701 OPERE PUBBLICATE   3444 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Domenica è sempre domenica

"PUNTO E A CAPO" Racconto Giallo / Noir / Thriller

di Vecchio Mara

pubblicato il 2018-05-09 20:41:29


Domenica è sempre domenica

 

Questa storia comincia di domenica e non poteva cominciare in un altro giorno. Credo che i migliori propositi si facciano di domenica. Che le guerre finiscano di domenica. Credo che Ulisse sia tornato di domenica. Domenica per me è sempre stata una giornata particolare.

 

Potrebbe dipendere dal fatto che festeggio il mio compleanno sempre di domenica.

Essendo io nato di domenica, e non avendo tempo di festeggiarlo quando viene a cadere negli altri giorni della settimana, non mi rimane che spegnere le candeline in differita.

Ma non è solamente questo il motivo grazie al quale possiamo tranquillamente affermare che la parte appagante della mia, non propriamente entusiasmante vita, si svolge totalmente all’interno di quelle, più o meno magiche, ventiquattro ore.

Il mio lavoro si potrebbe definire “altamente gratificante”, osservandolo solo dal lato economico. E tale l’ho sempre ritenuto. Ma oggi, dopo quindici anni trascorsi a lavorare sedici, diciotto ore sei giorni su sette, per accumulare un patrimonio che mi consentisse di essere considerato e rispettato… non ne sono mica più tanto sicuro!

Eppure, i pochi giorni veramente felici… forse è meglio dire sereni: la felicità esiste solamente come onirica visione. Comunque, felici o sereni che siano stati, quei pochi giorni li ho goduti sempre e soltanto la domenica.

Ah! Come rimpiango, ora, quelle magnifiche domeniche consumate in splendida solitudine crogiolandomi dei miei successi, beandomi della tracotanza del potere rimirando le opere d’arte appese alle pareti del mio superattico; oppure, osservando dalla terrazza la moltitudine ai miei piedi che, come laboriose formiche, invadeva le vie della movida… in cerca di cosa, poi? Di qualcosa che per qualche ora facesse scordare loro le miserie della vita? O le loro misere vite? Che poi, a ben guardare, è la stessa identica cosa: c’è chi nasce con le stimmate del predestinato… e chi, invece, nasce sfigato!

Problemi che non dovrebbero tangere chi, come il sottoscritto, può concedersi di pranzare, cenare e anche fare colazione e merenda con ostriche e champagne. E così era… fino a quando una variabile impazzita, mandò a catafascio il castello di carte sopra cui avevo costruito il mondo delle mie illusioni.

L’amore penetrò la mia corazza di cartone con la forza di un uragano e rovesciò il tavolo delle mie certezze, svelando la consapevole ignoranza dentro la quale mi ero illuso di soffocare il sentimento più puro.

Le splendide, otto domeniche trascorse in compagnia di Rita. Conosciuta per caso, naturalmente una domenica mattina, sulla tangenziale… No, non è come pensate, non era quello più antico del mondo, il suo mestiere.

Rita era ferma sulla corsia d’emergenza con l’auto in panne: aveva bucato la gomma posteriore destra. Mi fermai e, conversando mentre le sostituivo la ruota, mi confessò che le domeniche in casa da sola erano qualcosa di estremamente triste e sconfortante; così era salita in macchina ed era partita senza una meta precisa, salvo poi decidere di arrivare fino al lago.

Dall’incontro di due solitudini in tangenziale, può nascere qualcosa di bello? Dopo aver trascorso la domenica al lago insieme a Rita, pensai di sì. E dopo altre sette domeniche, ero certo d’amarla alla follia… Già, ma lei… lei mi amava?

A giudicare dal fatto che durante la settimana se la spassasse con il suo capoufficio, che le domeniche preferiva trascorrerle con moglie e figlio, direi proprio di no!

Ora che sapevo, avrei dovuto trovare le parole giuste per chiudere ogni rapporto con la donna che credevo d’amare. Ma la spregiudicatezza che mi era riconosciuta nel trattare gli affari, di fronte a lei che piangeva come una vite tagliata, venne meno.

In ogni caso, la faccenda si risolse la domenica successiva; quando l’auto di Rita scivolò dalla strada sull’argine dentro il canale. La recuperarono quella stessa sera: certe cose capitano sempre di domenica. Inizialmente si pensò al suicidio, ma alla fine prevalse la tesi del tragico incidente.

Anche se fra noi era finita male, mi dispiacque per Rita: in fondo era stato il mio primo, illusorio amore domenicale.

E così, tornai a frequentare le mie splendide e solitarie domeniche. Pranzando da solo in un ristorante stellato in riva al lago, piuttosto che al mare o in montagna.

E mentre la sabbia scorreva nella clessidra ammaccata della mia vita dorata, il ricordo di Rita si andava affievolendo; finendo con lo scomparire definitivamente dai miei pensieri quando conobbi Roberta.

Sì, è come pensate, anche Roberta la incontrai una domenica. La osservavo, seduta da sola al tavolo del ristorante davanti a me, pensando a che gran signora fosse: ha classe, Roberta.

Classe e intraprendenza, se vogliamo dirla tutta. Fu lei, come si suole dire, ad attaccare bottone.

Senza che io proferissi verbo, prese il bicchiere dell’aperitivo, si alzò e venne a sedersi davanti a me. «Posso», disse solamente, con una voce talmente calda e avvolgente, da farmi battere il cuore come un ragazzino alle prese con la prima cotta.

E la mia riconosciuta eloquenza, di fronte a cotanta grazia, si sciolse come neve al sole. «Sì… certamente… prego», balbettai impacciato.

Tredici, furono le domeniche in cui mi si concesse anima e corpo… invero più corpo che anima… facciamo solo corpo, va’!

Mi fa male ammetterlo, ma Roberta, abusando del mio amore, mi ha solamente usato… come si fa con un gingillo erotico, traendolo, alla bisogna, dal cassetto del comodino per trastullare la propria solitudine sentimentale.

Ed ora, dopo che ho dato in escandescenza minacciando di rivelare il suo tradimento al ricchissimo marito, mi chiama dicendomi che dobbiamo parlare.

Le ho dato appuntamento sull’argine… la strada è stretta, bisogna stare attenti se non si vuole scarrocciare e finire nel canale: poco più avanti, Rita si è inabissata dentro la sua auto.

Ho lasciato la macchina di sotto e sono salito a piedi. Ora sono qui, immobile come una cariatide in mezzo all’argine, che aspetto da dieci minuti. E’ autunno, la nebbia che salendo dal canale invade la brughiera sta creando l’atmosfera perfetta per mettere in scena il nostro ultimo incontro.

Ecco i fari dell’auto di Roberta. Sta arrivando. Cerchiamo di fare le cose con calma e per bene… come con Rita.

Oh, che splendida giornata… d’altronde: domenica è sempre domenica.

 

                                                           FINE

 

P.S. Questo racconto, inedito per P.I.A.F., mi è stato ispirato dal tema proposto per il mese di maggio nella sezione “Scrittura creativa” di un altro sito, dove l’ho pubblicato ieri. La traccia diceva di scrivere un racconto, iniziando con la frase che trovate nel primo paragrafo. 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2018-05-10 12:40:04
Forse dovevi stare dentro un certo numero di battute, ma il racconto, benchè non brutto, mi pare un tantinello stereotipato.

Vecchio Mara il 2018-05-10 21:09:53
sì, c'era un limite di caratteri, comunque io ne ho usati poco più della metà. Il fatto è che leggendo i racconti degli altri autori, non solo nella sezione scrittura creativa, ho notato che erano quasi tutti piuttosto brevi, così mi sono adeguato. Ho anche pensato che la brevità dei racconti fosse dovuta al fatto che essendo il sito in questione frequentato da molti poeti e pochi narratori, non fosse il più adatto per proporre racconti lunghi come quelli che, invece, pubblico con soddisfazione su PIAF. Ti ringrazio. Ciao Rubrus

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Paolo Guastone il 2018-05-11 11:02:30
Già, domenica è sempre domenica. Non saprei veramente come definire il protagonista di questo racconto. Cinico? Egocentrico? Mah....Quello che è certo è che ce lo fai conoscere con una semplicità disarmante. E noi non possiamo fare altro che restare a bocca aperta....

Vecchio Mara il 2018-05-11 20:49:14
cinico fino al midollo... e pure egocentrico, direi. Ti ringrazio. Ciao Paolo

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
d\'Artagnan il 2018-05-11 16:31:33
Il tuo stile non si smentisce, piaciuto questo racconto, irrorato dal cinismo del protagonista.

Vecchio Mara il 2018-05-11 20:56:19
un personaggio cinico dalla mente contorta, che si trasforma in un serial killer. Ti ringrazio. Ciao d'Artagnan

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO