788 OPERE PUBBLICATE   4093 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Mauro Banfi il Moscone

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì...

"PUNTO E A CAPO"

Racconto

Horror / Mistery / Pulp

pubblicato il 2018-02-15 09:14:07

"Guardiamoci dal pensare come divenuta la legge di questo circolo, secondo la falsa analogia dei movimenti circolari dentro l’anello.
Non vi è stato prima un caos e poi, gradualmente, un movimento più armonico e infine uno stabilmente circolare di tutte le forze: piuttosto tutto è eterno, indivenuto [...] dunque, per descrivere il circolo eterno, non bisogna ricorrere, mediante un’analogia sbagliata, ai circoli che divengono e periscono, per esempio le stelle, il flusso e il riflusso, il giorno e la notte, le stagioni."

F. Nietzsche, Gaya Scienza: FP 81-82, pp. 365 ss.

- A Pamela -

 
 


Intorno a lui un gradevole e fortissimo odore di legno umido nell’aria…si stava risvegliando.
Qualcosa respirava vicino, nascosto tra le sequoie giganti.
Lo vide alzarsi: una mostruosa testa lunga almeno un metro e mezzo, munita di una serie impressionante di denti aguzzi, laceranti.
Gli arti anteriori erano quasi dei moncherini atrofizzati e il ventre invece era enorme (per inghiottire grosse porzioni di carne recise di netto dalla sua chiostra di zanne), supportato da due zampe posteriori lunghe e potenti, alte almeno tre metri e mezzo.
Passo dopo passo iniziò a inseguirlo, e lui per forza di cose cominciò a correre.
Era inseguito da qualcosa che aveva le dimensioni di un elefante, la ferocia di una tigre e la dentatura di uno squalo bianco!
Non era molto sportivo quell’evento, non aveva fatto nemmeno colazione e appena sveglio si ritrovava già in un film di Spielberg!

Stava per essere acciuffato e divorato, quando trovò la solita provvidenziale cascata in cui si tuffò.

                                                

Piombò nel laghetto circostante, lottò con le rapide (come da copione), stava per annegare ma essendo un eroe riuscì a trascinarsi sulla riva.
Sdraiato nell’erba, rifletteva sull’accaduto, lentamente cominciava a ricordare qualcosa.
In lontananza il dinosauro ringhiava la frustrazione d’aver perso, per il momento, il suo pasto.
I casi erano due: quando si era svegliato, il tirannosauro che aveva cercato di ignorare addormentandosi, era ancora lì; oppure, quando si era svegliato, il grande sauro che aveva sognato nel sonno era ancora lì.
Colse un frutto saporito da una pianta vicina, e dopo averlo mangiato le memorie divennero più nitide.

 

Stava conversando con degli amici sul rapporto dell’uomo col Tempo.
Aveva scritto un post sul suo sito letterario preferito, "Parole Intorno al Falò": il pezzo s’intitolava “Attimo immenso”.
Nel testo esponeva la tesi che un vero Attimo felice non si definisce in rapporto col passato o col futuro, ma passato e futuro devono acquistare fisionomia e senso in rapporto all’Attimo presente.
Nel corso dell’esistenza il nostro passato instaura una pesante autorità nei nostri confronti, e l’impotenza verso il macigno di quel passato ci spinge a vendicarcene ricercando un colpevole e un responsabile per la nostra incapacità a modificarlo e rimuoverlo.
L'esempio ormai classico? Quei frustrati che si mascherano con un avatar per distruggere tutto il santo giorno i contenuti di valore di chi invece vuole costruire qualcosa di buono.
Era seguita un’avvincente conversazione con gli utenti del litblog.

Verso sera era stato abbordato via mail da un venditore anonimo di nuove droghe sintetiche on line.

 

“Caro Mauro Moscone, hai posto davvero una bella questione: come rovesciare il peso del così fu?
Ti consiglio la mia pastiglia COSI’ VOGLIO CHE SIA, la vendo a sole cento euro.
La risposta all’impotenza verso il nostro passato sta nel cogliere l’Attimo Immenso.
Ogni attimo del divenire deve essere giustificato in sé e non perché tende verso un altro attimo passato o futuro.
Quest’alienazione è la causa della somma infelicità umana.
Nulla sussiste isolatamente: acconsentire a un Attimo Immenso non vuol dire di sì solo a noi stessi ma a tutta la vita, totale.
In questo modo il nostro presente diventa praticamente il passato e il futuro simultaneamente.
Il rapporto di reciproca determinazione tra passato e futuro è reso possibile solo dall’Attimo Immenso inteso come decisione, come sguardo rapinoso, come taglio che discrimina e agisce.
Scegli il mio prodotto e sarai nel COSI’ VOGLIO CHE SIA e non ti sentirai più impotente e risentito”.

Imbrogliato dalla sua curiosità, acquistò la pastiglia (colorata con uno strano pigmento rosa viola cangiante e fluido) e si addormentò…
 

                                                
                                                                                 - disegno del maestro Sergio Toppi -


Intorno a lui un gradevole e fortissimo odore di legno umido nell’aria…si stava risvegliando.
Qualcosa respirava vicino a lui, nascosto tra le sequoie giganti.
Lo vide alzarsi: una mostruosa testa lunga almeno un metro e mezzo, munita di una serie impressionante di denti aguzzi, laceranti.
Gli arti anteriori erano quasi dei moncherini atrofizzati e il ventre invece era enorme (per inghiottire grosse porzioni di carne recise di netto dalla sua chiostra di zanne), supportato da due zampe posteriori lunghe e potenti, alte almeno tre metri e mezzo.
Passo dopo passo cominciò a inseguirlo, e lui cominciò a correre.
Era inseguito da qualcosa che aveva le dimensioni di un elefante, la ferocia di una tigre e la dentatura di uno squalo bianco!
Non era molto sportivo quell’evento, non aveva fatto nemmeno colazione e appena sveglio si ritrovava già in un film di Spielberg!
Stava per essere acciuffato e divorato, quando…

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

90Peppe90 il 2018-02-16 09:36:53

Un racconto tanto breve quanto particolare coadiuvato dalla presenza di un bel comparto visivo, in un eterno ritorno dei mostri che ci perseguitano; e forse così, proprio a causa dei mostri che ci inseguono, la vita diviene un'affannosa tensione verso l'attimo futuro e mai un pieno godimento dell'attimo presente. Chissà...

Ciao, Mosco!

Mauro Banfi il Moscone il 2018-02-17 08:29:41

Ciao, Peppe, come sempre direi che hai centrato il punto.

Anni fa - ma quell'esperienza è come se fosse accaduta cinque minuti fa - riuscii, non senza sacrifici e sofferenze difficilmente narrabili, a raggiungere, in Engadina, sulla sponda del lago di Silvaplana, nella località di Surlej, la roccia a forma di Piramide dove Nietzsche venne visitato dall'intuizione dell'eterno ritorno, che come è noto si basa sulla decisione di cogliere l'attimo per stabilire un rapporto di determinazione sul passato e sul futuro.





             



Estasiato dalle immagini del vicino Museo Segantini e reso gioioso dal ritrovamento, agognato per anni, della roccia a forma di piramide, rilessi il capitolo "La visione e l'enigma" della terza parte dello Zarathustra.

Poi rimirai tutto lo splendore naturale intorno a me e compresi in quell'istante che solo in questo consiste l'unica possibile struttura stabile che fonda la proteiforme fluidità in eterno divenire della vita: cogliere, godere, possedere personalmente e pienamente l'Attimo!

Tutto il resto è decadenza, menzogna più o meno artistica e peggio ancora, storia, politica, società.

Poi pensai, ridendo tra me stesso: "Ma tutto questo non potevo pensarlo anche nella mia cameretta-studio laggiù a casa mia, nella bassa padana? E' stato davvero necessario tutto questo sbattimento per pensare questo pensiero?"

Quell'autoironia mi salvò dall'infatuazione per Nietzsche, e con la lettura del "Dopo Nietzsche" di Giorgio Colli diventai, per mia fortuna, un postnicciano o meglio ancora qualcosa di più vicino a me stesso.

Perchè, come ci ha insegnato il buon Goethe col Faust, rendere LETTERALE E MATERIALE l'Attimo immenso è qualcosa di molto ma molto pericoloso, e non va mai dimenticato.

L'Attimo immenso è pura contemplazione conoscitiva e non necessita di "aiutini" chimici o altre stampelle o girelli psicochimico ortopedici.

Ma quell'azione, quello strappo dalla società consumistica e il suo assurdo tempo lineare era necessario, fatale e tutto quel dolore per essere lì non mi ha ucciso ma mi ha reso più forte.

L'Attimo immenso non è un semplice e banale punto sulla linea che dal passato conduce al futuro, il quale acquisti la sua fisionomia solo in rapporto a altri punti e che di per sè non abbia consistenza.

Se si vuole diventare buoni amici di se stessi bisogna arrivare a disporre del proprio tempo e non diventare schiavi di altri "PUNTI" esterni di quel tempo lineare.

Nell'Attimo immenso autentico, tuo, il passato e il futuro diventano attuali, rispettivamente, non secondo le sequenze di un codice mnemonico imposto dalla storia della tua società o secondo il protocollo e le fasi di un progetto imposto da altre volontà ma nell'immediata evidenza di un ORIZZONTE presente e infinito.

Quella roccia a forma di piramide era quella che Mauro Banfi vedeva ed era, è e sarà soltanto mia.

E prima di tornare all'albergo quella roccia parlò e disse:

"Non vegetare! Mai! Afferma la tua differenza dialogando e imparando da altre differenze e sopratutto fai la differenza!".

Abbi gioia



 



 


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Eli Arrow il 2018-03-09 13:14:51

Mah, più che un Attimo Immenso, qui mi pare che il personaggio sia caduto in una circolare coazione a ripetere dell'attimo, molto adatta all'incubo, anche psichedelico.

ciao Mauro

Mauro Banfi il Moscone il 2018-03-09 14:11:38

I miei sentiti complimenti, Eli: il commento scannerizza, con sublime sintesi, il racconto in profondità, completamente. Nella mia vita ho incontrato molte persone, fottute da vari consumismi materiali o ideologici, che pensavano che per essere felici fosse necessario essere LIBERE DA qualcosa o qualcuno mediante quelche medium materialotto... Invece il percorso verso la gioia è tutt\'altro: bisogna liberarsi dall\'ossessione della libertà coatta dalle catene per essere veramente LIBERI DI...vale a dire, come insegna la cultura classica, bisogna imparare a impiegare le nostre pulsioni e non a castrarle o a devitalizzarle o peggio ancora a distruggerle con la violenza del caos disorganizzato. La grande potenza (il dinosauro) si rivela nel più grande AUTOCONTROLLO su se stessi. L\'essere umano che sa conquistare se stesso è avanti anni luce rispetto agli uomini dinosauro che conquistano gli altri. Chi comprende questo ha la via spianata verso la gioia: abbine tanta, carissima.


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO