701 OPERE PUBBLICATE   3439 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

K2

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di Vecchio Mara

pubblicato il 2018-10-09 15:44:40


K2

 

Sono nato qui, fra queste montagne. E qui, tra borgo e malga ho trascorso tutti quanti i miei attuali trentasette anni.

Il mare non l’ho mai visto, nemmeno da lontano: troppo distante dai miei monti per poterlo vedere da quassù… Rammento che molti anni fa chiesi a mio nonno che lo aveva visto di descrivermi il mare.

Lui, che il mare lo aveva attraversato controvoglia per andare a combattere in Africa, aveva praticamente grugnito: «Per me è stato uno schifo!» e poi aveva proseguito raccontando per la milionesima volta gli anni trascorsi in un campo di prigionia in Texas, raggiunto via mare, e il ritorno a casa nel dopoguerra, sempre via mare.

E quando saltai su dicendogli che le sue storie le conoscevo a memoria e che volevo soltanto sapere com’era il mare… lui mi mollò una sonora sberla. E mentre piangevo toccandomi la guancia che bruciava, mi disse di scendere a valle, di mettermi in mezzo a un ponte e di guardare l’Adige. «Ecco il mare è come l’Adige visto per il lungo! Tu hai avuto la fortuna di nascere in mezzo alle montagne più belle del mondo, cerca di godertele e lascia perdere il mare, che è solo una iattura!» aveva poi concluso lasciandomi di sasso.  

Sia come sia, il mare ho continuato a immaginarlo come l’Adige visto per il lungo; e le estati ho continuato a passarle su, all’alpeggio, prima con mio padre e ora solo con le mie bestie.

Amo la montagna e la percorro sin dove arriva il verde. Ammiro le alte vette e m’inchino al loro cospetto. Ma, a differenza di altri, le temo e non mi avventurerei mai su quelle pareti verticali che puntano al cielo.

Sono ormai due mesi che sto in malga, e ne devono passare altri due prima della transumanza. Quassù, tra mungitura e tutto il resto, di tempo per annoiarti non ce n’è. Nei brevi periodi di pausa, mi diverte osservare gli alpinisti che attraversano i pascoli, carichi di corde e moschettoni appesi agli zaini che sferragliano ad ogni passo, e proseguono con sguardi tesi verso la loro meta.

Poco più in alto dell’alpeggio, dopo un ghiaione in forte pendenza, un pinnacolo verticale s’innalza verso il cielo per più di duecento metri: è quello il loro obiettivo.

Il mio amico Walter lo avrà scalato come minimo duecento volte, quel campanile di roccia. Per lui è un gioco da ragazzi, la usa per tenersi in forma tra un’impresa e l’altra, quella parete lì. Walter è un alpinista di quelli tosti; uno di quelli che può vantarsi di aver conquistato almeno un paio di ottomila.

Quest’anno, poi, ha deciso di regalarsi l’arrampicata dei suoi sogni.

Mi vien da sorridere se penso a quello che ci siamo detti prima che partisse… tre mesi fa, metà aprile o giù di lì, è venuto a trovarmi a casa mia. «Ciao Werner!» ha esclamato allegro. «Partiamo domani, starò via quattro o cinque mesi.»

«Allora hai proprio deciso», ho fatto io preoccupato.

Lui ha riso, mi ha battuto una mano sulla spalla e mi ha detto: «Cos’è quella faccia? Su con la vita, amico!»

«Non riesco a capire…» ho iniziato ad argomentare.

«Capire cosa?» mi ha interrotto lui corrugando la fronte.

«Capire chi te lo fa fare… star via cinque mesi per fermarsi in vetta sì e no cinque minuti… boh!» ho concluso io.

«Chi si è arrampicato a malapena sul seggiolone, non lo può capire… Quando torno ti porto a scalare la guglia dietro l’alpeggio, così ti renderai conto che differenza c’è tra stare cinque mesi in malga con le vacche, e cinque minuti in cima al mondo dopo aver conquistato una vetta», ha ribattuto lui sorridendo ironico.

Punto sul vivo, ho provato a spiegargli come la pensavo, avvitandomi in una risposta, nel tono e nelle parole, più da pastore di anime che di bestie: «Secondo me, il buon Dio ha diviso le montagne per dare agio a ciascuno di trovarsi il proprio spazio. Agli uomini ha riservato boschi e pascoli; e alle aquile le pareti di roccia e le alte vette… Tu non hai le ali, dunque non puoi essere un’aquila… Come reagiresti, se tornando a casa dopo qualche mese, trovassi il tuo spazio, la tua casa invasa da aquile e altre bestiole pennute che vivono tra quelle rocce?»

Quel permaloso del Walter mi ha guardato storto. «Vuoi che ci lasciamo litigando?» mi ha domandato poi a muso duro.

In fondo aveva ragione: non sapendo come ribattere mi sono avventurato in un discorso senza capo né coda. «Ma va’ là… scemo!» ho risposto ridendo, appoggiando il pugno al suo sterno.

Poi ci siamo abbracciati; e lì, ricordando quello che mi aveva detto una volta parlando degli ottomila più complicati, ho sentito un brivido freddo.

Walter ha subito colto nel mio irrigidimento il cambio repentino d’umore, e me ne ha chiesto conto.

«Ti ricordi cosa mi hai detto l’anno scorso parlando degli ottomila più difficili?» gli ho domandato fissandolo negli occhi.

Walter ci ha pensato su, prima di rispondere: «Ti ho spiegato tante di quelle cose, che ora non saprei cosa risponderti… a cosa ti riferisci?»

«Di quattro che conquistano la vetta del K2, tre tornano vivi. Il quarto… o resta lassù, o torna in un sacco! E’ matematico!» ho detto io usando le sue stesse parole, tenendo gli occhi ben fissi dentro i suoi.

Ho visto lo sguardo di Walter farsi preoccupato, l’ho sentito sospirare e poi dire: «Il destino di ognuno è già scritto, non lo puoi cambiare».

«Basterebbe non andare a stuzzicarlo… Se il tuo destino ti aspetta lassù, e non hai nessuna garanzia di essere uno dei tre fortunati che torneranno a valle sulle proprie gambe… rinuncia!» ho insistito.

Walter ha scosso il capo. «No, Werner, non servirebbe. Il destino ti seguirebbe ovunque… anche dentro il comodo letto di casa tua», ha sentenziato. Poi si è fatto pensoso e ha aggiunto, quasi mormorando: «Sfidare il destino facendo quello che più ti piace, non ha prezzo… no, non ha davvero prezzo!» e lì ho compreso che lo stava dicendo a sé stesso.

Non so se lo ha detto per giustificarsi, o per trovare quel briciolo di coraggio che ancora gli mancava… boh!

Stavo per ribattere, ma lui mi ha stoppato: «Ora basta! Questi non sono discorsi da farsi prima della partenza… ne riparleremo quando tornerò!» ha tagliato corto.

«Hai ragione», ho convenuto, prima di passare ad altro.

Abbiamo poi continuato a conversare per una buona mezz’ora, prima di salutarci e darci appuntamento quando sarebbe tornato con lo scalpo del K2.

Andandosene, Walter, puntandomi contro l’indice mi ha detto: «Tieni bene a mente quel che ti dico: alla bisogna, ci si può fare anche aquila… basta crederci!»

 

Ieri faceva caldo, un caldo insolito, su all’alpeggio. Seduto sulla panca all’esterno, mentre ammiravo lo spettacolo della guglia che s’incendia alla luce del tramonto, mi sono chiesto se Walter avesse raggiunto la cima del K2.

A un certo punto mi era sembrato di vedere un uomo, un alpinista in cima alla guglia che si sbracciava… sembrava volermi salutare. Istintivamente mi sono alzato dalla panca e, portandomi in mezzo al prato, ho cominciato ad agitare le braccia anch’io. In quel momento, al culmine dell’enrosadira, ho visto la cima avvicinarsi, come se la stessi guardando attraverso un binocolo… e mettendo a fuoco il volto dell’alpinista misterioso… l’ho riconosciuto. “Walter è tornato sulla sua montagna!” ho pensato agghiacciato.

E’ stata questione di pochi attimi, poi la vetta è tornata al suo posto e l’alpinista che si sbracciava si mostrò per quello che era realmente: un’aquila che sbatteva le ali prima di spiccare il volo.

 

Non dovrebbero esserci dubbi sul fatto che quella vista ieri sera fosse un’aquila… ma chissà perché oggi, a differenza dei giorni e mesi precedenti, pensando a Walter sento una strana inquietudine.

Così continuo a guardare la cima della guglia… l’aquila è sempre là, e quando sbatte quelle ali così simili a braccia che si agitano, sento il sangue gelarmi nelle vene.

 

                                                                 FINE   

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2018-10-09 19:03:34
L'alternativa sui modi di vivere la montagna, tra stanzialità e nomadismo, un po' il dilemma che si agita in "Le otto montagne" di Cognetti,

Vecchio Mara il 2018-10-09 22:53:10
io sarei per una vita tranquilla, dunque, in assenza di impianti di risalita, me ne starei a guardare le vette dal basso sdraiato nel pascolo in mezzo alle mucche. Ti ringrazio. Ciao Rubrus

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
90Peppe90 il 2018-10-10 21:26:48
Qua il cinque, Giancarlo, anch'io sarei più per una vita tranquilla! Sarò pure pigro di mio, senza dubbio, ma questa è una delle attività - nel pieno rispetto delle passioni che ognuno di noi può avere e coltivare - che meno condivido. Ma andiamo al racconto: costruisci bene la vicenda e, soprattutto, la personalità dei due personaggi in ballo, mostrandone i due diversi - e opposti - punti di vista, per poi tirare fuori una conclusione ad alto tasso emozionale, immaginifica, e che mette in risalto le tue abilità nel far emozionare il lettore. Racconto piaciuto. A presto, amico mio, buona serata.

Vecchio Mara il 2018-10-11 10:16:41
Walter aveva detto all'amico che l'uomo alla bisogna avrebbe saputo farsi aquila... è così che è nato il finale "immaginifico", chissà se c'è lo spirito dello scalatore nell'aquila che staziona sul picco e che mette i brividi a Werner? Ti ringrazio. Ciao Peppe.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
il 2018-10-11 07:22:27

Bello, piaciuto molto. Mi ha fatto pensare allo stesso rapporto che esiste fra gli abitanti del mare, pescatori con le reti che non abbandonano mai la barca, ed i sub che invece il mare lo vogliono vivere "tutto". Immagino che Walter sia un riferimento a Bonatti, grande scalatore cjhe nel 1954 scalò proprio il K2. Ti segnalo un refuso, a pag 17: le estati ho continuato a "passate" su...

Vecchio Mara il 2018-10-11 10:25:25
Non ci avevo pensato, hai ragione, esistono due modi opposti per vivere i luoghi dell'anima, siano essi rivolti verso il cielo o verso il profondo mare; un modo più tranquillo e un'altro più avventuroso. Non avevo pensato a Bonatti... ma forse inconsciamente sì, dato che avevo da poco visto un documentario che narrava l'impresa del K2, dove mi pare si affermasse che Bonatti doveva essere tra quelli che raggiunsero la vetta, ma che ci fu una sorta di tradimento, o di gioco sporco da parte dei due che poi la conquistarono. Ti devo ringraziare ancora una volta per l'attenzione che metti nel leggere i racconti, e per la tua premura nel segnalarmi i refusi. refuso che ora vado a correggere. Ciao Giacomo

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Paolo Guastone il 2018-10-11 10:49:50
Le montagne più belle del mondo! Eh si e beati io e te che le conosciamo bene. Il racconto scorre leggero come un ruscello di montagna (...appunto...) e ci mostra la contrapposizione tra due mondi. Uno, rassegnato ma sincero, l'altro, spavaldo ed incosciente. Il tutto condito con la splendida narrazione. E il finale? Alla prima lettura mi era sembrato arrivare troppo presto, ma poi qualcosa ha cominciato a scavare dentro e, con più calma, devo dire che è azzeccatissimo. Crudele e spietata quell'aquila lassù ci svela molte cose.....

Vecchio Mara il 2018-10-11 11:02:45
Quell'aquila potrebbe essere un ammonimento, in tal caso parrebbe voler dire all'uomo "non osare invadere il mio regno, potresti farti molto male!" Oppure un invito ad osare, ad aprire le ali all'aquila che è in te. I due amici l'avrebbero interpretata sicuramente così, in due modi opposti ma entrambi da rispettare, a mio parere. Ti ringrazio. Ciao Paolo

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO