683 OPERE PUBBLICATE   3351 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Il quantico di natale

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di 7posse

pubblicato il 2017-12-22 12:13:08


È natale un'altra volta, Cricio.

Non c'è niente da fare.

Impossibile d'evitare.

Oramai è una questione quantistica.

Si sente nell'aria.

La predisposizione di tutti converge su determinate tematiche e cambia la normale percezione.

Fatto stratosferico a mio avviso.

Questa è una festività che ha molto da insegnare, Cricio.

No no non Gesù, la Maria, il bue, l'asinello eccetera eccetera. Quelli oramai dovrebbero semmai essere la scusa per capire.

Sì può fare veramente intendo.

Qui davanti abbiamo la prova concreta di quanto, agendo uniti, possiamo intervenire sull'ambiente ed il tipo d'ambientazione.

«Come intervenire, Cappo?».

Insinuandoci fra gli elementi dell'ingranaggio, Cricio.

Andando ad ingrassare dove stride.

O forse perfino facendo ruotare l'insieme con i nostri sogni, Cricio.

L'unione mentale fra soggetti è un'arma, Cricio.

Io ne sono convinto.

E quest’unione mentale se solleticata risponde presente, Cricio.

Lei vianda in cerca di stati personali sintonizzati concentrici e, indipendentemente dal fatto le persone si conoscano o meno, riesce a scovarli, ed unirli, e dopo via insieme a cercare pari intenti e...

Ed allorché gli individui stimolati diventano assai assai e prendono coesione impossibile ma... 

Ma spostano l'atmosfera, Cricio.

Spostano l'atmosfera.

Con la loro vibrazione ne cambiano gli equilibri tra i vari componenti e se necessario la rivoltano pure su sé stessa.

«Peccato gli individui vadano, ciecamente, per i cavoli propri e non combattano mai totalmente le battaglie causa...

Causa presunti bisogni che nascondono vizi di forma cui non s'è disposti a rinunciare, vero Cappo?».

Peccato sì, Cricio, e peccato soprattutto non avere armi contro codesta tendenza, che io però chiamo malattia.

Trascorrono i millenni e siamo sempre meglio divisi.

E nessuno sa che fare ovviamente bensì tranquillo, Cricio, ora sono arrivato io.

Lo che sa esattamente cosa non fare, Cricio.

«E cosa non facciamo, Cappo?».

Una volta sono andato al natale degli sfigati, Cricio.

L'avevano organizzato i senza tetto, gli sbandati ed i drogati d'una mensa pubblica patrocinata da un'associazione caritatevole.

E l'avevano denominato così di persona, non è una mia presa in giro.

Ed avevano fatto le robe in grande, Cricio. 

Striscione di benvenuto, cenone ricco, buon vino e scenografica vestizione del sotto cavalcavia.

Veli e tende e fuochi a ricreare intimità, in cui ognuno poteva inserire il contributo desiderato.

Ed erano arrivati addobbi impensabili, Cricio, ed un invitato apparve con un albero di natale particolarissimo, Cricio.

Dovresti averlo visto.

Un piccolo ciccione e sgangherato pino, di cartapesta, color verde variegato, alto un metro e retto su piedi calzanti stivaletto rosso, dai cui fianchi, del pino intendo Cricio, un po' dopo la mezz'altezza dipartivano due striminzite braccia che, mostrando inadeguatezza infinita, tentavano di reggere, di scheletriche mani e nulli muscoli, l'unica decorazione prevista, Cricio.

Un'enorme pesantissima palla fosforescente, Cricio.

Tre metri e venti di diametro, Cricio, ed incollata in equilibrio perpendicolare appena sopra la punta.

«Simpatico, Cappo. 

Un artista?».

Te lo ripeto dovresti averlo visto.

Il corpo dell'albero stava praticamente pressato al limite dello schiacciamento e da un attimo all'altro pensavi avrebbe fatto la fine di caldo budino versato sul piano. 

I tronchetti fungenti da gambette mimavano aperta e chiusa parentesi tonda ed il tipo, non contento, aveva messo inoltre degli occhi ed una bocca, peraltro piazzati benissimo, estremamente sofferenti.

«Una rappresentazione sarcastica della situazione dei festaioli, Cappo?».

Sì, Cricio e di tutti noi e della nostra malattia e quindi di ciò che non si deve fare, Cricio.

Dividerci per auto ironia.

La panacea dei problemi più demente, insulsa e contundente che ci sia.

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE 7posse

Utente registrato dal 2017-11-12

Io scrivo sempre qualcosa su mi me. Ogni frase finita sulla carta mi diventa un tatuaggio inciso nella volta interna del cervello. Solo io non sono professionista nel fare tatuaggi ed allora m'accontento della qualità che m'esce. M'accontento della qualità che m'esce.

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

19 dub due Narrativa

19 dub Narrativa

Dal pensare da Facebook Narrativa

Tra svolte e spigoli improvvisi Narrativa

Quattro cose Narrativa

Bacheca Narrativa

Da tempo volevo provarci Narrativa

Forse forse chissà Poesia

Pomeriggio sera notte mattina Narrativa

Trittico Narrativa

Il fornitore universale Narrativa

Anche i verbi s'aggiornano Narrativa

Spropositatamente indicativa Narrativa

L'arte ed i cerchi sull'acqua Narrativa

Deep sun song Narrativa

Mica l'abbiamo stabilito noi Narrativa

Una favola dai nostri giorni ( VM 18 ) Narrativa

Il quantico di natale Narrativa

Mesto con brio Narrativa

Lucio in the sky Narrativa

L'importante è il mezzo non la fine Narrativa

Echi subacquei Narrativa

La favola dell'amore che hai Narrativa

L'elementi basilari Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.