793 OPERE PUBBLICATE   4095 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

IL SOGNO DELL'UNICORNO

"PUNTO E A CAPO" Racconto F.I.LW. (fono imago litweb) novel: tra sceneggiatura e graphic novel

di Mauro Banfi il Moscone

pubblicato il 2017-11-16 06:59:35



di Mauro Banfi

ai "pazzi di vita"

Non andartene docile in quella buona notte, 
I vecchi dovrebbero bruciare e delirare allo svanire del giorno;
Infuria, infuria, contro il morire della luce.

Benché i saggi riconoscano che alla fine la tenebra è giusta
Perchè dalle loro parole non diramarono fulmini
Non se ne vanno docili in quella buona notte,
Infuriati! Infuriati! contro il morire della luce!

Dylan Thomas
 
 
 
 
 
 
E se fossi anch’io un replicante?
E se avesse ragione il mio collega cacciatore di androidi Gaff:
“Ma sei sicuro di essere un uomo? E' difficile essere certi di chi sia chi, da queste parti.”
Questo mi ha detto sogghignando, dopo l’eliminazione di Roy Batty, il capo dei replicanti ribelli.»
 
Rachel gli accarezzò dolcemente i capelli mentre si risvegliava. Deckard era tornato a casa dopo aver ritirato tutti gli androidi fuggiti dalla colonia extramondo, pervaso da una tristezza inspiegabile dopo la terribile, splendida fine del loro capo Roy.
Si era accasciato sul pianoforte del suo appartamento e si era addormentato smarrendosi in una fantasticheria sorta dalla sua anima stanca.
Un unicorno correva al rallentatore in una fatata radura di un bosco di querce.
Era un sogno ricorrente che lo visitava da anni.
 
«Fammi un caffè cara…ti prego» disse alla sua amante, anche lei replicante sintetica.
Sfinito, malinconico, immaginava, grazie anche alle note che prese a strimpellare sulla tastiera del pianoforte, quel magnifico, candido, puro unicorno e la sua corsa maestosa.
Anche lui era un essere artificiale, nato dall’immaginazione onirica umana?
E là in cucina Rachel: la tragedia degli androidi sta tutta nell’essere unicorni reali, materializzati, che esistono davvero.
 
Ma se fossi anch’io un replicante?
Mi sono innamorato di una replicante di ultima generazione Nexus 6 della Tyrell Corporation, talmente sofisticata e perfezionata che ignora il fatto di essere sintetica e si considera del tutto umana.
E se fossi anch’io così?
E se anch’io ignorassi di non essere umano, perché mi sono stati innestati dei falsi ricordi d’infanzia, che permettono l’illusione di avere un’identità completa?»
Entrando nell’appartamento aveva notato un altro origami di Gaff: un piccolo unicorno d’argento.
Come poteva conoscere il suo sogno ricorrente?
Era il suo modo per rivelargli di essere un replicante, a cui era stata innestata una memoria artificiale?
Un monito per avvertirlo che ben presto si sarebbero messi sulle loro tracce per ritirarli?
Insomma, anche lui era un lavoro in pelle?
Dovevano scappare, ma per andare dove? 
 
 
 
«Rachel, preparati, dobbiamo tornare alla Tyrell Corporation per parlare con Norton, il fratello del dottor Eldon che Roy ha ucciso.
Dobbiamo capire se siamo umani o replicanti e quanto tempo di durata vitale abbiamo…»
«Rick, ma come faremo ad arrivare al suo appartamento? Ci vogliono una password per l’ascensore e una chiave in codice per la porta del suo piano.»
«Questo problema fa parte del mistero. Non so come spiegartelo, ma ricordo bene quelle serie numeriche. In passato ho già conversato con Norton, anche se in questa vita cosciente non ricordo d’averlo mai visto.
Lui e il suo gemello ci hanno creati e ci devono delle spiegazioni.»
 
 
A bordo della sua macchina volante Rick sorrise a Rachel. Aveva attivato un disturbatore a onde elettromagnetiche per confondere i tracciatori delle pattuglie della polizia inframondo. Sapeva che altri cacciatori di replicanti, coordinati da Gaff, erano sulle loro tracce per ritirarli dal mercato dell’usato.
 
 
Arrivati al grattacielo del Tyrell Corporation, travestiti da fattorini di take away cinese, s’avvicinarono all’ingresso dell’ascensore che portava ai mille piani del vertiginoso edificio.
Dopo che la spia della telecamera di videosorveglianza si spense (avevano pochi secondi per agire), inserirono la password nel tastierino alfanumerico e in breve arrivò la cabina a piano terra.
In men che si dica arrivano al piano 666, dove viveva Norton Tyrell, noto ingegnere cibernetico.
Prima che qualcuno della sorveglianza li notasse con le videocamere o le ronde armate, digitarono il codice trinario e penetrarono nell’appartamento di Norton in un lampo, richiudendo dietro di loro la leggera porta di acciaio adamantale.
In salotto, seduto su una grande poltrona di pelle animale, Norton Tyrell stava giocando da solo a Risiko, un vecchio gioco di società dell’epoca terrestre pre-apocalisse climatica.
Era un uomo stanco, appesantito dallo stress, dagli anni e dall’evidente obesità.
Girò la sua testa completamente rasata verso Rick e Rachel disse:
«Cari figlioli come state? Sono sorpreso che non siate venuti prima. Riesci a ricordare Rick, quando appena creato giocavi con me, in questo salotto, a Risiko?»
«Non è facile incontrare il proprio creatore» proferì deciso Deckard, impugnando la sua pistola a laser prionico.
«Rick, non c’è bisogno che mi punti contro quella pistola. Vi voglio bene figlioli, e sono pronto a rispondere a tutte le vostre domande. Che cosa posso fare per voi? Chiedete pure, vostro Padre è pronto ad abbracciarvi»
«Quant’è il nostro limite di durata vitale?»
«Otto anni, Rick. Tu e Rachel siete il modello base funzionario.
Impiegati, burocrati, addetti alla logistica, alla polizia e all’infermieristica.
Quattro anni in più degli schiavi per i lavori pesanti, le prostitute per gli uomini d’affari e i puttani per gli omosessuali e i soldati per colonizzare nuovi mondi.
Io e Eldon vi abbiamo concesso quattro anni in più.»
«Ma che animi nobili e sensibili» sogghignò ironico e furibondo Rick, puntando il mirino dritto sulla fronte di Norton.
«I creatori, volevo dire il creatore, visto che Roy Batty ha provveduto a ritirare dal mondo degli affari il tuo fratellino, può riparare quello che ha fatto?»
«Tu e Rachel desiderate essere modificati?» sussurrò Norton.
«Avevo in mente qualcosa di più radicale, “creatore”»
«Qual è il problema, Rick?»
«La morte, padre. E non tanto la mia, quanto quella di Rachel. Ti prego salvala, se è necessario usa delle parti del mio organismo sintetico!»
«La morte? Mi poni la stessa questione che Roy ha posto a Eldon, e devo risponderti come il mio gemello passato a miglior vita. 
Temo che il tema morte sia al di fuori dalla mia giurisdizione…»

 
 
 
Rachel aveva gli occhi inumiditi e singhiozzava impercettibilmente, mentre Rick si avventava su Norton: con una mano lo prese per il bavero e con l’altra premette la canna della pistola sulla sua fronte:
«Vogliamo vivere di più padre! E soprattutto Rachel deve vivere di più!
Fatti venire qualche idea o ti faccio esplodere la testa come una zucca marcia!»
«Maledizione Rick ascoltami! Tu sei un modello funzionario, dovresti essere più ragionevole e meditativo! Non dovresti essere così attaccato alla vita! Come hai potuto sviluppare questo brutale istinto di sopravvivenza e queste emozioni d’amore?
Ragioniamo: io e Eldon vi abbiamo concepiti per imitare gli esseri umani in tutto, salvo che negli appetiti e nelle pulsioni di base, la sopravvivenza e la riproduzione.
Vi abbiamo fornito una memoria condensata grazie alla quale siete in grado di costruirvi emozioni proprie elementari; ma la paura della morte non era prevista.
Ma io l’avevo intuito e Eldon non mi ha dato retta: le parti di DNA umano, combinate alle fibre sintetiche vi hanno portato a sviluppare emozioni più complesse, senza limitarvi ai vostri compiti di schiavo o puttana, passacarte o portaborse.
L’avevo detto a Eldon: ogni movimento del corpo corrisponde a un’idea della mente. Ciò che accade al corpo ci fornisce al contempo delle idee vitali.
Pertanto, il corpo di un essere artificiale dotato anche di mente è capace di molte cose e di tanti fatti e pertanto il vostro corpo è diventato sempre più attivo e polisensoriale, ricco di esperienze proprie.
E così siete arrivati a concepire la paura della morte, un flagello dal quale volevamo preservarvi.
Anche perché la paura della morte comporta un problema sociale.
Chi ha paura desidera più libertà e si ribella alle imposizioni economiche e statali.
L’unico modo per impedire la vostra ribellione era quello di limitare artificialmente la durata della vostra vita.»
«In poche parole parli dell’ assassinarci in anticipo, creatore dell'imperfezione!» ringhiò Rick « diciamo che vi abbiamo installato un dispositivo di sicurezza che vi concede solo otto anni di vita…» sospirò Norton spostando un carrarmatino del Risiko «sicurezza per voi umani creatori, s’intende! Morte per guasto interno programmato, ecco il bel dono che ci avete dato con le vostre brillanti menti bacate decorate di titoli accademici!» replicò Rick, furibondo;
«ehmm…devi capire Rick che bisognava scongiurare il pericolo che voi vi mimetizzaste perfettamente come umani. La sovrappopolazione è stata una delle prime cause dell’apocalisse climatica e del riscaldamento globale e non potevamo aumentare il numero delle masse terrestri, tu capirai…abbiamo fatto il meglio che potevamo…»
«Siete malvagi! Non ci avete fatto per durare! Il vostro dio della biomeccanica è un idolo sanguinario!» urlò stringendo il pugno Rick «ogni volta che una luce brilla due volte di più, splende due volte meno a lungo, e voi, amati figlioli, state brillando il più radiosamente possibile. Guardatevi, voi siete angeli realizzati.»
«T’ammazzo dannato bastardo!» Deckard si preparò a sparare, ma Rachel lo fermò mettendosi davanti alla pistola laser:
«No Rick, è un errore ucciderlo, diventeremmo uguali a lui!
Non importa quanto vivremo, ma quello che siamo. Dobbiamo restituire amore all’odio che ci è stato dato. In questo modo resteremo eterni, dopo i nostri limitati anni di vita. Noi siamo, sentiamo e pensiamo e non abbiamo bisogno della sua mancanza di rispetto e di sensibilità per il vivente.
Desideriamo durare ma non abbiamo bisogno dell’odio per desiderare di durare.
Restituiamo gioia alla malvagità e resteremo noi stessi per sempre e avremo davvero vinto.»
 
 
Rick baciò Rachel, tenendo sotto tiro Norton.
Prese le manette e legò i polsi dietro la schiena dell’ingegnere biomeccanico.
«Preparati per un lungo viaggio, Norton, stiamo per andare in una sconosciuta colonia extramondo dove lavorerai vita natural durante, retribuito a pane e acqua e a calci in culo, per risolvere il nostro problema di durata.»

L’automobile volante contenente Rick, Rachel e Norton decollò verso lo spazio profondo.
La macchina non poteva essere intercettata dalle pattuglie del confine biosferico, perché usava il disturbatore a onde elettromagnetiche regalato da Roy Batty, il suo inventore, a Rick Deckard.
Poco prima di morire gli aveva sussurrato dove si trovava e il suo funzionamento intuitivo.
Deckard impostò la rotta verso una galassia a forma di liocorno.
Un sistema stellare ignoto che aveva intuito e intravisto nelle mappe dopo il suo sogno dell’unicorno.
Strinse forte la mano di Rachel, mentre guidava ed esclamò:
«Per gli umani, un replicante è un liocorno reale, un essere immaginario che si è materializzato e che pertanto è pericoloso e va abbattuto.
Loro vogliono uccidere la loro immaginazione diventata realtà, perché ne hanno paura, e noi cerchereno di far durare la nostra esistenza perché non abbiamo timore degli unicorni. Realizzeremo la nostra immaginazione, non siamo umani, per fortuna. Andiamo amore.»
Rick cliccò il tasto ON.
 
ON
(clicca su On)
 
 
 
 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Ristle-tee, rostle-tee... (lievi problemi con la Didattica A Distanza) Narrativa

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Mauro Banfi il Moscone il 2017-11-16 07:21:30
"La realtà è quella cosa che, anche se smetti di crederci, non svanisce." Philip K. Dick

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2017-11-16 12:13:14
La narrativa di Dick è tutta o quasi incentrata sulla messa in crisi del "cogito ergo sum" cartesiano. Questo vale per opere come "Total recall" ma sopratutto per "Blade Runner": è come se Dick fosse alla spasmodica, incessante ricerca del principio di realtà (o di identità) e che se questo, in un gioco di specchi, continuasse a sfuggirgli. In Dick la razionalità del reale è sempre messa in discussione, così come l'identità del soggetto che mette in scena i dubbi sulla propria realtà, essenza e coerenza. Se da un lato la realtà è "quella cosa che non svanisce se smetti di crederci", dall'altra la realtà di Dick è sempre evanescente e il soggetto è costantemente in dubbio su ciò a cui deve credere o non credere. Mi piace leggere in contrappunto a questo racconto tre storie: una è il classico "il pianeta proibito", dove è appunto l'immaginazione umana a scatenare "i mostri dell'Id" che sgorgano nottetempo dal subconscio dello scienziato per seminare morte e distruzione (il film è la trasposizione in chiave SF del "La Tempesta"), l'altro è il classico "Brave New World" in cui la pace sociale viene assicurata anche attraverso la distribuzione legale di una droga, il "soma" , che apunto ottunde i sensi, l'ultima è "1984" in cui l'inquietante Ministero della Propaganda in cui è la paura, diretta ora verso questo ora verso quel nemico, a pervadere ogni aspetto della realtà (sicchè l'umanità sarebbe migliore e più autentica senza la paura).

Mauro Banfi il Moscone il 2017-11-17 07:05:18
Ciao Roberto e grazie del commento ramificato e stratificato nella tradizione della sci -fi: un ghiotto regalo e una goduria, come al solito.
Col passare del tempo mi rendo conto che la Dick ha messo in narrativa, ha concretizzato con magnifiche storie la difficile e astrusa, alivello gergale, filosofia di Heidegger, che è senz'altro il pensiero più contemporaneo che ci sia.
Come il Martin, Dick avversa l'essenza nichilista della modernità, ci indica la pericolosità dell'oblio dell'essere e del predominio assoluto della tecnica.
Come bene osservi, le radici della crisi (Dick è uno scrittore della crisi dell'uomo occidentale per antonomasia) per lui sono situabili all’inizio dei Tempi moderni, in Galileo e in Descartes, nel carattere unilaterale delle scienze europee, che avevano ridotto il mondo a un semplice oggetto di esplorazione tecnica e matematica e avevano escluso dal loro orizzonte il mondo concreto della vita, die Lebenswelt, come insegnava Husserl. Il progresso scientifico ha spinto l’uomo nei tunnel delle discipline specializzate. Più aumenta il suo sapere, più egli perde di vista tanto l’insieme del mondo quanto se stesso, affondando così in quello che Heidegger, discepolo di Husserl, chiamava, con una formula bella e quasi magica, “l’oblio dell’essere”.
Come antidoto al terrificante oblio dell'essere Dick ci propone un antidoto composto da una triade fortissima:memoria, amore e senso del Sacro, che si sviluppa solo dopo aver compreso il male abietto in cui siamo tutti immersi.
Ma sopratutto il suo approdo è che il senso del Sacro è qualcosa di costitutivo per noi esseri umani: con Freud, Marx e Nietzsche arriviamo solo all'estinzione dell'umanità: Liocorno è la trascendenza nell'immanenza, è Tolkien, Guenon, Eliade, Zolla, Kerenyj, Jung, HIllman.
La necessità vitale ed energetica di coltivare mondi ulteriori dentro di noi, di viaggiare in dimensioni fantastiche, di passare iniziaticamente dall'inferno a rivedere le stelle.
Il sacro lo portiamo sempre dentro di noi, il mito abita dentro la nostra anima e niente può sfrattarlo.
"Alla fine solo un dio può salvarci", scrive Heidegger, e dobbiamo tutti ritornare all'Origine, in Grecia, dove questa grande fottitura della tecnica è cominciata.
Là troveremo la risposta.
A me sembra che Dick hanarrato tutto questo spostandolo nel futuro.
Abbi gioia

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Massimo Bianco il 2017-11-19 21:02:16
Stai davvero riproponendo i tuoi pezzi da '90, a suo tempo questo mi era piaciuto assai e rileggendo la storia del lupo Omega mi ero domandato se intendevi riproporlo. Beh, lo hai fatto, l'ho riletto e di nuovo apprezzato. Ma a questo punto non posso non chiederti cosa ne pensi del nuovo Blade runner 2049 e della sua visione del futuro bladerunniano. Ah, Dick, concordo con quanto scrive Rubrus, ma non con la scelta cimematografica come esempio. Total recall è un film mediocre, assai inferiore al racconto dickiano da cui è tratto, che a sua volta non è uno degli scritti migliori e più significativi di Dick. Per capire al meglio la filosofia dickiana del reale e non reale è meglio piuttosto leggersi Ubik, un capolavoro allucinato e straordinariamente creativo. "Io sono vivo e voi siete morti". E il dubbio insitllato fin nell'ultima riga. Quanto agli altri autori, la prima cosa a cui penso è la commedia di Pirandello "Così è se vi pare." "Oh! Ma scusate... E siete proprio sicuri che ci sia? Come? Ma Dio mio, Lamberto! Vorresti ora anche metterne in dubbio l'esistenza? Eh, ma chi ve lo dice? Chi ve l'assicura? Ma se c'è la signora che la vede e le parla ogni giorno? E l'asserzione di lui, anche! Sì, sì, non dico!... Ma scusate – se ci pensate bene: – ha ragione la signora Froda? E allora chi c'è là, per lui? Il fantasma di una seconda moglie. O ha ragione lui, il Signor Ponza".... Geniale. Ciao.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
BigTony il 2017-11-23 09:23:56
Si sollevano in questo racconto, riletto con piacere, le implicazioni etiche legate all’AI, l’autocoscienza di esseri artificiali, alle domande su cosa sia veramente la vita. Forse in un tempo non troppo distante, dovremmo realmente confrontarci con queste tematiche, vista la direzione che pare stia prendendo l’evoluzione tecnologica in questo campo. Mi piace notare, al di là di tutto, la figura di Rachel che mette in campo una mitezza significata dal suo stesso nome e risponde all’odio con amore, alla morte con la vita. Cosa c’è di più umano (e allo stesso tempo di meno umano) di questo?

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO