683 OPERE PUBBLICATE   3351 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Lucio in the sky

"PUNTO E A CAPO" Racconto Narrativa non di genere

di 7posse

pubblicato il 2017-12-06 20:32:51


Stasera voglia di fare niente e niente da fare.

Il connubio ideale.

Bel posto.

Sono le otto e mi pare d'avere capito rimango qui da solo fino a domani notte.

Dalla terrazza un panorama stupendo.

Pieno centro d'una grande città avviata oramai al crepuscolo.

Quasi quasi io ne approfitto.

Ne approfitto e butto giù quell'acido che tengo nel portafoglio da mesi.

Sì sì eccoti qua.

Sai che noia altrimenti.

Ti poggio sulla lingua e vai mio destriero.

Fammi sognare.

Serve un'oretta comunque.

Il mezzo si sveglia con i suoi ritmi.

Intanto preparo da mangiare e da bere.

Direi in terrazza.

Riparata da sguardi indiscreti, ma capace d'allungare i tuoi.

Tettoia evocante sopra set tavolo e piccoli divani ad elle.

Mi perdo a riordinare.

Curo delle piante sul vaso.

Mani che godono infinite volte nell'immergersi sulla terra grassa.

Passo dal bagno.

Lo specchio m'allunga.

Non tanto.

Mettiamo prima ero uno ed ottanta cinque ora sono uno e novanta sette.

Impossibile.

Prendo il metro.

Mi posiziono al muro e tengo il segno col dito.

Stendo il metro.

Un casino con una mano sola.

Ecco adesso alzo un pochino il dito, poi posiziono l'inizio del metro esattamente ed infine riabbasso il dito per tenerlo fermo sul punto.

Urca.

Il metro è caduto.

Se mollo il dito non trovo più il punto.

Se non mollo il dito non arrivo più al metro.

Un po' di ginnastica esilarante.

Risultato uno ed ottanta cinque.

Specchio birichino.

Uhm vediamo.

Patate fritte, fragole, maionese, ananas.

Fagioli, pomodori, acciughe, gorgonzola.

Ancora formaggio affettato in busta singola, senape e funghi.

Pane ed accessori vari.

E panna acida.

Direi vino in bottiglia.

E fatto, tavola imbandita.

Che sfumature le nuvole.

Quella dalla postura di drago che combatte contro lo gnomo giallo, cappello rosso, è violacea.

Guarda da destra arriva un cavaliere fucsia.

Cavallo grigio, lunghissima spada arancione.

Si menano a tre.

Boia che lotta.

Sembra fondano sul calore del combattimento.

Porca n'è uscita una pecora.

Di bianco e porpora disarmata.

Non andare pecorella.

Non andare avanti.

Così finirai in bocca a quel lupaccio fulvo che t'aspetta, bocca spalancata, al di là del varco azzurro.

Ah bene hai messo le zanne.

Ma che zanne e zanne. 

L'aperitivo!

Zanne.

An vedi te dove andavo a perdermi.

Mi siedo.

Preparai una bella tavola colorata il primo commento muto.

È singolare quanto a volte risultino incompatibili il cavatappi e la carta plastica rigida che separa dal contatto diretto trivella tappo.

Un dilemma.

Provo a rimuoverla con la punta ricurva e...

E scoppio a ridere nel rendermi conto non riesco a farlo.

La punta non è abbastanza fina e sfugge in continuazione.

La falsa carta difatti aderisce in modo subdolo alla bottiglia.

Decido d'inciderla con un coltello.

E scoppio a ridere immaginandomi taglia gole tutto impegnato ad estrarre il sangue da una giugulare.

Sembra ci sono riuscito.

Oh porca bestia.

C'era l'apertura a strappa striscia e poggiando il coltello s'è ribaltato l'olio.

Che sta allagando la tovaglia.

Che sotto la tovaglia c'è il vimini.

Che presto presto via tutto.

Uff fortuna non ho combinato un danno.

Finito.

Tovaglia pulita. 

Di nuovo tutto a posto.

Infilo il cavatappi nel sughero.

Faccio leva e tiro su.

Prosit!

Una sigaretta.

Dove ho messo le sigarette?

In tasca no, sul tavolo no, in bagno no, in cucina no, in terrazza no, in macchina no.

Per terra e sotto questo e sotto quello, no.

Nel frigo no, nell'armadio no e nella scarpiera nemmeno.

Sull'ampio davanzale della finestra che collega l'angolo cottura con la terrazza, sì.

Finalmente. 

Mi stavo inzuppando di sudore e la ricerca s'era fatta spasmodica e... 

E l'accendino?

Calma.

Adesso bevo qualcosa e dopo lo cerco.

Rosso amabile.

Di buon boccato fruttato.

Di gradazione alcolica media.

Di più.

Un euro e sessanta.

Puttanazza guarda quante stelle.

Mai visto io in vita mia una stellata del genere.

Quella ha una scia cadmia.

Quella è intermittente si nota benissimo.

Quella si sfoca e torna a fuoco.

Proviamo se riconosco le costellazioni.

Ad esempio il toro.

Eccolo là.

Indubbiamente è lui.

Le corna in alto.

Il muso tipico.

Il corpo con tanto di gambe e coda.

La sua figura è talmente intera e chiara che perfino si colora verdina fosforescente.

E la bilancia guardala là.

I piatti, le catenelle, le braccia simmetriche aperte, il perno nel centro in alto.

Ma va allora quello è il capricorno.

E ci sono anche l'elefante, un babbo natale, un treno, uno scola paste ed un delfino con la criniera.

Ah mi sono scordato il vino.

Me ne verso di nuovo.

Ne voglio due dita.

Le guardo e mi sembrano poche e buffe e mi rimetto a ridere.

Ne aggiungo e giù a ridere.

Ancora, ancora, ancora.

Che storia il replicare della schiuma!

Lei espande retinata.

Tante minuscole palline d'aria.

Non mi dire.

Uguale all'occhio d'un moscone enorme.

Ad ogni bolla la sua pupilla dunque.

Quante saranno?

A chilo cinquecento sulla circonferenza ed il doppio all'interno.

Mille cinquecento.

Praticamente io invento il rimedio alla congiuntivite moscona e sono ricco.

Sa di sintetico.

Chi?

Il vino.

Ti ricordi neanche che stavi a bere vino?

Non ha il solito gusto di vino, bensì è gradevole e d'un profumato penetrante.

Aspetta aspetta, ne verso nuovamente.

Madonnina.

In trasparenza ci sono dei cosi che navigano.

Eccolo lì uno.

Ed un altro ed un altro.

Girano impazziti e velocissimi nel liquido rosso surreale.

Cercano qualcosa o c'è la cinquecento miglia?

Bella domanda.

Dlin dlon, dlin dlon.

Non ci credo il campanello e vino sparso ovunque che cola dal bicchiere con il colmo superato.

Chi sarà mai?

Io non apro a nessuno.

Però magari ha un accendino.

Vediamo s'insiste.

Non pare.

Se n'è andato.

Toh guarda un accendino.

Di fianco a dov'erano le sigarette.

Che ci sono passato casualmente con lo straccio al vino.

Per me è entrato qualcuno.

Mossa diversiva del campanello.

Irruzione da grondaia su terrazza.

Meglio dare una controllata.

Non stava lì quella statua prima ed era marrone non ocra.

Il tavolino è stato scompigliato.

Il bagno lo stesso.

Nel locale caldaia si nasconde l'assassino.

Dov'è la luce?

Cerco l'interruttore a tentoni.

Schiena poggiata al muro m'inoltro nell'oscurità.

Lasciami!

Lasciami e vattene!

Uff me la sono vista brutta.

Col piede ho fatto cadere una vecchia scopa.

E nell'ombra credevo di percepire un individuo bruttino che veniva a me.

Eccolo l'interruttore!

E luce fu.

Cazzo ci faccio qui?

Non credo cerco il rimedio per i naviganti del vino.

E l'accendino l'ho trovato.

Uno sbaglio.

Strano, strano, strano.

Dal mio punto di vista d'altronde evidentemente si sbagliano sovente anche altri.

Ad esempio gli antropologi ed i ricercatori delle origini umane evidentemente si sbagliano.

La prima arma non fu un segmento d'osso o bastone.

Fu qualcosa da lanciare.

Un sasso, del fango o un frammento di legno.

Grosso o lungo o corto non fa differenza.

È un movimento naturale difendersi da un attacco tirando quello che capita per le mani.

Ed è precisazione basilare non confondere il bastone con un bastone qualsiasi.

Che altrimenti in ripostiglio le scope diventano ladri.

Perfetto.

Chiuso il cerchio.

Si mangia qualcosa?

Mmmm, che voglia.

Ananas, acciughe, pomodoro.

Non male.

Involtini di formaggio, patate fritte e fagioli.

Invitanti.

Fragole, formaggio verde e senape a condire il riso bollito.

Maionese e nutella.

E senape e nutella.

Uova sode passate sulla grappa, insalata di grissini base panna acida e tortino piselli alla marmellata di fico, il tris di secondo.

E noccioline.

E panettone.

E panettone?

E panforte.

E brandy per digestivo.

Che tristezza.

Era simpaticissimo Brandy il cane di Giulio.

Un camion con sei assi passati tutti in rassegna da ruota a ruota.

Dicono un bulbo oculare fu ritrovato ad ottanta metri.

E pezzi e sangue dappertutto.

La coda a casa del sindaco.

Un orecchio dall'avvocato.

E sporcata tutta la posta nella cassetta del ministro causa getto di sangue dalla buona mira.

Glielo riportarono per quel che poterono a Giulio.

E lui fu colto da ilarità incontenibile.

Che scemo sono.

In realtà morì di vecchiaia il cane Brandy e Giulio pianse.

La stessa sorte che toccherà alla mia sigaretta peraltro.

Sarà un'ora che provo a fumarla.

A proposito.

Che ora s'è fatto?

Le quattro e mezza di notte?

Incredibile!

Otto ore e mezza dopo le otto.

Sì.

Allora le dieci si dice sei ore dopo le quattro.

E mezzogiorno undici e trequarti dopo mezzanotte ed un quarto.

Ok dai domani giuro alle nove e venti dopo le tredici e quaranta mi farò la barba.

Come quando mi stendo sull'asciugamano al fiume.

A pancia in giù tutto bene.

Ed un gradevole vuoto gravitazionale.

A pancia in su problemi.

Guardo il cielo e penso.

Penso e nella pancia s'apre un vortice.

Il senso d'infinito.

Il cercare di sapere.

Il domani.

Paranoie pesanti.

E comincia a diventare aggressivo ed angosciante il peso sulla pancia.

È il demone del non capire.

È il tarlo del vorrei sapere.

Abita sempre nell'aria sopra il tuo ombelico.

È stato messo lì da un dio potente ed a guardia del fatto la vita perennemente provochi un latente mal di pancia.

In chi vuole approfondirla ovviamente.

Un minimo d'indecisione e si materializza.

Nel frangente lo vedo lungo verme.

Fra un attimo sarà squalo o mostro orrendo o uomo o... 

Maria santissima no dai le luci delle finestre.

Le luci delle finestre si muovono e quelle delle scritte pubblicitarie mi vengono incontro.

Guarda non sono tutti sullo stesso piano i rettangoli rischiarati.

E quelli dei palazzi distanti sembrano più vicini rispetto a codesti di fronte.

E dipartono scie colorate dalle pubblicità.

Che si dissolvono in tanti puntini chiari itineranti nell'aria.

Meraviglioso ed impossibile.

Costoro diventano donne farfalle.

Ali gigantesche. 

Cesellature sontuose.

Corpi giunonici.

Antenne d'oro.

Sparito il mal di pancia,

Sei stupenda urlo ad una.

«Vola con me» mi risponde.

«Il mio amore sarà tuo».

Chi mi ferma se perfino la ciurma dorme e non può legarmi all'albero maestro? l'ultimissima considerazione. 

Arrivo le urlo.

Anzi no.

E che capperi prima m'accendo la famosa sigaretta.

Due boccate di vita in diretta e mi sporgo dalla ringhiera.

M'abbraccia.

Le getto le mani al collo.

Volo.

È bellissimo.

Sei bellissima.

È bellissimo.

Sei bellissima.

È bellissimo.

Sei bellissima mi ripeto estasiato. 

È bellissimo, bellissimo, bellissimo e... 

E bum. 

Cofano di Mercedes sfondato.

Fine.

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE 7posse

Utente registrato dal 2017-11-12

Io scrivo sempre qualcosa su mi me. Ogni frase finita sulla carta mi diventa un tatuaggio inciso nella volta interna del cervello. Solo io non sono professionista nel fare tatuaggi ed allora m'accontento della qualità che m'esce. M'accontento della qualità che m'esce.

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

19 dub due Narrativa

19 dub Narrativa

Dal pensare da Facebook Narrativa

Tra svolte e spigoli improvvisi Narrativa

Quattro cose Narrativa

Bacheca Narrativa

Da tempo volevo provarci Narrativa

Forse forse chissà Poesia

Pomeriggio sera notte mattina Narrativa

Trittico Narrativa

Il fornitore universale Narrativa

Anche i verbi s'aggiornano Narrativa

Spropositatamente indicativa Narrativa

L'arte ed i cerchi sull'acqua Narrativa

Deep sun song Narrativa

Mica l'abbiamo stabilito noi Narrativa

Una favola dai nostri giorni ( VM 18 ) Narrativa

Il quantico di natale Narrativa

Mesto con brio Narrativa

Lucio in the sky Narrativa

L'importante è il mezzo non la fine Narrativa

Echi subacquei Narrativa

La favola dell'amore che hai Narrativa

L'elementi basilari Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Mauro Banfi il Moscone il 2018-01-07 10:35:08
Ciao, Mirco ho letto qualche tuo testo in questi giorni e ho gustato in particolare questo, per via dei ricchi rimandi e di una certa "tradizione"che contiene, oltre alla ricerca linguistica originalissima- come tuo "proprium" - che già da tempo appreziamo. Ci sono i Beatles e la cultura psichedelica e lisergica e tanta avanguardia alla Alfred Jarry e alla Andrè Breton per arrivare alle fantasmagoriche prose di Tom Robbins. C'è pertanto tanta musica e pittura coloratissima nelle tue parole ma prima ancora c'è il procedimento Jarryano di sostituire definitivamente le parole alle cose e di conseguenza la regola di concordanza soggetto - verbo - complemento oggetto si apre come un fiore rugiadoso all'alba e va a farsi benedire da un Sole dissolvente, patafisico e non metafisico. Qua ci vorrebbe un approfondimento sulla crisi del Soggetto e la sua dissoluzione nell'età contemporanea, ma mi verrebbe palloso e lascio perdere. Dico solo senza un minimo straccio di Io forse non è più possibile nemmeno continuare a sognare sapendo di sognare, come diceva Nietzsche, il terminatore di ogni metafisica. Se è questa la nostra verità, soltanto un soggetto individuale può sognare e sapere di sognare, non un inconscio senza volto e senza identità: certo non un individuo compatto e monumentale come un busto classico (ormai anacronistico), ma un io precario e incerto, consapevole d'essere solo un'ombra che trema e si rifrange, ma proprio perciò non disposto a confonderla in una macchia indistinta. E il ritmo diventa protagonista, il battito segreto della tua anima. In questo brano poi trovo ben espressa la pericolosità inelubibile di ogni trascendenza: chi apre una porta può trovare il Cosmo ma anche un abisso, e sono cazzi suoi se l'Abisso lo riguarda: tutto dipende da quanto non siamo disposti a diventare macchia indistinta. Una curiosità, se non sono indiscreto (al limite puoi rispondermi anche in privato) che ritengo d'interesse universale e pertanto pubblico: come mai c'è tanta musica e pittura nelle tue parole ma non ne usi concretamente con gli strumenti di PIAF? Non so, qualche tua creazione con impagina e qualche musica col tasto youtube o la funzione "aggiungi musica", tu che sei un VJockey fortissimo? Non che mi dia fastidio, tutt'altro, è solo curiosità: perchè questa tua iconoclastia e fonofobia? Forse per far risaltare al meglio quel Ritmo psicofisico Mirkesco? Sempre affascinante la tua ricerca, abbi gioia

7posse il 2018-01-08 14:45:19

ciao mauro gioia infinita a te.



"In questo brano poi trovo ben espressa la pericolosità inelubibile di ogni trascendenza: chi apre una porta può trovare il Cosmo ma anche un abisso"... parole sacrosante ed è per questo che io ho eletto a mio mito jarry e la sua patafisica e cioè perché sono arciconvinto che effettivamente serva una scienza per tentare di "regolare" la fantasia. L'uomo infatti ha sempre inventato o immaginato e creato di conseguenza ma, errore a mio avviso madornale, non s'è mai curato delle conseguenze dell'inventato. certo con l'immaginazione abbiamo ottenuto dei passi in avanti incredibili, però, che ne so, se tu a suo tempo avessi, ad esempio, inventato il motore a scoppio, l'avresti diffuso sapendo quante persone, per causa delle sue esalazioni e velocità, avrebbe immolato alla causa? e lo stesso vale per le armi e forse perfino per la ruota. io non trovo, avendo i risultati d'adesso, fossero veramente grandi persone tante fervide menti del passato, in quanto, a raccogliere i risultati dei loro exploit, non si sa bene se la bilancia pende di più al bene o al male. e purtroppo per noi io sono convinto ciò vale anche per gli scrittori. per quelli di fantascienza senz'altro, ma anche per coloro che attraverso semplici romanzi aprono porte in cui poi la gente si tuffa al buio o sull'ali dell'entusiasmo per... per scoprire, a volte dopo troppo tempo, indotti velenosi o mortiferi. ora non dico bisogna ingabbiarla la fantasia. no certo, però bisogna andare con i piedi di piombo prima di farla diventare realtà. con i piedi di piombo e.. non mi dilungo oltre altrimenti divento palloso io.



per la tua curiosità invece ti dirò che nel primo brano avevo inserito musica, poi però ho letto che doveva essere autoprodotta per non fare incorrere il sito nella trappola dei diritti d'autore, allora ho lasciato perdere, mentre per l'arte figurativa non mi preoccuperei troppo, c'è tempo e devo ancora esplorare, purtroppo sono reduce da un periodo con zero tempo libero, tutte le opzioni per arricchire il testo.



ancora ciao.



mirco


Mauro Banfi il Moscone il 2018-01-08 20:56:33

Grazie, Mirco, per il bellissimo controcommento e per aver soddisfatto la mia scimmiesca curiosità.
A mio avviso la musica la puoi mettere con la funzione "you tube" dell'editor testi e un bel codice html autopartente.
E per la grafica, festina lente, giustissimo.
Ancora un buon anno e un abbraccio

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Eli Arrow il 2018-03-07 16:11:28

Questa mi è sempre piaciuta un casino. L'avevo letta anni fa su net e mi ha fatto molto piacere ritrovarla qui e poterla rileggere. Ma hai cambiato titolo? Mi pareva che si chiamasse Icaro o Il Volo di Icaro. Ma forse mi sbaglio. Ciao Mirco.

7posse il 2018-03-11 18:39:20

grazie Ely e sì era già apparsa sul net questa cosa che in realtà, visto causa altri impegni di questi tempi non scrivo molto, fa parte dei circa centocinquanta episodi di cui è composto un mio libro e tra i quali pesco, per testarli ancora un pochino, gli scritti che attualmente sto inserendo qui.



ciao.



mirco


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO