701 OPERE PUBBLICATE   3444 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

UNA GITA INDIMENTICABILE

"PUNTO E A CAPO" Racconto Horror / Mistery / Pulp

di Paolo Guastone

pubblicato il 2018-05-29 14:16:57


Elena si asciugò la visiera del casco e sbuffò: “Era meglio se ci fermavamo a Taggia e aspettavamo che finisse di piovere!”.

Da più di un’ora guidavo cercando di tenere dritta la moto su quella strada stretta, trasformata in un torrente, tra curve, deviazioni e grumi di case dai nomi più strani, ombrosi e chiusi come pensavo fosse il carattere delle persone che ci vivevano.

Doveva essere una gita indimenticabile: dalla città caotica, calda ed opprimente, alla lussureggiante e fresca Riviera, passando per il misterioso entroterra e gli antichi borghi delle streghe, yeah!

Un perfetto weekend andato a puttane, casomai.

A parte un breve sprazzo di sole sull’Aurelia, non aveva fatto altro che piovere.

Tempo di merda...

“Giusto!”, osservai, “Peccato che eravamo già fradici e dovevamo per forza arrivare a Valfronda entro sera, visto che avevamo già prenotato!”.

Elena incassò e non disse più nulla. Di tanto in tanto controllava se il cellulare prendeva, in mezzo a quel bosco fitto di castagni, che si inerpicava su per la valle Argentina, tra colline dense di ulivi contorti e pini marittimi dalle forme più bizzarre.

Temeva di restare a piedi sotto l’acqua. Ma, per fortuna, la lancetta del carburante mandava segnali rassicuranti e la moto saliva i tornanti fradici come un capretto al pascolo.

L’ennesimo tuono rimbombò sopra le chiome degli alberi e si perse nel fondovalle.

Meno male che a Valfronda non mancava molto.

Chiesi al motore l’ultimo sforzo e, pochi chilometri dopo, dalle nuvole basse spuntarono prima il campanile, poi una cerchia di case arroccate e, infine, tutto il piccolo borgo si aprì finalmente davanti a noi.

A prima vista non era che un paese come gli altri, che conservava intatta la struttura urbanistica medievale, in barba alle regole dell’architettura moderna.

Il solito luogo recluso, piantato su di un cocuzzolo, che nemmeno il progresso aveva addolcito, abitato da vecchi contadini sempre in lotta contro una campagna ostile, dove le sterpaglie crescevano meglio di qualunque tipo di ortaggio.

Eravamo arrivati, ma non avevo la minima idea di dove fosse quella cavolo di locanda.

In giro non c’era anima viva e di cartelli manco a parlarne.

Bel posto davvero!

Provai ad addentrarmi per un centinaio di metri tra quelle case aggrappate l’una all’altra e, puntuale, partì la prima bestemmia. Elena mi abbracciò: “Eddai!”, sorrise, “In fondo, questo posto non mi sembra proprio Manhattan!”.

“Questo lo vedo, e allora?”.

“E allora, significa che non ci vorrà poi molto a girarlo tutto finché non scoviamo l’insegna!”.

“Allora, speriamo di scovarla subito, questa benedetta insegna, prima che al sottoscritto spuntino le branchie…”.

Attraversammo il paese. Deserto.

Attorno, vecchie case di pietra con portali in ardesia, spesso unite tra loro da archi, ancora in piedi dopo guerre e terremoti.

Il muschio fioriva sui muri e i tetti grondavano di umidità.

L’edera copriva tutto creando crepe e screpolature dipinte di un verde anomalo.

Girovagammo per un buon quarto d’ora tra vicoli stretti e scivolosi, ancora lastricati con vecchi pietroni, frammentati su più livelli e collegati da scalinate impossibili, minuscoli varchi tra facciate grigie, butterate da secoli di intemperie e rigate di rossastro dalle colature di grondaie marcescenti, finché spensi finalmente la moto in una piccola piazza, davanti ad un’insegna malamente dipinta sul muro, sopra una porta di legno massiccio, che sicuramente doveva trovarsi lì sin dai tempi del Sacro Romano Impero.

“Locanda La Favorita”, c’era scritto.

L’umidità e gli anni ne avevano ingrigito la facciata, bisognosa di un’urgente manutenzione.

"Ma da dove diavolo hai tirato fuori questo posto?”, chiesi a Elena mentre scendevo dalla moto, facendo scricchiolare penosamente la colonna vertebrale.

In effetti, quello sembrava più un paese fantasma, battuto dal vento e dalla pioggia.

Un mondo di ieri, impenetrabile e riservato, che faceva salire dallo stomaco sensazioni poco piacevoli.

In strada non c’era nessuno e da nessuna abitazione si levavano quei brusii di civiltà a cui eravamo abituati. Parecchie imposte erano chiuse, quasi incollate, sigillate. Altre, invece, erano aperte ma apparivano buie, opache e tristi.

“Avevo il biglietto da visita in borsa. Sai che faccio la raccolta!”.

“E dove lo avresti preso? Prima di oggi, qui non ci siamo mai venuti….”.

“Boh, me lo avrà passato qualche mia collega….o pensi forse che si sia materializzato da solo nella mia borsa!?”.

Ero sfinito, zuppo di pioggia fin dentro il DNA. Ero incazzato come un leone a digiuno ed avevo urgente bisogno di sdraiarmi con addosso, possibilmente, qualcosa di asciutto e caldo.

L’idea di intavolare una discussione con Elena, a quell’ora, era allettante quanto mettere le palle in una trappola per orsi. Lasciai perdere il dilemma, con annesso sarcasmo, ed entrammo.

L’interno era vecchio e polveroso. Nell’aria aleggiava un sinistro odore di chiuso, mescolato a quello di fumo ed antico tabacco.

Accanto alla reception c’era un piccolo bar, che aveva visto certamente tempi migliori.

Vecchie bottiglie di Biancosarti, Amaro Cora e Punt e Mes facevano bella mostra sugli scaffali, mentre lo specchio dietro al bancone era opaco ed ingrigito da polvere e sporcizia di millenni.

Appiccicati al bancone, un paio di manifesti ingialliti mi fissavano. Pubblicizzavano cantanti che si erano esibiti nei paraggi più o meno nel periodo in cui finivo le medie.

Ottima scelta, non c’è che dire!

Ci accolse una vecchia signora, austera, leggermente ingobbita. Mi ricordo che io e Elena, di nascosto, ridemmo di lei mentre salivamo al piano superiore.

Mi ricordo che anche lei sorrideva quando ci mostrò la stanza.

“Per i documenti non c’è fretta….”, disse.

Poi, prima di andarsene, aggiunse: “Tra un’oretta si cena. Preparerò insalata di porcini freschi e carne alla brace!”.

Il menu era davvero allettante, soprattutto se annaffiato con dell’ottimo Rossese. In compenso i mobili della camera erano un’accozzaglia di stili così diversi da far credere che la proprietaria avesse recuperato l’arredamento svuotando tutte le cantine del paese.

In un angolo c’era pure un vecchio inginocchiatoio, proveniente da chissà dove.

“Ma da quanto tempo non si rinnovano, qui?”, pensai buttandomi sul letto.

Il letto era ancora uno di quelli alti, come una volta. “Manca solo il baldacchino!”, sogghignò Elena. Però era comodo e le lenzuola erano immacolate.

Anche il bagno sembrava uscito da una cartolina d’epoca. Era così piccolo che due persone faticavano a starci dentro. Però era pulitissimo.

Sistemai gli zaini e misi ad asciugare i guanti e le giacche a vento. Elena si rintanò sotto la doccia. Sentii l’acqua scrosciare sulle note di “Faith”.

Poi mi diede il cambio e, quando terminai, lei era già pronta.

Eravamo un po’in anticipo e allora disse: “Vado un attimo giù dalla signora per vedere se mi dà qualche dritta sui negozi tipici!”.

"Negozi tipici? In questo buco di paese?”.

“Massì, pensa che ho letto addirittura che le proprietarie delle botteghe servono i clienti vestite da streghe, ci pensi? E preparano per i turisti liquori di erbe che evocano chissà quali antiche pozioni.…”.

“Mamma mia, che roba….!”.

“E mi pare che, nel museo etnografico qui vicino, siano esposti persino gli antichi strumenti di tortura dell’Inquisizione….”.

Strane pozioni, strumenti di tortura…bah! Che andasse pure. Per quanto mi riguardava me ne sarei restato in camera a riposare ancora un po’. Il viaggio da Milano mi aveva sfiancato. Con quella cazzo di pioggia poi….

Sdraiato sul letto agguantai lo smartphone e, per non addormentarmi, smanettai un po’ su Google per vedere se saltava fuori qualcosa di davvero interessante su quelle quattro case sbilenche.

Solo pochi minuti, così tanto per tirare l’ora di cena.

“Allora…ecco qua…”.

www.turistainriviera.it: Sagra di Primavera nel piccolo paese di Valfronda, sono attesi molti visitatori.

“WOW! Molti visitatori? E quanti? Dieci? Dodici?”.

“Mavalà....vediamo cosa c’è dopo….!”.

www.corrieredelponente.it: Festa patronale a Valfronda. La processione in onore di S. Giusto attraversa il paese cosparso di fiori.

“Che notiziona! Davvero un peccato perdersi un evento del genere!”.

“Andiamo avanti che è meglio!”.

www.liguriatrekking.net: Passeggiata itinerante tra Triora e Valfronda alla scoperta delle strane incisioni corrose dal tempo sulle cortecce degli alberi e degli strani segni scolpiti all’entrata di grotte o anfratti. Scopri con noi le sacche di resistenza del mondo magico medievale e i  nascondigli che ospitano ancora il mistero ed il sortilegio!

Sacche di resistenza, mondi medievali, non sapevo se ridere o piangere.

“Ma siamo nel 2018, cazzo!”, sbraitai, “Le streghe si trovano solo nei libri di fiabe o servono per fare paura ai bambini!”.

"Ho capito: sono le solite cazzate! Oltretutto, i brontolii del mio stomaco stanno salendo di intensità. Adesso spengo tutto e….aspetta, c’è ancora un altro link e… PORCA TROIA!!!”.

www.chilavisto.rai.it: puntata del 12/04/2009. Disperato appello dei familiari di Attilio Montursi, l’agente di commercio che manca da casa da ormai un anno. Doveva recarsi per lavoro a Valfronda, ma nessuno…

“Oh cazzo! Ma…. da quant’è che Elena è giù a parlare con la signora? Possibile che ci sia così tanto da dire su questo paese del tubo? Possibile che… cazzo…un altro!”.

www.chilavisto.rai.it: puntata del 7/02/2011. Ancora vane le ricerche di Ermanno Filippi, il pensionato di Bordighera che doveva raggiungere dei parenti ad una festa e di cui si sono perse le tracce nei pressi di Valfronda, nell’entroterra di…

“MERDA!”

“E adesso? Cosa faccio? Chiamo la Polizia? Si, certo, e cosa gli racconto? Che mia moglie è giù a parlare con l’albergatrice e non è ancora salita?”.

Calma, in fondo, poteva benissimo essere che Elena e la signora stessero tranquillamente ciarlando di pizzi, merletti e magari la signora stesse già registrando i documenti.

“I documenti? Quali documenti? Ma se non glieli abbiamo ancora….”.

“Tranquillo!”, pensai, “Vedrai che non sarà successo nulla!”.

Tranquillo, certo!”, diceva intanto una vocina dentro di me, “E i due link di prima non li hai visti? Si che li hai visti!”.

“Piantala con tutte queste seghe mentali!”.

"…le proprietarie delle botteghe servono i clienti vestite da streghe…”.

“Non farti suggestionare! Non c’è nulla di strano, non c’è nessun motivo per preoccuparsi. Questo non è che uno dei tanti paesi dimenticati, che la geografia ha tagliato fuori dalla modernità e tutto il resto sono solo storie strampalate, tenute a galla nella superstizione e in qualche bicchiere di troppo!”.

Era sicuramente così. Tra poco sarei sceso anch’io e avrei trovato Elena che chiacchierava beatamente con la vecchia signora.

Tutto il resto era solo pubblicità, inventata apposta per…..

…attirare…?

"…e dove lo avresti preso…prima di ora non ci siamo mai venuti…”.

“…cosa credi…? Che si sia material…”.

“MAPORCADIQUELLAPUTTANA!”.

Mi bloccai con un piede alzato in un’assurda posizione da fermo immagine televisivo, con il cuore che voleva saltarmi fuori dalla bocca.

Di colpo mi venne il pensiero che…forse….era meglio essere fuori da là prima che facesse veramente buio.

Così, un’illuminazione. E non tanto per l’atmosfera surreale e stantia di quella locanda, non tanto per quel sorriso strano dell’albergatrice, non tanto per l’aspetto tetro di quelle quattro case.

No, non per quello.

Via, via da là! E di corsa!

Indossai la prima cosa che mi capitò in mano e volai giù per le scale.

Una certa intuizione bussava insistentemente alla porta della mia coscienza ed imponeva una verifica che dovevo fare subito.

In una frazione di secondo mi trovai giù all’ingresso, davanti al minuscolo tavolo della reception.

Non c’era nessuno.

Guardai nella piccola sala ristorante. Buia.

Chiamai mia moglie. Gridai il suo nome, lo urlai. Silenzio.

“Ma dove cazzo sono finiti, tutti??”.

Dal vetro opaco della cucina spuntava una luce accesa.

“Ah bene! Allora qualcuno c’è ….”, dissi.

Arrivai volando e, appena impugnai la maniglia della porta, il buio calò su di me.

Mi risvegliai, non saprei dire quanto tempo dopo, seduto su questa vecchia sedia sgangherata.

Sono in una stanza. Modesta, umida, come ricavata in una cantina. Ho i polsi legati allo schienale e le caviglie incatenate a terra.

La testa mi scoppia e mi fa un male terribile. Sento finte lancinanti partire dalla base della nuca per poi salire, ad ondate calde e pulsanti, per l’intera circonferenza del cranio.

Tutto tace. Ma dove è andata a finire Elena?

"Vado un attimo giù dalla signora…".

Nella stanza sembra non esserci nessuno, a parte me. Improvvisamente, però, i miei neuroni fanno un rapido rewind e io penso a quello che avevo letto sullo smartphone.

E allora le lacrime prendono il largo perché finalmente capisco tutto. Mi giro piano e vedo quello che mi aspettavo di vedere e che non avrei mai voluto vedere.

Appesi al soffitto, incatenati, ci sono due scheletri, ormai coperti di muffa verdastra e ragnatele.

“Il signor Montursi ed il signor Filippi, immagino….”.

"Per i documenti non c’è fretta…”.

Vorrei aggiungere altro ma, oltre la porta alle mie spalle, Elena inizia a gridare.

Dio Onnipotente! Cosa le stanno facendo?

"Per cena preparerò insalata di porcini e…”.

Provo una rabbia immensa. Voglio distruggere la sedia e strappare la corda che mi stringe.

Tento disperatamente. I muscoli tesi, il dolore che martella nella testa. Sono rosso da scoppiare.

“E’ uno scherzo televisivo!”, penso, “Tra poco le pareti si apriranno, la troupe applaudirà e…”.

Un altro grido. Atroce. Disperato.

“Dio mio, ti prego, fa che così, fa che sia uno scherzo!”.

Poi il silenzio.

Spero, almeno, che si dimentichino di me.

Passano minuti interminabili, poi sento un rumore secco, fin troppo familiare.

Una chiave che gira nella serratura.

Sussulto.

Ora vengono a prendere anche me.

La porta si apre lentamente, cigolando sui cardini arrugginiti, e io mi domando se domani pioverà ancora.

Dietro di me, passi trascinati avanzano lentamente, accompagnati da un respiro roco, quasi un rantolo.

Sento il tintinnio di coltelli che vengono affilati e il mio ultimo pensiero è che, in fondo, non mi posso neanche lamentare.

Volevamo una gita indimenticabile e siamo stati accontentati.

 

 

 

 

 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Paolo Guastone

Utente registrato dal 2018-01-18

Sono un giovane ragazzo di 53 anni perennemente in bilico tra la città caotica e l'immensa pianura dove i pioppi si specchiano nelle risaie ed il vento leggero sussurra tra sambuchi e robinie, mentre il fiume scorre, placido e solenne, giù in fondo ai campi, cullato dai mulinelli che trascinano sul fondo schiuma e foglie, sfiorando rive deserte irte di rovi e grigie spiagge calpestate da aironi solitari.

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

La Casa dell'Orrore Narrativa

IL MONTINO Narrativa

IL NATALE DI SARA Narrativa

Missione Impossibile - Ghostbusters Narrativa

HALLOWEEN SONO IO Narrativa

ERA D'ESTATE Narrativa

ONDATA DI PIENA Narrativa

TOMTOM Narrativa

UNA GITA INDIMENTICABILE Narrativa

LA VARIANTE Narrativa

MA ANCHE NO Narrativa

LA CHIESA BIANCA Narrativa

GOOGLE MAPS Narrativa

DENTRO LA NEBBIA Narrativa

LA CASA CON LE DINAMO CHE GIRANO Narrativa

IN FONDO ALLA STRADA Narrativa

NELL'ORTO Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Antonino R. Giuffrè il 2018-05-29 14:52:44
È una storia classica, che si lascia leggere in pochi minuti non solo per la sua brevità ma anche per il suo stile semplice e immediato. Stavolta, insomma, hai fatto a meno delle tue amate similitudini. Il finale mi ha lasciato un po’ così, perché, forse, inconsciamente mi aspettavo una trovata più incisiva. Però, a pensarci bene, avendo deciso di narrarlo in prima persona, potevi concluderlo solo in quel modo. La lettura è stata comunque frizzante e gradevole. E sì, mettere le palle in una trappola per orsi non deve essere proprio allettante… Ps. I punti di sospensione dovrebbero essere 3, non 4. Ciao Paolo.

Paolo Guastone il 2018-05-30 08:51:24
No, la trappola per orsi non è proprio allettante. Confesso che, però, certe volte potrebbe essere meglio delle discussioni con la "gentile" consorte.....
Lo stile è più semplice perché il racconto è uno dei primi che composi. Poi, la penna ha preso altre pieghe..... Il finale? basandomi su ricordi di un viaggio in moto di qualche anno prima, mi era piaciuta l'idea di coniugarli con la scomparsa delle due persone. In effetti, quei posti, suggeriscono sensazioni poco rassicuranti....Sopno contento che ti sia piaciuto e ti ringrazio per l'apprezzamento.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2018-05-29 16:45:56
Confermo quanto ha scritto Antonino - anche perchè ricordo certi viaggi, nell'era prima del navigatore, sulle strade secondarie delle colline liguri di ponente. E' un po' un racconto sull'archetipo del "brutto posto" con menù sul quale trovare la "Specialità della casa" alla Stanley Ellin. Leggermente convenzionale, ma scorrevole. Come il piatto preferito.

Paolo Guastone il 2018-05-30 08:54:21
Mi ricordo che l'archetipo del "brutto posto" lo scrivesti anche quando lo pubblicai la prima volta anni fa.
D'altronde, e visto che ci sei stato pure tu, quei posti sono belli ma anche un po' ..."sinistri". E' quindi facile ricavarne una storiella semplice che si legge tutto di un fiato. Ti ringrazio per il passaggio e per il commento. Alla prossima!

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Vecchio Mara il 2018-05-29 17:28:14
non ricordo di averlo letto... è nuovo? Triora: ambientazione perfetta per un racconto misterioso che odora di stregoneria. Mi è piaciuto sia il racconto che la trovata dell'indirizzo link copiato, che mi ha spinto a cliccarci sopra... per non giungere a nulla... o forse avevo attraversato la misteriosa porta spaziotemporale che conduce nel misterioso e invisibile universo delle streghe? Boh! Ciao Paolo

Paolo Guastone il 2018-05-30 08:57:42
Caro Giancarlo, no il racconto non è nuovo, anzi, è uno dei primi che pubblicai sul vecchio Net ormai quattro anni fa. Ho apportato qualche modifica qua e là ma la sostanza è quella. I link sono inventati, però l'idea dello spaziotemporale sai che mi alletta sempre e ci ho scritto pure sopra.
Il resto è tutto vero (inginocchiatoio e menu compresi). A parte il finale, si intende....
Ti ringrazio per il passaggio e per il commento.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Gerardo Spirito il 2018-05-30 02:22:30

Ottima storia Paolo, perfettamente centrata e senza parole superflue, e si arriva in fondo senza problemi come qualcuno ti ha già detto. L\'atmosfera stantia e surreale del racconto, citando un passaggio, è riuscitissima, così come è riuscito il connubio (velato) fra l\'orrore \"tradizionale\" (streghe) e quello più moderno (la scomparsa misteriosa di due professionisti in questo caso). Alla fine tutto torna. In più hai usato molto bene la prima persona, infatti verso la fine sei riuscito a ricreare una buona intensità emotiva a mio parere. Un salutone

Paolo Guastone il 2018-05-30 09:00:59
Ciao Gerardo e grazie per la lettura ed il commento positivo. Probabilmente dovrei tornare a questo stile "essenziale", che caratterizzava i miei primi scritti. Perché, come osservi giustamente, non ci sono parole superflue e si arriva in fondo senza problemi, freschi e riposati. E hai anche centrato il mio obiettivo: connubio tra antico e moderno, sulla base di fatti realmente avvenuti. Come dicevo sopra al buon Giancarlo, il viaggio l'avevo veramente fatto (trappola per orsi compresa) e quindi ho infilato tutto nel frullatore e...voilà..!!

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Massimo Bianco il 2018-05-31 14:16:46
Prometto di essere contento di vedere che finalmente i tuoi racconti si leggono con chiarezza: confesso che un paio di tuoi scritti recenti (racconti peraltro che dovevo aver già letto su net) ho rinuniciato ad affrontarli per via della dimensioni microscopica dei caratteri. Quando ho letto il riferimento nel tuo commento (a cui ora vado a rispondere) sono stato subito curioso di venire a vedere questo scritto ambientato guarda a caso dalle stesse parti in cui si svolge il mio: mi pare in effetti che Realdo (Realfio invece non esiste) sia una frazione di Triora che tu citi e che, credo, sia la vera ubicazione di questo racconto. L'entroterra ligure in effetti è pieno di borghetti medievali che si prestano molto a racconti di tal genere, penso a Triora, appunto, a Realdo, a Dolceacqua (il paese del miglior Rossese), ad Apricale, a Seborga (quello del famoso "principato",) a Castelvecchio di Rocca Barbena (dove infatti avevo ambientato un mio vecchio horror assente su questo sito ma che ho ripreso di recente in "Dentro un racconto di Massimo Bianco" dove in effetti il racconto dentro il racconto era quello ambientato a Castevecchio), a Zuccarello, a Balestrino... solo per citarne alcuni dell'entroterra ponentino. Mi sono incuriosito, dicevo, sono andato subito a leggere e devo dire che ho anche apprezzato. Un racconto molto carino, inevitabilmente piuttosto classico nella sua tematica ma che si fa leggere con piacere. Mi ha convinto, forse il tuo stile più recente ha maggiori meriti perchè ti caratterizza molto di più, però questo raccontino mi piace ugualmente. Simpatica anche la trovata dei finti link. Credevo di averli letti tutti i tuoi scritti su Net ma evidentemente mi sbagliavo perché questo non lo ricordavo proprio. Piaciuto.

Paolo Guastone il 2018-06-01 11:37:10
E' Apricale, caro Massimo! La nostra meta di quel giorno di pioggia di ormai...11 anni fa era proprio Apricale. Dormimmo in quella locanda e gustammo proprio quel menu. Tempo dopo mi sono detto: perché no? Perché non ricavarne un raccontino? Del resto, come dici anche tu, certi borghi dell'entroterra ligure di ponente, brrrr.....Rispetto ad altri questo, forse, è un po' più snello, probabilmente perché è uno dei primi che postai sul vecchio Net. Sono contento che tu l'abbia apprezzato!

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Roberta il 2018-06-01 11:56:18

Ciao Paolo, il racconto mi è piaciuto molto, anche perché ho riconosciutio certi borghi che ho visitato qualche anno fa: noi eravamo a Dolceacqua e abbiamo visitato Apricale, quindi, appena letta la tua risposta a Massimo, ho avuto la conferma (la foto è là, vero?). Solo che allora era una bella giornata primaverile e l\'atmosfera non così cupa. Ecco, l\'atmosfera è il miglior pregio del racconto, insieme al mistero e a quell\'inquietante sensazione che ci fai provare man mano che la storia prosegue.

PS: anche le gite in moto sotto la pioggia e certe dinamiche di coppia le hai sapute rendere al meglio ;-)

Paolo Guastone il 2018-06-01 12:26:11
Ciao Roberta e grazie per il passaggio. Il giorno dopo c'era un sole bellissimo e noi passammo da Dolceacqua per poi dirigerci verso Montecarlo. Però l'acqua del giorno prima la prendemmo tutta....La foto potrebbe essere di Apricale ma non ricordo. Ne cercavo una che richiamasse un po' l'atmosfera cupa e Google, alla fine, mi ha dato quella. E mi fa pure piacere che tu abbia colto proprio quell'aspetto. Era ciò che volevo infondere nel lettore. Quanto alle gite in moto ...beh... undici anni fa, al tempo del viaggio, eravamo solo in due e io avevo un po' di artrosi in meno. Sulle dinamiche di coppia....ti dirò che la trappola per orsi ce l'ho ancora....

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO