788 OPERE PUBBLICATE   4093 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

La visione del Dottor Mises

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di Mauro Banfi il Moscone

pubblicato il 2018-05-17 07:04:37


                                     


 

                                               
Indosso occhiali dalle lenti azzurre per difendermi dalla visione notturna, dal lato oscuro, materiale, letterale delle cose.
La mia anima è come il cielo che attira la terra tra le braccia, ora.

Quando avevo trentanove anni restai irretito nel grembo tenebroso della materia.
Ho conosciuto la miseria, l’eccessivo lavoro ma soprattutto anni di accaniti studi e sperimentazioni, specialmente sulla psicofisica della percezione dei colori.
Dovevo assolutamente inventare un aggeggio ottico per diventare ricco.
I miei occhi e la mia anima si ammalarono.
Non potevo fare più le mie lunghe e ossessive osservazioni sperimentali sulla persistenza dei colori nella retina, non potevo più leggere. Non ero diventato cieco, ma non ci vedevo più. Non potevo nemmeno mangiare né bere. Il mio stomaco si era riempito della nebbia e del buio che abitavano la camera oscurata nella quale mi ero ritirato. I miei occhi erano protetti da coppette di piombo ed ero tenuto in vita da mia moglie.

Rimasi in quel mondo notturno di tormenti per tre anni, chiuso in un isolamento melanconico e stavo perdendo il controllo dei pensieri, quando la mia cara consorte ebbe un sogno.
Vide una ricetta per una pietanza a base di riso, quinoa, miglio, avena e brodo di pollo da asciugare lentamente con scalogno e formaggio pecorino in una pentola a fuoco costante.
Me la preparò e dopo pranzo andammo a riposare insieme. Lei abbracciava il mio corpo rinsecchito e privo di umori e singhiozzava:
« Ti prego amore non lasciarti andare…»
Poi si alzò e riempì la vasca da bagno. Mi fece alzare dal letto, mi spogliò e mi fece entrare in ammollo nell’acqua tiepida.
Prese una spugna imbevuta di sapone di marsiglia e lavò con infinita cura il mio corpo disperato sussurrando:
« Ti prego non lasciarti andare, amore…»
Poi si spogliò anche lei, mi prese per mano e mi portò sul letto. Mi fece sdraiare e con carezze inesprimibili risvegliò quello che restava della mia virilità.
Si posò sopra di me come una colomba azzurra e mi fece entrare nel suo oceano.
Io nuotavo dentro lei e verso il cielo, e la volta azzurra era alta e dall’alto vedevo la sfera azzurro-cielo nella quale viviamo, metà illuminata dal sole e metà immersa nella notte stellata.                                                          


Quella cupola azzurra avvolgeva tutti gli spigoli taglienti nella sua cosmica comprensione.                                               


Era un cielo ma sembrava il mare, non coperto da nubi, ma da zolle di terra bruna.
Sembrava che le zolle si allontanassero l’una dall’altra e lasciassero scorgere degli Spiriti Azzurri, delle celesti forme femminili che mi chiamavano:
«Vieni…vieni…torna tra noi.»

                                                                             

 

Improvvisamente dalla destra giunse, librandosi nell’aria, un essere alato.

                                   

 

Era un anziano munito di corna taurine. Portava un mazzo di quattro chiavi, tenendone una come se fosse sul punto di aprire una serratura.
Non so come ma sapevo che il nome di quella chiave era Abraxas.
La figura era alata e le sue ali erano quelle di un martin pescatore, con i loro caratteristici colori, quegli accostamenti inconfondibili di verde smeraldo, blu cobalto e azzurro cangiante.

 

                                                   

 

L’anziano essere alato si chiamava Filemone e quegli azzurri Spiriti guida femminili erano parti psichiche di Bauci, la sua consorte.
«Vieni…vieni…torna tra noi» mi suggerirono le anime di Filemone e di Bauci e cominciai a discendere con loro verso la Terra.»
«La vedi? La Terra è il nostro comune grande angelo custode, che vigila su tutti i nostri interessi messi insieme. Siamo chiamati a dare forma alla Terra .» disse Filemone.
«Tutte le cose esterne da cui dipendiamo per vivere – aria, acqua, piante e animali di cui voi umani vi cibate, il vostro prossimo -, sono contenute nella terra. La terra è autosufficiente e autobastante in milioni di aspetti in cui voi esseri umani non lo siete. Capisci?Ah, dottore, se solo tu potessi tornare a vedere…» così parlarono le emanazioni psichiche di Bauci.

Poi Filemone e le anime Bauci si trasformarono in un martin pescatore e in quella forma guidarono il Dottor Mises sulla riva di un fiume, riparata dai salici e dai pioppi.

                                               

Era l’inizio della primavera e il martin pescatore richiamò e attirò la sua compagna con un trillo e con l’offerta di un pesciolino tenuto dalla parte della coda, per sottolineare il dono.
La femmina accettò il presente e la coppia compì dei gioiosi voli nuziali a notevole altezza.
Poi, una volta ridiscesi sulla sponda del fiume, prima lui e poco dopo entrambi, cominciarono a scavare un profondo nido in una parete di terra della riva.
Il maschio si librò sul dorso della femmina, afferrandosi alle piume della sua nuca, e le code si spostarono di lato…                                                       

Il sogno s’interruppe e mi svegliai.
La cara consorte dormiva nuda accanto a me, la testa appoggiata sulla mia spalla.
Mi alzai, mi rivestii e varcai per la prima volta, dopo tre anni, la soglia della mia camera oscurata e uscii in giardino.
Per proteggermi gli occhi indossavo degli occhiali con lenti azzurrate, dono della mia adorata compagna.
Oh meraviglia! Ciascun fiore, ciascun albero, ciascuna pietra, ciascun insetto risplendevano di una singolare chiarità, come se nella luce esterna emettessero una propria luce profonda.
L’intero giardino mi parve trasfigurato, come se non io ma la natura si fosse appena destata.
Pensai alle parole di Filemone e Bauci nel sogno:
«Siamo chiamati a dare forma alla Terra».
Pensai: dunque basta aprire gli occhi del cuore, guardare con occhi nuovi.
Non occorre altro.

 

   

                                       


 

                                                                                          Copyrighted.com Registered & Protected 
HPF5-JUTU-5BOO-E0BV

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Mauro Banfi il Moscone il 2018-05-17 08:12:32

                                        

                         Siamo chiamati a dar forma alla Terra: sei pronto a rispondere?

 

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
90Peppe90 il 2018-07-26 17:37:15
«Siamo chiamati a dar forma alla Terra»: l'ho reputata la frase centrale, il motore dell'intera narrazione, prima ancora di leggerla, ricordata dal dottor Mises, prima ancora di rileggerla nel tuo commento, quaggiù (o quassù, quando avrò postato questo). E, in effetti, continuo a pensarlo così come penso che questo - «Siamo chiamati a dar forma alla Terra» - sia uno dei concetti che più tornano nella tua produzione, anche in maniera più sottile e implicita, magari. E poi torna il tuo amore per la natura, per la vita, nell'intreccio di sogno e realtà che, spesso, si fa sfocato, fino a sparire, e tutto riconduce al brano riportato nell'immagine in cima al racconto. Racconto apprezzato, a proposito, ma questo s'è capito già. Ciao, Maurone!

Mauro Banfi il Moscone il 2018-07-26 20:03:56

Gioia pura, continuare il nostro dialogo: il fatto cruciale di tutta questa era internet è che l’uomo è afferrato dal linguaggio come gioco che lo supera e lo trasforma, e ne vede il fulcro nel dialogo, nel quale si fa avanti la cosa stessa su cui verte il discorso, che ci comprende e ci fa dimentichi del nostro io. Il resto è solo letteratura a video. Tu per me sei questa gioia che anche oggi si rinnova: evviva e buona estate, caro amico Peppe!


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO