701 OPERE PUBBLICATE   3439 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Vecchio Mara

Mosè e le tavole della legge

"PUNTO E A CAPO"

Racconto

Comico / Umoristico

pubblicato il 2018-09-20 08:12:47

Mosè e le tavole della legge

 

Consapevole che la trattativa sarebbe stata lunga e snervante, Mosè si alzò al sorger dell’alba, salutò Sefora e, dopo aver duramente redarguito il suo popolo dicendo loro di non combinare casini in sua assenza, s’incamminò sul sentiero del monte.

Appena raggiunta la cima del Sinai, si sedette sopra una roccia e guardando il cielo iniziò a trattare con Dio.

«Cento mi sembrano francamente un po’ troppi, mio Signore», obiettò Mosè, opponendosi alla prima richiesta del suo Dio.

Dio, dopo una breve riflessione, convenne che: «Effettivamente, per contenerli tutti, le due tavole dovrebbero essere alte perlomeno due metri. Non riusciresti mai a trasportarle a valle… Nessuno ce la potrebbe fare, ci vorrebbe un grande elicottero da trasporto».

«Cos’è l’elicottero?» chiese Mosè.

«No, niente, dimentica l’elicottero; se anche lo facessi apparire ai tuoi piedi, non lo sapresti pilotare… E se invece che due, ne incidessi venti, di tavole?»

«Portando due tavole alla volta, fanno un totale di dieci viaggi!» sbottò Mosè dopo un rapido calcolo mentale, spaventato dal numero di viaggi da compiere su e giù per il sentiero del monte. «Mio Signore, sono vecchio, già al secondo viaggio schiatterei.»

«Uhm! Vediamo… se riducessi i caratteri, potrei farceli stare in dieci tavole… che te ne pare?»

Mosè scrollò il capo. «Niente da fare. Cinque viaggi su e giù dal monte sarebbero comunque sempre troppi. O si fa con due tavole, riducendo i comandamenti, o non se ne fa niente!» s’impuntò. E prima che Dio trovasse il tempo di ribattere, aggiunse: «E poi i caratteri devono essere grandi: i sacerdoti son tutti vecchi bacucchi mezzi guerci».

«Allora facciamo cinquanta e non se ne parli più!» rilanciò Dio.

«Noo, non si può fare mio Signore. Lo vuoi capire che più di dieci non ne posso accettare?!»

«Mosè!» tuonò Dio. «Guarda che ti pianto in asso in mezzo al deserto, tu e il tuo popolo!»

«Fai come meglio credi, mio Signore!» ribatté Mosè senza farsi intimorire da tuoni e lampi scagliati contro il monte.

Dio si calmò, tuoni e fulmini cessarono. «Ok. Facciamo venticinque, non uno di meno… questa è l’ultimissima offerta, non ce ne saranno altre!»

«None… Mio Signore, proprio per venirti incontro, facciamo dieci… più l’incipit.»

«Più che?!» tuonò Dio.

«L’incipit: una frase, una nota scritta a capo del testo.»

«Vuoi insegnare al tuo Dio? Lo so cos’è l’incipit!»

«Mio Signore, chiedo venia…»

«Ecco, bravo, chiedi venia e statti un po’ zitto che devo riflettere!» lo redarguì duramente Dio, interrompendolo.

Passarono più di cinque minuti prima che Dio decidesse il da farsi. «Va bene, facciamo dieci comandamenti, più quello che tu chiami, incipit.»

«Io sono il signore Dio tuo!» tuonò incidendo la frase nella roccia.

«Questo è il primo comandamento?» chiese Mosè guardando la roccia.

«Mosè! Mosè! E’ l’incipit, no?! I comandamenti arrivano adesso!» rispose sbuffando Dio. E subito dopo tuonò: «Primo! Non avrai altro Dio all’infuori di me!»

«Mah! Questo era già sottinteso nell’incipit!» esclamò stupito Mosè. Poi, vedendo un fulmine cadere accanto ai suoi piedi, aggiunse: «O no?»

«Diciamo che ho voluto ribadire, rafforzandolo, il concetto», rispose Dio. E subito dopo tuonò nuovamente: «Non nominare il nome di Dio invano!»

Mosè appoggiò, incrociandoli, gli indici contro le labbra, scosse il capo e non proferì verbo.

«Ricordati di santificare le feste!» rituonò Dio.

«Seguire questo comandamento, sarà per me e il tuo popolo un vero piacere!» esclamò allegro Mosè.

«Forse non hai ben compreso il senso del comandamento… Guarda che non significa far bagordi, e neanche poltrire tutto il giorno!» precisò Dio, spegnendo il precoce entusiasmo di Mosè.

«Onora il padre e la madre!» tuonò subito dopo.

«Beh, qui sfondi una porta aperta. Questo comandamento l’ho seguito da sempre: pensa che ho lasciato una vita principesca nel palazzo del faraone, per andare a stare, da schiavo, in una catapecchia con mia madre…»

«Basta così! Con chi credi di parlare! Conosco la tua e tutte le alte storie dell’umanità!» lo interruppe, infervorandosi, Dio.

«Non uccidere!» tuonò ancora.

«E come si fa a conquistare la terra promessa senza combattere?» chiese Mosè mettendo su uno sguardo a dir poco perplesso.

«Io sono qui per insegnarti i comandamenti, non la strategia militare», rispose Dio.

«Sì, ma se le tribù autoctone ci attaccheranno, dovremo pur reagire, o no?»

Dio sbuffò. «Senti, Mosè, tu fai quello che devi fare, io farò finta di non vedere. Va bene così?»

«Va benissimo! Ora so come agire.»

«Non commettere atti impuri!» tuonò ancora più forte Dio.

«Ehm! Qui tocchi un tasto dolente. Ci sono un sacco di giovani e graziose donne che vivono in promiscuità con noi, la tentazione di provare qualche approccio è forte, difficile da tenere a bada», gli fece presente Mosè con un tono tra il contrito e il deluso.

«E tu, quando senti la tentazione rincorrerti, scappa da solo in mezzo al deserto… Poi vedi tu come calmare i bollenti spiriti.»

«Intendi… con un solitario?» chiese Mosè, sventolando la mano destra con le dita chiuse a cannocchiale.

Un fulmine sfiorandogli i genitali cadde fra i suoi piedi. «Ho capito… ho capito… chiedo venia», biascicò Mosè.

«Non rubare!» tuonò brevemente Dio.

«Questo per ora è facile da seguire. Oltre al tesoro razziato agli egiziani… ma questo non conta, vero? Oltre al tesoro, dicevo, custodito dai sacerdoti e da guardie armate fino ai denti, non possediamo un soldo bucato», disse Mosè usando un’ironia sottile.

«Non dire falsa testimonianza!» tuonò Dio.

«Non sarà facile inculcare questo concetto; scusa, volevo dire comandamento, nella mente di chi deve essere ascoltato e giudicato da un giudice… imparziale?» commentò Mosè, chiosando esprimendo il suo personale dubbio sull’imparzialità dei giudici.

«Sta a voi scegliere giudici al di sopra di ogni sospetto, in modo che chi dovrà essere giudicato, sentendosi tutelato possa esprimere in modo veritiero la sua versione», lo istruì Dio.

«Non desiderare la donna d’altri!» tuonò subito dopo.

«Ho capito… giacerò accanto a Sefora fin che campo», commentò un abbacchiato Mosè.

«Non desiderare la roba d’altri!» tuonò per l’ultima volta Dio.

«Anche questo facile da seguire, per ora. Più difficile sarà farlo quando la ricchezza inizierà a circolare, in maniera disuguale, fra la gente», concluse Mosè sospirando.

«Le leggi sono state incise nella pietra per essere seguite in ricchezza e in povertà. Ora prendile e vai di corsa dal tuo popolo, che sta combinando uno di quei casini che te li raccomando», chiosò Dio staccando le tavole dalla parete di roccia, prima di andarsene in mezzo a uno sfarfallio di tuoni e fulmini.

Mosè prese le tavole e iniziò a discendere il monte, inconsapevole della poco piacevole sorpresa che lo attendeva a valle.

 

                                                    FINE

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

90Peppe90 il 2018-09-28 19:00:43
Simpatico, leggero e divertente, come dev'essere un racconto simile. Ma non solo. Offre qualche spunto di riflessione, probabilmente pure più di quelli che ho notato io, specie su certe "incongruenze" o contraddizioni in cui le religioni - e, qui, per ovvie ragioni, una in particolare - cadono. Forse l'avevi già postato, ma è comunque stato un piacere (ri?)leggerlo. Ciao, Giancarlo, sempre forte!

Vecchio Mara il 2018-09-28 20:45:18
E' come dici tu, in modo ironico ho provato a spiegare le incongruenze insite nei comandamenti. Sì il racconto l'avevo postato anni fa su Net, ma non ricordo se lo avevi letto. In ogni caso, ti ringrazio d'averlo (ri)letto. Ciao Peppe

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO