788 OPERE PUBBLICATE   4093 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

MOSCO BLUES (LA MANIA)

"PUNTO E A CAPO" Racconto F.I.LW. (fono imago litweb) novel: tra sceneggiatura e graphic novel

di Mauro Banfi il Moscone

pubblicato il 2018-01-20 08:17:15


                             
                              
 
“Avrebbe dovuto cantare, questa “nuova anima” – e non parlare!”
Friedrich Nietzsche, “La nascita della tragedia ovvero grecità e pessimismo, Tentativo di autocritica”.

 
 
Le note del blues risuonavano aspre e dure, ritmate dal martellio dei bassi.
Era un’invocazione persistente, ossessiva, che si spandeva nell’aria come una nebbia insidiosa. Una bestia stupenda, un rottweiler dal pelo nero lucido, avanzava energico lungo le rive del fiume Po. 

 
 

Dotato d’un possente fascio di muscoli pettorali e di una micidiale chiostra di zanne affilate, procedeva seguendo il richiamo dell’invocazione blues.     
Un animale prodigioso che sembrava provenire dall’antro oscuro dell’Inferno.
L’invocazione si diffondeva in ogni luogo, fino a raggiungere le profondità delle lanche adiacenti al Po, nei cui fondali fangosi si agitavano inquiete le bisce d’acqua e i mostruosi siluri.
Il suono di quel richiamo giungeva fino alle case galleggianti dei pescatori, lasciate a sprofondare nel pantano degli acquitrini vicini al grande Po.

«E’ stato invocato…adesso arriverà Baron Samedi…e saranno guai per chi l’ha richiamato dal suo Regno, se non avrà un motivo valido per questo sacrilego disturbo…»      
Il poderoso molossoide si fermò davanti alla passerella che conduceva alla barcaccia e chiese al pescatore:
“Ehi tu miserabile! Chi è che mi sta invocando? Mi trovavo in luoghi lontani, rifulgenti di sole nero, luoghi in cui splendide sacerdotesse mi rendevano omaggio con riti innominabili e sacrifici gioiosi e gloriosi…chi ha osato disturbarmi?     
Da dove provengono queste note ossessive?»   
«Baron Samedi, ti prego abbi pietà di questo poveretto.   
Signore delle anime vaganti e dei crocevia, divina guida delle strade e dei confini, ascoltami: c’è una cascina ai margini di quella cittadina.
Là c’è un tale, Mauro Moscone, che tutti i santi giorni ci gonfia i coglioni con i suoi stramaledetti blues.  
Se lo farai tacere, ti offrirò personalmente un siluro sanguinolente e immonde preghiere al chiaro di luna!»
«Vedremo, vecchio, vedremo…    
Per ora ti lascio in vita e questo è il mio ringraziamento, ma se hai mentito…»
 
La lanca, poi la palude vicino alla sponda del grande Po, e fango, tanto, tantissimo fango.
Poi il cane nero attraverso una foresta di farnie e sambuchi  e poi campi di granoturco appena tagliati.
Il rottweiler continuava a seguire la pista di quell’ossessivo ritmo di blues, finché arrivo nella corte di quel cascinale, alla periferia di quell’anonima cittadina di provincia.
Allora il cane nero si trasformò in Baron Samedi, dall’aspetto di un alto uomo di colore munito di cilindro e si preparò a incontrare quel Mauro Moscone.
 

In quel momento la musica cessò di colpo.
«Eccolo qua dunque il miserabile verme che ha osato convocarmi come se fossi un volgare conduttore buonista di trasmissioni televisive.
Prima che la mia collera ti riduca in polvere e punisca la tua inaudita arroganza, ti concedo un ultimo soffio di vita.     
Dimmi: che cosa vuoi?»
«Ti ricordi, Signore delle anime vaganti e delle strade, quando andai a mezzanotte, in una notte di luna piena, in quel crocevia e ti sacrificai un galletto nero per avere in dono la sacra mania?»   
«Adesso su due piedi non ricordo, sarà vero, non lo escludo. A parte il fatto che il galletto nero te lo potevi risparmiare, poveretto, mi bastava un buon sigaro e del rum. E allora?»
«Rammenti il patto? Io accettai di vivere in modo anonimo e invisibile qua in provincia e in cambio tu promettesti d’insegnarmi a scrivere delle storie avvincenti, dove potessi esprimere le mie passioni e le mie ossessioni.»
«E non è andata come volevi? Che cosa è andato storto?» 
«Le storie non sono mai riuscito a scriverle. Invece ho sentito l’impulso irresistibile a comprarmi questa chitarra e a suonare questa musica che mi torce le budella da mattina a sera!
E tutto questo non è bello nemmeno per i vicini di casa, che ascoltano soltanto liscio e melodica napoletana, e si lamentano da mesi di questi strani suoni!»     
«Per l’Inferno! Devo essermi confuso col dono. Va bene, ti prego di accettare le mie scuse. Cercherò di rimediare, fammi pensare…uhmm…forse ci sono…»
 
La locandina recitava:
“Baron Samedi e il Moscone, bluesmen show, solo per stasera! Grande tournee su tutto il suole nazionale!”     
Sotto il tendone le note del blues risuonavano aspre e dure, ritmate dal martellio dei bassi. 
Era un’invocazione persistente, ossessiva, che si spandeva nell’aria come una nebbia insidiosa.
Il gentile pubblico pagante era ammaliato da quella musica ipnotica suonata dal chitarrista, il Moscone, e assisteva meravigliata alla metamorfosi del cantante, il Baron Samedi, in un molosso nero e in altre strane creature…  
 
 

                                                                                              MOSCO BLUES     
                                                                                                  (la mania)    
                                                                   - testi musicati e crediti -
 

Dai, datti un po’ una mossa!
continua la tua corsa,
i blues grandinano giù…i blues grandinano giù…

Come un cane dall’inferno…
Come un lupo in pieno inverno…
Il Blues tallona sempre più…il Blues bracca di più…
 
Do mi pa fumè, Baron Baron, oh oh Samedi!
 
Note e Crediti:

La musica del blues iniziale è “Hellhound on my trail” di Robert Johnson, testo di Mauro Banfi.
Il blues finale “After hours”, è tratto dallo “scorefitter” di Pinnacle 16.
Racconto, sceneggiatura, lettura del testo, chitarra, voce, regia audiovisiva globale di Mauro Banfi.



 
 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Claudio Di Trapani il 2018-01-20 11:13:30
Un simpatico siparietto letterario, caro Mauro. Gustato fino alla fine. Però, se devo essere sincero, come attore... beh, no comment! Eheheheh! ;)

Mauro Banfi il Moscone il 2018-01-20 11:58:12
Ciao, Claudio: grazie del simpatico passaggio.
L'apprezzamento critico è esatto e colgo l'occasione per ribadire alcune osservazioni che ho già fatto a proposito ad altri amici.
Nei miei videoracconti non recito ma leggo ponendo attenzione ai segni di pausa: virgole, punto e virgola, punto fermo sulla riga o a capo e compagnia cantante.
E pertanto varia la misura del tempo dei silenzi tra le frasi.
E' pertanto una dizione antinaturalistica, antilirica e pertanto epica: agli aedi greci non interessava la "recitazione" ma il respiro del metro, e per questo si appoggiavano sulle pause e sul silenzio.
Tutto ciò può creare effetti sgraditi nell'ascoltatore: m'incresce ma è voluto, perchè, in sintesi, a mio avviso l'arte non è la natura.
Abbi gioia

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Roberta il 2018-01-21 16:58:11
Che figata! Me lo sono proprio goduto questo pezzo "multimediale". Claudio non ha torto, la dizione sarebbe da migliorare, però tanto di cappello per la capacità di mettere insieme storia, immagini, musica. E poi ormai ci siamo affezionati all'inconfondibile cadenza del Moscone.

Mauro Banfi il Moscone il 2018-01-21 18:30:52
Grazie, Roberta, sono lusingato per essere riuscito a passare un'emozione artistica, un pò diversa dal solito, con lo stigma dei tempi contemporanei.
Penso che continuerò ad applicarmi all'arte del videoracconto e senz'altro il problema della dizione non è da poco, e sarei contento di poter usufruire di tuoi suggerimenti, che oltre alla tua rara sensibilità unisci anche una consolidata esperienza didattica; le mie coordinate al momento sono queste:
- no alla recitazione naturalistica e impostata che sento sui roboanti video letterari di you tube, perchè voglio passare il PIACERE DELLA LETTURA dilettantesca e non la prosopopea recitante dei commedianti internettiani;
- dare risalto all'interpunzione di pausa, ai silenzi, agli intervalli ortografici;
- interpretare alla giullare Dario Fo - antinaturalismo brechtiano - tutti i personaggi, anche le cose e gli animali.

Detto questo, si può fare tutto meglio e ci proverò: ma data questa prospettiva come leggere con più sentimento, emozione, gioia senza essere pomposi come i pseudoattori pseudoprofessionali di you tube?
Abbi gioia

Roberta il 2018-01-22 09:55:55
Ciao Mauro, io non ascolto letture su youtube, mentre mi capita spesso di ascoltare "Ad alta voce" su Radio Tre; visto che mi chiedi un suggerimento, tra i lettori di questo programma il mio preferito è Tommaso Ragno.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Elisabeth il 2018-01-31 11:00:31
Mauro, grazie per questo dono. Ascoltare un testo scritto (ora anche musicale) va oltre la lettura con gli occhi. Non so che dire.

Mauro Banfi il Moscone il 2018-02-02 17:47:10

Grazie, Beth: è un periodo per me di quelli che la vita è come un pitone che stringe e assedia da ogni parte, ma tra poco sarò ancora libero di scorazzare per il mia amato PIAF e per venire a trovarti, abbi gioia


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
BigTony il 2018-02-02 10:41:02
Anche questo lo ricordavo e l'ho riascoltato con piacere. Meno male che c'è PIAF e piano piano ritroviamo tante cose belle come questa. Qui c'è molto di più che una storia, qui c'è un'espressione artistica a tutto tondo, che dice molto di te.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO