685 OPERE PUBBLICATE   3336 COMMENTI   84 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Lepri e conigli (ovvero una tranquilla domenica in montagna)

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di Roberta

pubblicato il 2018-06-11 15:57:43


Piazza bella piazza

ci passò una lepre pazza.

(Claudio Lolli)

 

«Oh! Proprio ieri lungo questa stradina abbiamo visto un leprotto che correva, correva, ma piiiccolo!» dice mia madre, «dovevate vedere che bello. Una meraviglia.» Più tardi scendiamo a piedi lungo il prato in cerca di funghi; camminiamo pian piano, curvi, a testa bassa, spostando con la punta del piede l’erba al bordo del boschetto. Si sente solo il canto degli uccelli.

Ad un tratto mia madre sobbalza: «Oh nooo! Il leprotto!». Azzannato, troncato a metà, del leprotto restano le zampe e la parte inferiore. Una volpe, o forse un cinghialetto. Risaliamo mestamente il prato, senza aver trovato nemmeno un porcino.

Mezz'ora dopo, mi alzo dalla sdraio per vedere se mia madre ha bisogno d'aiuto; è in cucina che prepara il pranzo. «Che peccato per il leprotto», dice, seriamente addolorata. «La natura è crudele.». «È vero. Stavo pensando anch’io al male di vivere di Montale. I resti di un leprotto che l’altra sera correva veloce. Eccolo, il male di vivere.». Mia madre ha un breve lampo negli occhi; annuisce mestamente ("Voi, della razza di chi rimane a terra" è una delle sue citazioni montaliane preferite. Peccato che sia sbagliata: Montale dice "noi", ma mia madre la usa per prendere le distanze dal pragmatismo, che dsprezza profondamente.

«Che c’entra. Il leprotto se l’è mangiato un altro animale, è la selezione naturale», interviene Lorenzo (sedici anni).

«C’entra, c’entra. Spesso il male di vivere ho incontrato / era il rivo strozzato che gorgoglia, / era l’accartocciarsi della foglia / riarsa, era il cavallo stramazzato. E così il leprotto tranciato a metà: è la vita soffocata, impedita, strozzata. Non lo senti dentro, il male di vivere, quando vedi queste cose? E’ talmente evidente! »

«Il male, esiste il male.», sentenzia sommessamente mia madre, con la sguardo assorto. Io penso a Pascoli e al X agosto: “Quest’atomo opaco del male.” Poi penso alla biscia d’acqua annodata che ha fotografato Rebecca, l'inglese trapiantata in Italia. Dice che era troppo agitata per “untide her”. Lorenzo scuote la testa e gli viene da ridere: agitata, addirittura. Per una biscia d’acqua. Ah, la Rebecca! Che commediante!

Eppure la biscia annodata è proprio come il rivo strozzato. Il correlativo oggettivo. Mi sento rimescolare dentro, solo a pensarci.

"Il male esiste." È un momento solenne, lì in mezzo alla cucina, mentre il pranzo cuoce in pentola. Mia madre medita – sicuramente fra poco declamerà “Oh, foss’io teco, e perderci nel verde […]  ghiandaie [...] / gettarci l’urlo che lungi si perde / dentro il (non mi ricordo l’aggettivo)…. ozio dell’aie!”. È un classico, la declamazione di Romagna di Giovanni Pascoli: la sa tutta, dalle elementari. 

Dopo pranzo siamo tutti seduti sulle sdraio, chi al sole chi sotto la fronda. Io vicino a Giorgio, mio nipote. La nonna racconta del leprotto.

Io e mio nipote ci guardiamo. Mi metto la mano accanto alla bocca, girando le spalle a mia madre. «Natura crudele. Povero leprotto. Peccato che abbia appena cucinato un coniglio.» Mio nipote fa per scattare in avanti verso la nonna. Lo fermo: «Sssht! Zitto, zitto, per carità! Non se n’è neanche accorta.»  

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Roberta

Utente registrato dal 2017-11-01

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Dialoghi con Leucò. Il fiore Saggistica

Per chi si scrivono le poesie d'amore Saggistica

IL FUNERALE Narrativa

È così per tutti Narrativa

Senza titolo Poesia

Ipnagogia, o la morte apparente Narrativa

Il bugiardo smascherato Narrativa

Incomunicabilità Narrativa

I corridoi della mente Narrativa

Posseduta platonicamente Narrativa

Minigolf Narrativa

Lepri e conigli (ovvero una tranquilla domenica in montagna) Narrativa

Flipped classroom Narrativa

Il sorriso di David Narrativa

La fortuna premia gli audaci Narrativa

Un sacco di stracci Narrativa

Il diritto al silenzio e la mamma di Woody Allen Narrativa

IL CAPPOTTINO Narrativa

L’atto della creazione poetica ne Il dottor Zivago di Boris Pasternak Saggistica

Pendio, vento di corsa, cenere: una poesia di Pierluigi Cappello Saggistica

Tarocchi (incipit di Eli Arrow) Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Tutto il resto non è che distrazione. Narrativa

In un noioso pomeriggio di novembre Narrativa

UN INCRESCIOSO INCIDENTE (o La Vanità offesa) Narrativa

Paolo e Francesca (Dante perdonami) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Massimo Bianco il 2018-06-12 12:00:23
Un buon finale, ai miei occhi, che dà un perchè al raccontino, al di là del fatto che passeggiare nella natura vedo che vi rende poetici. Lorenzo (sedici anni) ha ragione, indifferentemente dal particolare dell'età: selezione naturale, sì, quel leprotto non è stato sufficientemente bravo a sfuggire a un predatore e perciò smetterà di trasmettere i propri geni ai discendenti, al contrario dei suoi colleghi che riuscirano a sopravvere, talvolta solo perchè più fortunati, talvolta perchè più attenti, veloci, dai sensi più acuti. E la natura naturalmente non è crudele, è neutra, noi siamo quelli crudeli (ma non perchè mangiamo i leprotti, siamo onnivori e, checcè ne pensino i vegani, anche i cibi di origine animale devono far parte della nostra dieta, specie se si è ancora nella fase della crescita. La volpe preda il coniglio per vivere e ne ha mangiato solo la metà o perchè ormai era sazia o perchè, più probabilmente, il vostro arrivo l'ha disturbata. Vabbeh, ho chiacchierato abbastanza: piaciuto. Ciao.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2018-06-12 12:23:12
La natura si fa bellamente beffe di tutti i nostri tentativi di trovare in essa una qualche morale. Poi, vabbè, entra in gioco l'aspetto emotivo per cui un leprotto predato muove certi istinti per via dei "segnali infantili". Fosse stato un sarago non avrebbe detto niente nessuno. Tanto per chiacchierare un po', come fa sotto MB, mi è venuto in mente che, di recente, ho appreso un fatto abbastanza curioso sui Neanderthal. Sappiamo che sono scomparsi dopo l'incontro con la nostra specie, anche se ci è voluto parecchio tempo, addirittura migliaia di anni, ma spesso troviamo seducente, in chiave paleontologica, la lettura alla "Caino e Abele" dell'estinzione di questi nostri cugini.: siamo alle volte portati a epnsare, cioè, che noi siamo sopravvissuti perchè eravamo più cattivi o aggressivi: è probabile, ma recenti studi hanno suggerito che i Neanderthal, fisicamente più forti di noi, avessero alti livelli di testosterone, il che stimola l'aggressività. Per di più, l'analisi dei loro coproliti dimostra che la loro dieta era composta all'80% e più di carne. Se fossero vissuti oggi, insomma, i vegani li avrebbero sterminati. Morale: mangiamoci tutti i conigli che vogliamo, basta che non arrechiamo troppo danno all'ecosistema.

Roberta il 2018-06-12 14:48:46

Cari Massimo e Rubrus, grazie per il commento: avete colto almeno in parte lo spirito con cui questo pezzo è stato scritto. Non lo avrei pubblicato e nemmeno mi sarei messa a scriverlo se non si prestasse a interessanti meditazioni sulla storia della cultura del Novecento.



Nella parte iniziale abbiamo una visione sentimental - romantico - idilliaca della natura (interpretata dalla nonna), subito stroncata dal ritrovamento del leprotto ammazzato. La cosa apre un dibattito che riflette un po' le visioni tra positivismo, darwinismo e decadentismo. Da una parte la spiegazione razionale (i sedicenni, positivisti, sicuri delle proprie certezze appena acquisite e fiduciosi nelle risposte della scienza ai dubbi dell'uomo), dall’altra la visione “altra”, che vede il leprotto morto come correlativo oggettivo del "male di vivere" montaliano, che non è, si badi bene, un malessere individuale, ma qualcosa di ben più complesso e profondo che ritroviamo già nella letteratura decadente, nella figura dei vari inetti, cioè inadatti alla vita. Montale porta a compimento la figura dell’inetto, l’uomo cioè che non si accontenta delle risposte della scienza perché si sente estraneo alla realtà, non si riconosce in essa e cerca soluzioni (nell’indifferenza o nella ricerca di un varco). Non tutti gli uomini sono così: Montale  nomina per esempio “l’uomo che se ne va sicuro”, oppure “gli uomini che non si voltano”. Nei romanzi di Svevo l’inetto è sempre affiancato da un antagonista sicuro di sé e vincente. I protagonisti delle opere di Pirandello sono sempre dei perdenti che cercano di liberarsi dalle maschere imposte da loro stessi o da altri, ma ci sono anche quelli che non si rendono conto (o non se ne preoccupano) di recitare dei ruoli o di indossare una maschera. Quelli non si fanno domande, vanno avanti per la loro strada.



Sulla montaliana poetica degli oggetti, portata avanti parallelamente da Thomas Eliot nella Terra desolata, vi trovo un po’ impreparati, ragazzi, ma non potevo certo fare lo spiegone all’interno del racconto!



Il finale chiude il cerchio: la visione irrazionale – romantico – sentimentale della nonna viene messa in ridicolo dal paradosso inconsapevole di aver versato lacrime sul leprotto mentre stava cucinando un coniglio fatto a pezzi e condito in salmì. In mezzo ci sta la questione del “male di vivere”, che è proprio l’espressione della consapevolezza che la natura si fa beffe delle sue creature: concezione che solo Montale, dopo Leopardi, ha saputo esprimere con tale rigore e sobrietà, senza sentimentalismi.


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
oedipus il 2018-06-18 13:14:05
Secondo me, ma è un discorso difficilissimo, oggi abbiamo altri strumenti di comprensione della realtà che allora, fine '800 primi del novecento, non avevano. L'esplorazione scientifica del funzionamento del cervello, delle sue aree associative, dovrebbe in qualche modo aiutarci. La visione rappresentativa della realtà, che i neuroni specchio ci fanno apparire come vera ma che noi sappiamo finta, come i film e le opere teatrali , ci fa piangere. Ma poi c'è l'assuefazione che ci aiuta, e così riusciamo a mangiare anche davanti al telegiornale che non è altro che l'elenco delle disgrazie del mondo. Ci commuoviamo cavanti al un leprotto ucciso, ma troviamo normale mangiare un coniglio. Troviamo normale mangiare un coniglio ma non mangeremmo mai un cane. Viviamo nell'assurdo, troviamo commovente un fatto finto ma narrato e non siamo per niente disturbati da immagini vere di guerre e bombardamenti. Abbiamo un cervello davvero strano, ma anche lui alla fine si deve difendere, deve vivere. (forse non mi sono spiegato tanto bene ....) pazienza

Roberta il 2018-06-18 14:53:17

Certo, è tutto vero quello che dici. Molti comportamenti, razionalmente incoerenti, derivano da condizionamenti culturali (non mangeremmo mai un cane, o vermi o insetti, ma mangiamo molluschi e crostacei), o dalla nostra ingenuità e superficialità (ci commuoviamo per il leprotto, ma mangiamo tranquillamente il coniglio, il vitello ecc.).  Anche la questione dell'assuefazione è purtroppo verissima. Probabilmente è proprio una difesa psicologica che ci impedisce di lasciarci coinvolgere con la stessa intensità da tutto ciò che ci viene messo davanti: una volta non eravamo a conoscenza di tutto quello che accadeva nel mondo, non arrivavano le notizie, non si vedevano le immagini di ciò che succedeva molto lontano. Sentire su di noi tutto il male del mondo con la stessa intesità con cui viviamo i fatti che ci riguardano più da vicino sarebbe insopportabile, insostenibile.  E' necessario operare una selezione tra le cose da cui possiamo permetterci di farci coinvolgere, anche perché soffrire senza poter fare nulla sarebbe dannoso per noi senza essere utile a nessuno.  

Tuttavia il discorso del male di vivere assomiglia un po' a questo: alcune persone hanno la capacità (il dono? la maledizione?) di sentire quasi concretamente la sensazione del "male". Montale dice di averlo "incontrato", come fosse una persona, o meglio una cosa concreta, proprio quel rivo strozzato, quella foglia accartocciata, quel cavallo stramazzato. Dice poi, nella seconda strofa della stessa poesia, che l'unico "bene" possibile è l'indifferenza, anch'essa incarnata da tre immagini: la statua immobile, la nuvola, il falco "alto levato". Naturalmente s'intende che quando si è del tutto impotenti davanti al male di vivere non si può fare altro che proteggersi, come dicevamo prima; se invece qualcosa si può fare, lo si deve fare. Montale, quando ha potuto opprsi all'ingiustizia, lo ha fatto: ha rifiutato di aderire al fascismo, a costo di perdere il lavoro; ha ospitato e aiutato amici e intellettuali ebrei e antifascisti; ha evitato di schierarsi da una parte o dall'altra nel secondo dopoguerra, dato che nessuno dei due schieramenti sembrava immune da ipocrisie, violenze, ingiustizie ecc.  


Roberta il 2018-06-18 15:40:01

Dimenticavo: rispetto al passato oggi abbiamo strumenti migliori, le neuroscienze aprono nuove prospettive. Non dobbiamo però dimenticare l’approccio filosofico: la domanda di senso, l’esigenza di spiritualità, l’apertura ad orizzonti che vanno oltre le risposte della scienza. Il grande tema dell’inettitudine, dell’incapacità di adattarsi dell’uomo moderno alla realtà, che percorre tutto il Novecento, va oltre la scienza e riguarda la metafisica. La crisi di identità e certezze non finisce nel Novecento, anzi è tipica della società postmoderna in cui ci muoviamo oggi.  


oedipus il 2018-06-18 16:33:18
Io da anni mi sto chiedendo se la filosofia è ancora una forma di conoscenza valida. (amatema!!!!)
Noi siamo cresciuti in un mondo nel quale la foilosofia era importante, ma oggi?
Il mondo è cambiato da quando Barnard fece il primo trapianto di cuore.
Quel giorno il corpo degli uomini è stato declassato a macchina biologica, una macchina che poteva essere aggiustata come una macchina meccanica.
Ed eccoci noi umani, dopo aver perso il sogno di essere a immagine divina, siamo stati declassati a semplici replicanti genetici, computer alieni dalla tecnologia (biologica) complicatissima e incomprensibile a noi stessi.
Su questi temi spesso si basano i miei racconti.
E per ciò (è ovvio) non vengono molto apprezzati.

Roberta il 2018-06-19 11:19:10
Mah... il materialismo e il determinismo esistevano già molto prima che il buon Barnard con il trapianto di cuore allungasse la vita a molte persone.
La discussione che stai portando avanti, comunque, è filosofica.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO