706 OPERE PUBBLICATE   3450 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Il Salotto

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di Eli Arrow

pubblicato il 2018-04-17 16:12:21


La luce del tramonto aveva fatto vibrare il salotto d’una nota calda e sanguigna. Facendosi largo tra le nuvole nere che si stavano addensando, raggi d’oro ramato avevano trafitto le alte vetrate, trascinandosi dietro luccicanti cortei di granelli che vorticavano come folli baccanti, avvinti all’ultimo lucore del sole morente.

Quella danza era durata un attimo soltanto, incalzata com’era dalle gelide braccia della sera, che avevano orlato di crepuscolo i mobili di legno antico e cangiato le tonalità di arancione dorato in sfumature bluastre, quasi lunari. Gli angoli del salotto si erano oscurati, e così il soffitto a cassettoni, e lunghe frange d’ombra avanzavano già verso il prezioso tappeto persiano che giaceva sbiadito davanti al divanetto rococò.

Sul divanetto spiccava la macchia bianca d’un abito da sposa, che s’ingrigiva nella luce della sera. Non era fresco di sartoria e, nonostante fosse stato adagiato con cura, le mani premurose che ve lo avevano sistemato non erano riuscite a lisciare l’organza delle maniche, stropicciata da danze estenuanti e sorrisi di circostanza, né ad aggiustare i veli sfrangiati da verità superficiali o rammendare gli strappi, che una lunga pratica di silenzi astiosi aveva aperto nel broccato della gonna a sbuffo.

Sul corpetto in pizzo di Burano, impreziosito da intarsi di perle di fiume, era conficcato un coltellaccio da cucina, proprio all’altezza del cuore. La lama si era spinta ben oltre il vaporoso tessuto e fendeva in profondità l’imbottitura dello schienale.

Di fianco alla porta, sul tavolino stile liberty, una pochette nera e sobria attendeva di venire afferrata e trascinata nella notte.

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Eli Arrow

Utente registrato dal 2017-11-02

Quando soffia il vento del Cambiamento, alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento. (Proverbio Cinese)

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

5 lezioni (gratuite) sulla costruzione del romanzo Saggistica

Unghie Narrativa

Piccole Vendette Narrativa

Angeli d'Acciaio Narrativa

Incontri Narrativa

Il Salotto Narrativa

La Promessa Narrativa

Nella Foresta Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Paolo Guastone il 2018-04-18 11:14:27
Molto poetico e molto intenso. Fa molto riflettere sulla caducità delle cose e su come, troppo spesso, il dolore può soppiantare ogni sentimento buono. Brava!

Eli Arrow il 2018-04-18 12:56:32

Grazie Paolo, avevo proprio il desiderio di sentire qualche impressione su questo brevissimo brano per capire che tipo di suggestione sono riuscita a trasmettere. Un punto di vista diverso dal mio mi è di vitale importanza :)



Grazie ancora e già che sono qui vado a commentare il tuo racconto che ho letto ieri sera prima di dormire (credimi, la scelta giusta per passare una notte agitata). Buona giornata.


Eli Arrow il 2018-10-11 10:57:33

Grazie Paolo ti ho appena scritto :)



ciao!


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Gerardo Spirito il 2018-04-18 18:44:19
Molto poetico, e scritto benissimo. L'atmosfera che imprimi alla storia ha un che di aulico, tolstoiana a mio parere (almeno questo mi ha lasciato) con un finale che sa di fatalità ma al tempo stesso di indifferenza. Spesso invidio molto coloro che riescono a produrre storie brevi e incisive. Micromondi che contengono al loro interno altri piccoli micromondi. Ciao!

Eli Arrow il 2018-04-20 11:57:00

Grazie Gerardo di avermi condiviso la tua impressione su questo breve brano. Volevo provare a scrivere qualcosa che indirizzasse l'immaginazione di chi legge, senza però introdurre personaggi definiti. Ho anche voluto sperimentare un linguaggio forse un po' demodé, più vicino alla prosa Ottocentesca che a quella che si predilige oggi (ma cercando di alleggerirne un poco la pesantezza che, a volte, è eccessiva, per i miei gusti).



Sono molto contenta che tu l'abbia gradito :) buona giornata.


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2018-04-18 18:44:31
Mi viene in mente il famoso microracconto di Hemingway "Vendesi scarpe da bambino mai usate" ( “For sale: baby shoes, never worn“). Questo è un racconto relativo a un abito da sposa e quindi taglio e forma sono giustamente un po' diversi. Piaciuto, ciao.

Eli Arrow il 2018-04-20 11:59:25

Caspito, non conosco questo racconto di Hemingway, provo a cercarlo sul internet perchè sono molto curiosa di leggerlo. Mi fa piacere che ti sia piaciuto questo mio 'esperimento' :) grazie e buona giornata.


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
monidol il 2018-05-17 10:37:46
Molto interessante questo tuo "esperimento" Eli. Sembra un sogno. Non riesco a trovare una collocazione alla pochette nera... ma credo sia una roba mia. Fanne ancora di questi esperimenti. moni

Eli Arrow il 2018-05-17 20:24:26

Ciao Moni, mi fa piacere che tu l'abbia trovato interessante. L'intento era quello di inserire nella descrizione di un ambiente delle suggestioni volte a creare nel lettore un'aspettativa, un suggerimento circa i personaggi che non ci sono ma potrebbero calcare quella 'scena', o l'hanno calcata prima.



E' un brano che fa parte di una consegna di un corso di scrittura che ho seguito quest'anno ed è stato molto interessante il riscontro dei compagni di corso :)



buona serata e bentornata :)


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Mauro Banfi il Moscone il 2018-05-27 18:31:15
Altra fulminante short story: qua riecheggia l'eterno archetipo della lotta di Apollo contro Dioniso. L'andamento d'assoluta presa della tua prosa magnetica riconosce il totalitarismo della mente razionale apollinea e lo infrange con quella stilettata che sembra lo sgambettio di una bambola di porcellana che manda all'aria e a quel paese la sua casa da bamboccia. Del resto, questa è la vita: il ronzio delle falene che circondano frementi d'amore il fuoco assassino, una libellula che prende fuoco implorando un abbraccio, un amplesso, un ritorno nell'eterno.

Eli Arrow il 2018-05-27 21:11:31

Eh, Mauro, i tuoi commenti sono più belli dei miei modesti brani :)



Grazie della lettura, sempre gentilissimo.



Ora non riesco, ma a breve tornerò a leggere (W Piaf!!!)


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
il 2018-10-06 14:04:24

La prima cosa che balza all'occhio del lettore è la precisione della narrazione, quasi in stile Proustiano, perfetta sia nella scelta degli aggettivi che nella punteggiatura. A far da contrasto con lo stile narrativo, che in genere per Proust era fin troppo prolisso, il minimalismo della storia che quasi volutamente lascia al lettore libertà di interpretazione. Ed allora ecco che la pochette fa pensare ad una donna, forse gelosa di quella che si è sposata e che quindi ha deciso di eliminare. Molto infantile la mia visione, lo ammetto...ciaociao,e complimenti per la tua composizione, davvero eccellente.

Eli Arrow il 2018-10-09 09:15:01

Ciao Giacomo, grazie del tuo parere, molto gradito :)



Il brano l'ho scritto cercando di creare attraverso l'uso degli aggettivi ecc delle suggestioni nel lettore. Non trovo per nulla infantile la tua interpretazione, figurati, ti ringrazio, invece. Per me l'atto della lettura è sempre uno scambio con chi ha scritto perchè il 'prodotto finale' (cioè l'impressione che rimane in chi legge) è frutto dell'incontro di due mondi: quello di chi legge e quello di chi scrive. Almeno, secondo me :)



Per questo io considero ogni commento che ricevo un dono. Buona giornata e a presto!


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO