di fare una pausa, o un inciso.

Rubrus il 2018-10-18 12:34:35

Naturalmente si fa per conversare. Sia ben chiaro che non voglio insegnare niente a nessuno.



Ciò premesso, parto.



Mi rifaccio a un’osservazione di Marco Malvaldi: i segni d’interpunzioni non sono solo pause, ma anche operatori logici.



Il tutto sarà più chiaro con un esempio: prendiamo la frase:



il maestro dice lo studente è un asino



che bello, una frase senza segni d’interpunzione, così fastidiosi e complicati da gestire.



Però può essere letta così:



1. il maestro dice: “Lo studente è un asino”.



oppure così:



2. il maestro, dice lo studente, è un asino



I due punti sono una pausa, e anche le virgole, ma sono delle pause ben diverse che, come si vede, cambiano totalmente il senso della frase a seconda della posizione in cui sono messe e, nel parlato, del tono della frase perché quella più importante è detta con maggior enfasi, magari a volume più alto.



L’enfasi, però, nella lingua non si sente ed ecco perché, anche se le tre pause possono avere durata uguale, si usano segni di punteggiatura differenti.



Quindi la durata della pausa è importantissima, ma non è tutto e ci sono altri fattori che entrano in gioco.



Veniamo adesso alla tua frase “conveniva a Marco invitare i due a cena oppure alla sua villa al mare in modo da poterla esibire la sua opulenza”.



Allora: “oppure alla sua villa al mare” è evidentemente un inciso: la principale ”conveniva a Marco invitare i due a cena” sta in piedi da sola anche senza l’inciso, che (se ben ricordo l’analisi del periodo) è un frase disgiuntiva perché pone un’alternativa tra l’invitare i due a cena oppure alla villa. L’alternativa però è messa “dentro” la principale e quindi è posta all’interno di due pause... ma queste due pause sono di uguale durata, quindi virgola prima, virgola dopo. A riprova del fatto che sia un inciso si consideri che, al posto delle virgole, potrebbe esserci benissimo una parentesi, cioè un segno di interpunzione unico, graficamente separato in due. La frase potrebbe essere benissimo “conveniva a Marco invitare i due a cena (oppure alla sua villa al mare)”. Sceglie l’autore il segno da usare e, secondo me, lo sceglie in base all’importanza che dà all’inciso: le parentesi sono un segno piuttosto forte e tendono a far scomparire quello che sta al loro interno – quindi secondo me bene hai fatto a usare le virgole, perché credo che le due alternative siano  importanti quasi allo stesso modo.



Il periodo però prosegue con una preposizione (sempre se ben ricordo l’analisi del periodo) consecutiva



conveniva a Marco invitare i due, a cena oppure alla sua villa al mare, allo scopo di, al fine di (molto meglio il semplice “per”)  poterla esibire la sua opulenza.



Ora: io non sento nessun cambio di registro tra le due proposizioni, principale e consecutiva, né nessuna pausa, quindi, secondo me, basta la virgola che chiude l’inciso.



Tu però senti una pausa più forte e, sia ben chiaro, è un’alternativa parimenti dignitosa.



A questo punto, quale segno di interpunzione infilarci?



Ci potrei mettere i puntini di sospensione (io non li amo affatto), come se la frase fosse:



conveniva a Marco invitare i due a cena, oppure alla sua villa al mare, aspetta che te lo dico eh?  per poterla esibire la sua opulenza.



La frase quindi diventa:  



conveniva a Marco invitare i due a cena, oppure alla sua villa al mare... in modo da poterla esibire la sua opulenza.



Però a questo punto vado a compromettere un po’ la chiarezza dell’inciso, che inizia con un segno di interpunzione e finisce con un altro. A mio parere, pertanto, la formulazione ideale resta



conveniva a Marco invitare i due a cena, oppure alla sua villa al mare, per poterla esibire, la sua opulenza



Eh sì, perché l’ultima virgola, quella prima di “la sua opulenza” ci vuole proprio: dici che cosa Marco voleva esibire e lo dici dopo una breve pausa che serve a creare aspettativa.



Vabbè, tutto questo, lo ripeto, per conversare: lo scrittore può usare la punteggiatura con una certa libertà. Se decide di non attenersi ai codici comuni, cioè quelli che consentono di comunicare nel modo più chiaro e preciso possibile, deve tuttavia accettare il rischio che il lettore legga frasi come “il lettore pensa lo scrittore è un somaro” in modi, diciamo... particolari.    


Vecchio Mara il 2018-10-18 13:18:49
molto interessanti queste tue risposte... sì, dopo aver letto attentamente, mi sono convinto che la frase sarebbe, più o meno giusta e, per renderla perfetta, basterebbe sostituire il punto e virgola con una virgola... operazione che mi appresto a compiere, ti ringrazio per avermi dedicato un po' del tuo tempo, non si finisce mai d'imparare. Ciao Rubrus

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Paolo Guastone il 2018-10-18 11:27:35
Altro che cena delle beffe! Qui c'è l'orrore bello e buono. E, attenzione, non è l'orrore di Halloween, nossignore, è l'orrore subdolo che si prova leggendo le tue parole, le tue descrizioni dei personaggi, le loro vicende e, ahimè, il finale. Non si salva nessuno, ma, sinceramente, avrei preferito che morissero tutti per mano di un mostro aberrante. E invece sono ancora tutti vivi. Ma ormai morti dentro.

Vecchio Mara il 2018-10-18 13:24:04
diciamo pure che è un orrore che si può ritrovare comodamente nella vita reale: invidia sociale, gelosia, rancori eccetera sono questi i mostri che assillano la mente, esacerbando l'animo. Ti ringrazi. Ciao Paolo

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO