788 OPERE PUBBLICATE   4093 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Mauro Banfi il Moscone

Sia santificato il tuo nome, vita

"PUNTO E A CAPO"

Racconto

Narrativa non di genere

pubblicato il 2018-05-27 14:54:34

               SIA SANTIFICATO IL TUO NOME ,VITA  


 

“Durante questi momenti rapidi come i fulmini, l’impressione della vita e della coscienza erano in lui dieci volte più intense. Il suo spirito e il suo cuore erano illuminati da un immenso senso di luce; tutte le sue emozioni, i suoi dubbi, tutta la sua ansia diminuivano per tramutare in una suprema serenità fatta di accesa gioia, armonia, speranza; dopo, ricorreva alla ragione per comprendere la causa finale di questo fenomeno.”     

da “L’Idiota” di Fedor Dostoevskij


Pietroburgo, Piazza Semënov 22 dicembre 1849

 

 


Sto aspettando l’esecuzione della sentenza nella mia fredda cella, quando la campana dei condannati a morte inizia a suonare. 
Stavo riflettendo sulla mia vita passata, della quale non è rimasto più molto tempo, perché alle sette in punto mi legheranno al palo della fucilazione; le sabbie del tempo, per me, corrono troppo lente. 

 

                                                                     

 

Mi copro il volto con le mani  e  urlo nel mio cuore un disperato:nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo...

Quando il prete viene a celebrarmi l'ultimo rito, lancio un'ultima occhiata attraverso le sbarre a questo mondo che è tutto sbagliato, per me.   
Lo Zar può cercare di reprimere i sussulti e le ricerche del libero pensiero ma non può far tacere nella sua anima le voci degli esclusi e dei deboli, delle donne che si sono date invano, delle prostitute che dileggiano se stesse, di chi è sempre offeso dal Potere, il lamento di chi è solo, senza mai ricevere un sorriso, dei bambini, i loro singhiozzi, il grido impotente del neonato che nasce al mondo senza averi; di tutti gli afflitti, i sofferenti, i reietti, gli scherniti, màrtiri senza corona d'ogni ora e d'ogni dove.      
Andiamo, ora, dopotutto, non ho paura di morire, perché credo che non ci sia mai una fine.   

 

                                                     

 


Sono le sette di mattina: la piazza Semenovskij è coperta dalla neve appena caduta ed è gremita da truppe armate e da una folla silenziosa che rabbrividisce a ventuno gradi sottozero.        
Noi dieci condannati a morte marciamo verso il palo del patibolo: accanto a me c’è Spesnev, l’ateo, il nichilista, il libero pensatore, con il suo viso pallido e malaticcio e i radi baffi resi giallognoli dalla nicotina.
La voce di un generale ordina silenzio: poi un ufficiale del servizio civile, con i documenti in mano, legge i nomi dei prigionieri, e pronuncia il verdetto di morte, a voce lenta, rivolto ad ognuno di noi.
L'ufficiale legge la sentenza: fucilazione, condanna a morte per alto tradimento.


Indossiamo le nostre bianche camicione da contadini e un berretto da notte — l’uniforme funebre del reo a morte — e con passo lento e mesto ci avviciniamo al patibolo.
Ogni passo è lungo un millennio.
Il sacerdote predica con tono enfatico: «Fratelli! Prima di morire, pentitevi. Il Salvatore dimentica i peccati se uno si pente. Vi invito a confessarvi».
Nessuno risponde all’invito: solo uno dei condannati, che non conosco, esce dalla fila, e bacia la Bibbia.      
Poi tutti e dieci siamo presi e legati, stretti ai pali con le corde.
E rapido ed efficiente si avvicina un cosacco, e ci benda gli occhi davanti alle bocche dei fucili.    
 

                                                                        

 


Mentre mi annodano il buio della notte sugli occhi, l’ultima immagine che scorgo è la vicina chiesa dalla cupola dorata, che nel rosso ancor più intenso dell'aurora arde di purissimo splendore.  

 

                                                     

 


E mentre il sangue fa il suo giro, a ondate luminose ritornano nella memoria una vita di forme e sento in questo attimo immenso la vita intera che si ridesta, un affiorare di immagini nel petto come un fiume ora azzurro ora lutulento  che trasporta gioie e dolori, amicizie e rancori.     
«Spesnev, amico mio, mi senti?» voglio salutare per l’ultima volta quel cocciuto, simpatico, umanissimo spiritaccio ateo.
«Sono qua vicino a te, Fedor».
«Volevo dirti di non aver paura: noi saremo presto con Cristo»
Immagino il suo solito sorriso triste mentre mi risponde:
«Saremo presto insieme in una manciata di polvere, amico mio, non temere e continueremo a conversare, ridendo insieme dei fantasmi della nostra mente».

Ripenso a quei raggi del sole che incendiano di luce la cupola d’ora e piangendo, mi dico:
«Se potessi non perire! Se si potesse far tornare indietro la vita, quale infinità!».        
E Spesnev parlotta in risposta:        
«Il tempo non ha fine, Fedor, il divenire non ha uno scopo, vedrai»

Solo un minuto ancora, allora, e poi più nulla?
I cosacchi si allineano di fronte, pronti al fuoco... i fucili sono imbracciati, il dito è sul grilletto.  
Un rullo di tamburo squarcia l'aria.        
Ed ecco un grido:    

Alt!  

Un aiutante di campo arriva al galoppo, annunciando il perdono dello Zar: le nuove sentenze vengono lette ad ognuno dei condannati; e le bluse da contadino e i berretti vengono gettati a terra, vicino al palo della fucilazione.

L'ufficiale avanza sventolando un foglio, la sua voce fende acuta e chiara il silenzio dell'attesa: lo zar nella grazia della sua sacra potestà ha annullato la sentenza, la condanna è commutata in quattro anni di lavori forzati in Siberia.        

 

                                                        

 


Cado in ginocchio, come tramortito, e accolgo in me il mondo intero, sbagliato e gaudioso, e l'eterno suo dolore e l’infinita sua gioia: e sono con Gesù, qui e ora.
Il mio corpo è preso da tremiti e convulsioni e ho la schiuma alla bocca, gli spasmi sconvolgono i tratti del mio volto.        
Sul mio bianco sudario scorrono lacrime di felicità.
Soltanto ora, toccato dalle labbra amare della morte, il mio cuore conosce la dolcezza e l'intensità eterna della vita.  
«La vita è dovunque la vita, la vita è in me, e non nel mondo esterno…La vita è un dono, la vita è una felicità; ogni minuto può essere un secolo di felicità».

 

                                                  

 

Dedicato al giurista Giuseppe Conte.
 

                                      

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Mauro Banfi il Moscone il 2018-05-27 15:46:35

                                                       

 


Lancio un piccolo concorso interno nell'ambito di PIAF e della mia pagina FB, per divertirci e senza nessuna pretesa di giudicare la cultura altrui.
In ogni mio "instant tale" c'è qualcosa di antico, qualcosa di moderno e qualcosa di contemporaneo: una pletora di riferimenti intrecciati in questi tre alvei.
Chi saprà riconoscerne i più pertinenti in sede di commento - devono esserci tutte le tre tipologie - sarà da me ricompensato con un libro da concertare insieme al vincitore . mi raccomando, è solo un gioco - e da spedire.
Abbiate gioia

 

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO