788 OPERE PUBBLICATE   4093 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Rubrus

Buh! - i mostri e le loro maschere

"VIRGOLETTE"

Saggistica

Articolo critico (generico)

pubblicato il 2017-11-22 14:36:46

Se permettete, inizio da un'esperienza personale. Quasi tutti i lettori di un testo che ho scritto – anche se, statisticamente, non rappresentano un gruppo significativo – sono stati colpiti, più che dalla figura del protagonista, da quella dell'antagonista.
Sintetizzando, penso di poter dire che il personaggio di maggior successo è stato il “mostro”.
Per “mostro” intendo, nell'accezione più ristretta, ma anche più comune, un essere di origine soprannaturale, terrificante e malvagio.
Ebbene: che aspetto ha il “mostro”?.
Se andiamo a dare uno sguardo alle raffigurazioni nelle chiese partendo dal medioevo, notiamo, in quelle più antiche, un gran squadernarsi di trionfi della morte, di demoni, diavoli ecc.
Se teniamo presente che in passato gran parte della gente era analfabeta e che la storia illustrata sui muri degli edifici ecclesiastici era la forma di comunicazione a più vasta diffusione, possiamo considerare che, almeno fino alla Riforma, e anche dopo, quello era, per la maggioranza delle persone, l'aspetto del mostro.
Credo che le cose abbiano cominciato a cambiare con la Riforma protestante, notoriamente iconoclasta.
Via santi e madonne dalle chiese, ma via anche diavoli e affini.
Allo stesso tempo, lo sviluppo e la diffusione della stampa, rendevano meno importanti, ai fini comunicativi, specie per le classi un po' più benestanti, le fabulae pictae.
Mentre nell'Europa cattolica il fenomeno avveniva più lentamente e con non pochi contraccolpi, in quella di cultura protestante si apriva una frattura tra il fantastico – cui si abbarbicava, come un gemello siamese, la parola “superstizione” - e la religione.
Il clero e la chiesa perdevano l'esclusiva sul soprannaturale che, per converso, si laicizzava e veniva frequentato in misura sempre più massiccia da una nuova categoria di “sacerdoti”: gli uomini di lettere.
Azzardando un po', penso che questa (più che un maggior propensione al “realismo”che connoterebbe lo spirito latino) sia la possibile spiegazione del fatto che la narrativa soprannaturale si sviluppa nei paesi anglofoni o germanici più e prima che in quelli latini e mediterranei.
Facendo balzi di decine di anni, se non di secoli, vediamo che, nella cultura e specialmente nella narrativa del 17° e 18° secolo, tende a perdere importanza il “mostro” delle epoche precedenti, cioè il diavolo. Troppo legato a filo doppio alla sua controparte, la Chiesa, il demonio diventa sovente una figura buffa, un rodomonte destinato ad essere sbeffeggiato da uomini più intelligenti e più acculturati di lui. Dovremo aspettare Blatty e Friedkin, nel XX secolo, perché, salvo qualche eccezione, il diavolo torni a far paura nell'immaginario del grande pubblico.
Per converso – e ci avviciniamo così alla fine del 18° secolo – i letterati, soffermandosi sui gradini più bassi (o più alti, a seconda dei punti di vista) della scala di Giacobbe, ricorrono, per spaventare i loro lettori, ad altri spauracchi: stregoni, spettri, vampiri ecc.
E' guardando proprio a quest'ultimo che si nota con forse maggiore evidenza l'appropriarsi, da parte della narrativa laica, dell'immaginario terrifico (su cui prima il clero aveva il predominio e che usava come monito per i fedeli, affermando di possedere l'unico antidoto, cioè la religione).
I vampiri del folklore tradizionale, simili a rozzi zombie, venivano sostituiti da aristocratici raffinati e seducenti, come Carmilla e Lord Ruthwen (al secolo, Lord Byron).
Va notato che le figure dei mostri nel gotico del 19° secolo, cui ormai siamo arrivati, hanno spesso una marcata componente “esotica”. Vengono dal modo latino (“Il monaco” ne è un buon esempio) o dall'Egitto (grazie alle spedizioni napoleoniche tornato di moda, se mai era passato) o dalle foreste dell'oriente slavo (come il vampiro di Stoker, anche lui “conte”).
Insomma, la letteratura fantastica, per cercare immagini terrificanti, non pesca più – salva l'importante eccezione di Stevenson e della Shelley, di cui dirò fra poco – all'interno, ma all'esterno, o nello spazio, o nel tempo. Sul finire del secolo, il protagonista dei racconti di MR James è spesso un antiquario e luoghi o oggetti di un passato più o meno remoto (libri, quadri, stalli di cattedrali, labirinti, persino un fischietto) sono il tramite attraverso il quale il perturbante irrompe nella razionale modernità. Blackwood e Machen (che anticipa Lovecraft) fanno lo stesso. La ragione di tutto ciò è, secondo me, abbastanza semplice: il mondo, almeno quello occidentale ha perso gran parte della sua aura fantastica per come la si intendeva.
Nell'America che guarda alla nuova frontiera, Poe, malgrado qualche concessione al gotico più tradizionale (“La maschera della Morte Rossa”, “Metzergensetein”) dà il meglio di sé, anticipando i tempi, quando riduce l'iconografia terrifica a mera apparenza che cela, ma non troppo, gli spettri dentro le menti allucinate dei suoi personaggi. Nella trilogia (sono racconti che possono essere formalmente, se non strutturalmente, accomunati) “Berenice – Morella – Ligeia”, le “ritornanti” che tormentano i protagonisti sono ossessioni della mente, prima e più che creature dell'occulto tradizionale. Lo stesso dicasi per “Il cuore rivelatore”, “Il gatto nero”, “Il pozzo e il pendolo”, “Le esequie premature”, “La caduta di Casa Usher”; qui il soprannaturale in senso stretto non c'è o potrebbe non esserci: i demoni esistono, ma sono nell'animo alterato e ipersensibile (una caratteristica ricorrente, in Poe) dei personaggi.
Avevo minacciato di accennare alla Shelley e a Stevenson e, prima di scavallare nel secolo XX, sarà bene farlo.
I due, nei loro due romanzi più famosi (“Frankestein” e “Lo strano caso di Jeckyll e Hyde”), assieme agli strumenti del gotico tradizionale ricorrono, per spaventare, a uno strumento del tutto a- religioso ossia la scienza. I loro mostri, da un lato pescano nell'iconografia tradizionale e nel folklore – la Creatura è tutto sommato un zombie, anzi un insieme di zombi; il cinema lo rappresenterà in modo assai più evidente che il libro, mentre Hyde, malgrado venga definito “scimmiesco” è - e soprattutto è percepito (c'è chi li confonde) - un lupo mannaro.
Ma siamo ormai alla fine del XIX secolo e il soprannaturale, dopo essere stato sottratto alla Chiesa, sta per essere sottratto all'arte. Il ladro, il dottor Freud.
Dopo averlo separato dalle sue radici cristiane (magari solo per ritrovare quelle pagane) il mostro viene spogliato del velo di mistero che, tutto sommato, ancora lo avvolgeva.
C'è un posto, dice Freud, da dove vengono tutti i mostri e non è il passato dell'umanità, meno che mai il cielo o l'inferno, ma la mente dell'individuo, il suo vissuto .
Il nostro passato, il nostro inconscio è la tana del mostro, non una qualche terra al di là della foresta o un laboratorio con alambicchi e provette e saette, o una tomba portata alla luce dalle sabbie di una terra lontana. La madre di Grendel è nostra madre.
A questa affermazione si ribella il grande outsider della narrativa dell'orrore: ancora una volta, un anglofono, anzi, un americano: Lovecraft.
Negli stessi anni in cui il cinema esalta l'aspetto puramente visivo e iconografico del mostro, reinterpretando, raggiungendo e superando, in chiave moderna pop, le antiche fabulae pictae, il solitario di Providence si pone il problema della inadeguatezza del gotico tradizionale e propugna la irrapresentabilità del mostro. I racconti di HPL sono pieni di “è troppo orribile perché lo descriva”, “non riesco a dirvi come fosse, esattamente”, “se lo vedeste, impazzireste”, di geometrie non eucildee o “sbagliate”, di antichità incommensurabili o lontananze inconcepibili. 1) Tutta roba incompatibile con l'industria dello spavento, e i numerosi epigoni che l'esempio lovecraftiano ebbe sono la rivincita postuma di HPL su un mondo che non lo capiva e da cui non era capito.
Frattanto – e credo partendo da un seme gettato dalla Shelley agli inizi del XIX secolo – i mostri si modellano secondo i canoni della scienza, anzi della fantascienza, più che secondo quelli del gotico puro. Il mostro, mano mano che ci avviciniamo ai nostri giorni, indossa la maschera dello Scienziato Pazzo, dell'Alieno venuto da un altro mondo o creato/liberato dalla hybris tecnologica. Ecco quindi vegetali assassini (la “Cosa”, ma anche “la piccola bottega degli orrori), blob, insetti giganti, rettili ipertrofici che sono la versione moderna (e scientificamente presentabile) del Drago dell'Apocalisse (Godzilla, se lo si esamina secondo la cultura occidentale) extraterrestri tanto intelligenti e progrediti, quanto distruttivi e malvagi (che in effetti altro non sono, secondo me, che lo specchio di quello che noi potremmo diventare seguendo il cammino dello sviluppo, almeno per come lo si concepiva in quegli anni) e, naturalmente, tutti i figli dei mondi distopici nati dopo la Bomba . Negli anni '60 e '70, mentre i mostri gotici si sono tanto imborghesiti da avere una casella della posta con scritto sopra “Addams” o “Munsters”, fanno la loro ricomparsa gli zombi di Romero e, come accennavo sopra, il Grande Assente di tutto lo Spettacolo della Paura messo in scena nei decenni precedenti, ossia il Principe delle Tenebre che tormenta la povera Reagan Mc Neil. Nel '79 sullo schermo compare quello che secondo me è il più lovecraftiano degli alieni – cioè l'Alien per antonomasia.
Nel decennio successivo e fino ad arrivare ai giorni nostri, giunge a maturazione il neogotico. Secondo Lippi, caratteristica dell'orrore contemporaneo (possiamo ancora considerare “contemporanei” gli anni '80 e '90?, ditemi di sì, per favore) è la reificazione del mostro. In altre parole, “wonder and terror non ci trascendono più; demoni, case infestate e vampiri sono tornati alla ribalta come nella letteratura dell'Ottocento, ma la loro funzione non è stata quella di introdurci all'ignoto, a esperienze estatiche o simbolicamente conoscitive... il ruolo degli spauracchi noti e sfruttati fino all'osso è diventato semmai tranquillizzante... in una società di massa scegliere immagini convenzionali , serve a sfruttare le paure infantili del pubblico, permettendogli di ignorare quelle più sottili e senza risposta” [“Paure di ieri e di oggi: Lovecraft e il revival dell'orrore” nell'introduzione a “tutti i racconti”]. Su questa visione, che si basa sulla distinzione settecentesca della Radcliffe tra orrore e terrore non sono del tutto d'accordo.
Personalmente, per limitarmi a un solo aspetto (il discorso sarebbe lungo e ne svolgo una parte sola) credo che quelle maschere mostruose siano ancora efficaci e sfruttate – e ipersfruttate: è questo che ne determina il logoramento e la morte: l'unico modo per sconfiggere un mostro è abituarsi ad esso – perchè rappresentano iconograficamente delle costanti dell'animo umano.
Sarà perché “esperienze estatiche o simbolicamente conoscitive” mi lasciano un tantino scettico, per usare un eufemismo, credo che la rappresentazione del mostro non vada mai verso l'alto, ma verso il basso, per così dire.
Anche se psicanalisi e psicologia moderna non sono più quelle dei tempi di Freud e, in generale, mi pare che vi sia assai meno fiducia in esse, credo di poter dire che la tana del mostro stia sempre all'interno dell'animo umano, nelle sue profondità, nel suoi recessi più animaleschi, inconsci e inconoscibili (non credo che l'inconscio possa diventare conscio) – che poi questi abissi possano condurre altrove è convinzione o scelta o illuminazione (se si può usare questa parola) squisitamente ed esclusivamente personale.
Probabilmente, la stessa pretesa di creare un mostro originale, al di là dell'uso, spesso eccessivo, del make up letterario e cinematografico, è presunzione anzi hybris.
Nella contemporaneità abbiamo quindi tutta una corrente che si può dire iperrealista. Molti mostri di King, per esempio, sono credibili perché l'estrema minuzia descrittiva, d'ambiente e psicologica, li colloca in un mondo che è il nostro, in una mente che è la nostra (e su questo Lippi ha ragione da vendere: in particolare il lato infantile, o artistico / immaginifico della mente).
Che poi la maschera sia quella, aggiornata, presa dallo scaffale del gotico o da quello della SF terrificante (non ditemi che Terminator, il Golem e la creatura di Frankenstein non sono parenti... c'è una tale aria di famiglia!) è tutto sommato di importanza secondaria.
Gli stessi slasher serial killer, che abbiano un lato soprannaturale più o meno marcato (si chiamino cioè Freddy Krueger, Jason o Myers o quel che volete) altro non sono che l'ipertrofia della Morte, che trionfa come nel Medioevo, ma lo fa in maniera appunto seriale, quasi fosse l'ultimo anello di una catena di montaggio che, tra gli altri compiti, ha quello di spaventare l'utente e lo fa con coscienza, professionalità, dedizione e divertimento personale... e continuerà finché non sarà più redditizia per il datore di lavoro: l'industria del terrore.
Per chiudere col quotidiano, mi pare giusto parlare di fenomeni come le creepypasta e certi spauracchi (come lo Slender) che si aggirano per il web. Personalmente, e sia che si tratti di testi o video, e benché francamente non riesca o trovare in esse alcun valore letterario, anche cercandolo, penso che altro non siano che la versione “liquida” o 2.0 di storie che correvano sulla bocca degli antichi (gli stessi che si trovavano Trionfi della Morte e Satanassi sulle mura delle chiese) quando facevano filò nelle stalle.
Dubito che da lì possa sorgere una nuova icona, sia per quanto credo in punto di “originalità del mostro”, sia perché l'estrema frammentarietà, polifonica e mutevole, della rete, lo impedisce, almeno a mio parere.
Penso però che sia lì che il mostro di oggi abbia il suo terreno di caccia. Probabile che da qualche parte ci sia il cacciatore che lo stanerà, se non lo ha già fatto.

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Rubrus

Utente registrato dal 2017-11-02

Il romanzesco è la verità dentro la bugia

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

OFFLIGHTHINGS Narrativa

Riciclaggio Narrativa

Suoni Narrativa

L'oro degli sciocchi Narrativa

Quattro chiacchiere sulla narrativa fantastica Saggistica

Riflessi Narrativa

@nime Narrativa

VEGAN Narrativa

A PROPOSITO DI … TRE POETI E LA SERA (FOSCOLO, LEOPARDI, PASCOLI) Saggistica

A proposito di Odisseo e del coronavirus Saggistica

A proposito di "Romagna" di Pascoli Saggistica

Buck Narrativa

Un lavoro come un altro Narrativa

A proposito di "I Pitard". Saggistica

Voli Narrativa

CAR Narrativa

Trekkers Narrativa

Il Re e me - come vissi, quasi, un racconto di Stephen King Saggistica

Colui Che Non Deve Essere Regalato Narrativa

Su "L'infinito" Saggistica

Conto alla rovescia Narrativa

Argulus Narrativa

L'uomo che non c'era Narrativa

Scighéra Narrativa

A proposito di Shining e Dr. Sleep Saggistica

A proposito di "San Martino" Saggistica

Ultima corsa Narrativa

A proposito di "Il carro magico" di Joe R Lansdale Saggistica

Concerto Rosso Narrativa

La matita di IT Saggistica

Anatomia di un racconto - Cacciatori di Vecchi - di Dino Buzzati Saggistica

Mea culpa Narrativa

A proposito di "L'ombra dello scorpione" - con una strizzatina d'occhio a Tolkien Saggistica

Crepuscolo Narrativa

A proposito di Stanlio e Ollio - film del 2018 Saggistica

Nani Narrativa

A proposito di... un western italiano Saggistica

Le cose per cui rimani Narrativa

Tallone da Killer Narrativa

Il mondo migliore Narrativa

Erba Cattiva Narrativa

Storia di Sam. Narrativa

Ciò che non muore Narrativa

A proposito di"La resa dei conti". Saggistica

Acqua morta Narrativa

A nostra immagine Narrativa

A proposito di "Le acque del nord". Saggistica

Clichè Narrativa

La notte più lunga Narrativa

In memoria di Giuseppe Lippi Saggistica

Debunker Narrativa

Su"TheOutsider" Saggistica

L'uomo nella stanza Narrativa

Quell'ultimo, stupido pezzo di carta. Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Inseparabili (brividi d'ottobre) Narrativa

Paese d'ottobre (brividi d'ottobre) Narrativa

Nessuna risposta (brividi d'ottobre) Narrativa

Malocchio (brividi d'ottobre) Narrativa

Due giorni prima dei morti (brividi d'ottobre) Narrativa

Passaggi (brividi d'ottobre) Narrativa

Il resto (brividi d'ottobre) Narrativa

Semi di zucca (brividi d'ottobre) Narrativa

Spuntino di mezzanotte Narrativa

L'inciampo Narrativa

Dove finisce l'estate Narrativa

L'intruso / Alcune piccole imperfezioni. Narrativa

Fine stagione Narrativa

Sirena Narrativa

Sherlock Holmes e l'avventura del dottor Watson Narrativa

Crop man Narrativa

Non lo so Narrativa

Predatori Narrativa

Primo mare Narrativa

Anatomia di un racconto Saggistica

The Dancing Ghost Narrativa

Casa dell'Ade Narrativa

Aspirazione Narrativa

Girabuio Narrativa

Appdeath Narrativa

Possibilità Narrativa

Ogni cosa al suo posto Narrativa

Legal Killer Narrativa

Sfocature Narrativa

Paese d'ottobre Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Nero Natal Narrativa

Appunti sulla sospensione dell'incredulità Saggistica

Merry Killmas Narrativa

L'oracolo Narrativa

Buh! - i mostri e le loro maschere Saggistica

Il viaggio infinito di Long John Silver Saggistica

Il treno, il bambino, il drago. Saggistica

Urari Narrativa

Urari Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

monidol il 2017-11-22 15:45:29
Sempre interessante leggere le tue virgolette. Mi chiedo come e quale sia il mostro contemporaneo... Ah ... no, io non credo che gli anni 80 90 rappresentino ancora la contemporaneità, non tanto per il numero di anni passati ma per tutti i cambiamenti avvenuti da allora a oggi. Ho la sensazione che ciò che prima rappresentava il mostro oggi, si tenda a farlo diventare uno di famiglia, vedi tutte le serie di lupi mannarri, vampiri, mutati, mutanti e mostricciattoli vari con cui i "buoni" convivono e con cui si divide il quotidiano e gli affetti. Il mostro, quello che davvero fa paura, quello il cui orrore sia insondabile e inimmaginabile sia personificato dall'essere umano, il serial killer, torturatore, perverso... che nell'immaginario (oddio!) non ha limiti di orrore.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2017-11-22 18:25:28
Mah... non lo so... insomma, pensiamo ai vari remake - anche di opere tutt'altro che memorabili e ai vari crossover. Insomma, siamo qui, vent'anni e passa dopo, a vedere remake di It, Freddy Kruger (magari Vs Jason) o Alien, magari Vs. Predator, oppure a seguire la storia di famiglia di Reagan Mc. Neil. Tutta roba risalente nel tempo. Intendiamoci: tutto questo trova la propria ragione anche nella scarsa propensione al rischio degli operatori del settore, che preferiscono l'usato sicuro, ma forse è anche segno del ripiegarsi dell'Occidente su se stesso, oltre che, ovviamente, dei corsi e ricorsi dell'immaginario - che essendo connesso alla parte emotiva dell'animo umano cambia poco nel tempo. Credo che l'ultima stagione di creazione narrativa intensa in questo campo sia stato il tardo XX secolo. Basta andare in libreria. Il settore fantascienza è afasico e quello horror non presenta nomi che possano competere col solito King, ormai un po' vecchiotto anche lui.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Massimo Bianco il 2017-11-22 19:45:29
E beh, si vede anche qui la tua grande capacità di analisi critica (che quando tratti il tema horror, cioè il "tuo" tema, raggiunge i vertici) e la profondità dei tuoi commenti. Un saggino che ho trovato interessantissimo e che meriterebbe di essere conservato nella propria libreria. Ma io ne sono troppo di meno di te sugli argomenti per discuterne e me ne scuso. Bravo, ciao.

Rubrus il 2017-11-23 12:12:56
Ciao!. Solo due considerazioni tra me e me. In realtà sulla rete ci sarebbe da dire qualcosa di più, ma è un ambiente col quale non riesco a interfacciarmi - e comunque da quel che è intravisto, "Stranger things" è ampiamente derivativo, quindi non sembrerebbe smentire quel che ho detto.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Mauro Banfi il Moscone il 2017-11-23 13:53:09
Chi è il mostro oggi, e come rappresentarlo? Questo è il bel corollario che ci lascia il tuo articolo classicissimo. Sai, pensando a come finire e concludere i Nematodi (un'opera che ancora lavora nel mio subcosciente) ho inventato un tizio, alleato di Mr. Strangman, Mister Nihil. Guardavo quest'estate "Nashville", un film capolavoro di Altman. La società totalmente appiattita di "Nashville", come rappresentazione degli anni '80, ha la magnanimità dell'indifferenza, perchè‚ in essa c'è posto per tutti e non vi sono sussiegosi sacerdoti del vero: c'è un livellamento assoluto e un'equivalenza di ogni cosa, vissuta con vacua innocenza, ma non c'è presunzione nè arroganza monomaniaca del nostro oggi; ognuno gioca con i suoi giocattoli che subito butta via, ma non si sente superiore agli altri. Da noi oggi, nel web e nella società, l'opinione standard secolarizzata contende a quella sanfedista il primato dell'intolleranza. In molti ambienti medio o alto-borghesi vige, nei confronti delle fedi religiose e del Sacro (e del Male), ossia di alcuni fra i grandi valori della vita, una terroristica sufficienza, una prepotenza emarginatrice che copia, con segno diverso, quella clericale fanatica. - prima parte -

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Mauro Banfi il Moscone il 2017-11-23 13:54:14
Seconda parte del commento Il laicismo secolare e nichilista, quale opinione diffusa e dominante, può rovesciarsi nell'indifferenza, nell'oblio del senso del sacro e del rispetto, nella rinuncia alla scelta personale e all'indipendenza di giudizio. Al posto di un umanesimo attento alle scelte morali, professato oggi e sempre dai veri laici umanisti e illuministi, subentra lo sbadiglio distruttivo che annienta ogni cosa. Ecco il mostro del terzo millennio: sotto il suo segno le persone cianciano tutti i giorni di sinistra, destra e centro - senza sapere storicamente che fallo sono - e si disinteressano della qualità dell'aria che respirano, dell'acqua che bevono, del cibo che mangiano, del clima che abitano. Mister Nihil è potentissimo in Terra come Strangman nel Cosmo, e dire amen sarebbe sacrilego e io non lo sono, perchè per me il Sacro è l'intima struttura di ogni essere vivente. Abbi gioia.

Rubrus il 2017-11-23 14:15:50
Secondo me è una conseguenza - o meglio il lato oscuro - dell'anticonformismo e del ribellismo, dell'idolatria della trasgressione, della contestazione e dell'irrisione di qualunque forma di autorità che ci portiamo dietro da cinquant'anni a questa parte. Abbattuta la società agricolo - patriarcale che da noi aveva resistito, più o meno, fino al "boom", e che aveva ovviamente anche lei i suoi lati oscuri, eccome, non si è arrivati affatto, come credevano le anime belle, a una società "liberale e liberata", ma si è arrivati (secondo me era fatale e inevitabile) a una individuolatria, Al posto di una autorità condivisa (e repressiva, ripeto: anche quel modello di società aveva i suoi lati oscuri, eccome), l'uomo moderno fa di se stesso l'unica autorità che è disposto a riconoscere, e per farsi riconoscere deve - come è naturale per ogni specie animale - anche eliminare la concorrenza. Non è forse un caso che i ribelli di oggi in occidente siano i "foreign fighters" e le "nuove destre" cioè giovani nati in questa società, che sono (o forse qualche volta si sentono) disadattati o emarginati e che, sempre in nome del mito della contestazione e dell'individualismo - c'è in questo una sottile, perversa ironia, ed è nell'ordine delle cose - si rivolgono a modelli di società del XIX / primo XX secolo o addirittura del medioevo teocratico. Per farla semplice. C'è un fenomeno per cui più dici che le autocrazie e le dittature sono orribili, più una fetta di popolazione corre ad abbracciarle perchè sono "alternative" e perchè ciò la fa essere, essendo "contro", "qualcuno". Più demonizzi, e più alimenti il culto del demone (un fenomeno, per certi versi, inverso a quello che si verificava in passato, e senza dubbio oggi molto più diffuso che in passato). Sul piano narrativo. Parlavo qualche giorno fa delle critiche che il commissario Schiavone di Manzini aveva ricevuto in quanto personaggio, sebbene fittizio, contiguo alla criminalità pur essendo un rappresentante delle forze dell'ordine. La critica può avere qualche fondamento, ma - paradossalmente - possono essere più pericolose le storie di gangster (che in Italia sono storie di mafie) in cui il criminale viene percepito, al di là a volte delle intenzioni dell'autore o dello sceneggiatore, come ammantato di lirismo, e soprattutto come figura di potere, come individuo che si fa rispettare, come eroe negativo, ma pur sempre eroe, solo (o con pochi fidi) contro l'apparato dello Stato e della società (magari quella stessa società nella quale non sei riuscito a trovare un lavoro decente e devi fare i salti mortali per arrivare a fine mese) ... e si sa che per molti è meglio regnare all'inferno che servire in cielo. Non per citare e ricitare, ma tutte le storie fantastiche e forse tutte le storie parlano del "potere" e il potere ha sempre un fascino cui nessuno si sottrae. Chi scrive storie dovrebbe forse tenerlo a mente con un tantino di evidenza in più rispetto a quanto comunemente accade. Altrimenti succede come in "Ghostbusters": si sceglie la forma che ci distruggerà (lo stesso accade in "IT", ma ne abbiamo parlato pure troppo).

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO