793 OPERE PUBBLICATE   4095 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Mauro Banfi il Moscone

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia?

"VIRGOLETTE"

Saggistica

Recensioni (libri, film e qualsiasi forma artistica)

pubblicato il 2020-06-06 07:06:48

Ritornando a girare per librerie dopo la pandemia, noto innanzitutto con timore e tremore che ci sono pochissime novità.
Una buona libreria, per me, ha sempre al suo interno una zona classici e una zona dedicata alle novità, che s'interfacciano nell'anima degli avventori.
Questa mancanza di novità la dice tutta sull'orrore che abbiamo appena attraversato.
Nelle novità saggistiche trovo però un aureo volumetto, che ha attirato la mia attenzione già con il suo bel colore azzurro pastello stile Adelphi:
-Roberto Calasso, "Come ordinare una biblioteca"-; emozione, non sono un fanatico adelphiano e calassiano, ma Calasso e la collana Adelphi mi hanno insegnato a pensare e come dico a chi vuole sapere le mie tendenze politiche, al bar "non sono né di sinistra, né di destra e né di centro, sono Adelphiano".

 



Ma giustamente a nessuno può sbattere un granché delle mie inclinazioni di pensiero e di lettura, e allora recensisco il prezioso libretto di Calasso, per arrivare al nucleo segreto del mio articolo, cioè il chiedervi come voi riordinate i libri di casa vostra.
Molte mie amiche e amici hanno approfittato del periodo della pandemia per riordinare le loro librerie, e mi sono appassionato ai vari metodi che le persone usano per riuscirci.
Nel risvolto del libricino - i risvolti Adelphi sono quasi sempre scritti sempre dallo stesso Calasso - si comincia alla grande così:
"Chi prova a dare un ordine ai propri libri deve al tempo stesso riconoscere e modificare una buona parte del suo paesaggio mentale. Impresa delicata, piena di sorprese e di scoperte, priva di soluzione."
E già si comincià con una bellissima idea creativa: riordinare la propria libreria è come creare un paesaggio psichico, dove tra le montagne e i fiumi di quel panorama mentale fuoriesce il sole di un pensiero radioso:
"Un ordine perfetto è impossibile, semplicemente perché c’è l’entropia. Ma senza ordine non si vive. Con i libri, come per tutto il resto, occorre trovare una via tra queste due frasi."
Grande Calasso, lo adoro.
Con una frase iniziale così so già che farò di tutto per leggere il libro fino in fondo: i suoi risvolti, i suoi incipit sono sempre trascinanti e profondissimi e ti spingono all'entrata dei suoi templi in forma di libri.
Chi accusa ancora, dopo tanti anni, l'Adelphi d'irrazionalismo esoterico dovrebbe stamparsi questa frase e tenerla sempre nel cassetto più intimo di casa.
"Un ordine perfetto è impossibile, semplicemente perché c’è l’entropia. Ma senza ordine non si vive."
Continua Calasso:
"Il miglior ordine, per i libri, non può che essere plurale, almeno altrettanto quanto la persona che usa quei libri. Non solo, ma deve essere al tempo stesso sincronico e diacronico: geologico (per strati successivi), storico (per fasi, incapricciamenti), funzionale (connesso all’uso quotidiano in un certo momento), macchinale (alfabetico, linguistico, tematico). È chiaro che la giustapposizione di questi criteri tende a creare un ordine a chiazze, molto vicino al caos. "
E anche in questo passaggio la mia anima gioisce, lei che predilige proprio questo ordine screziato a macchie di leopardo, come il piviere di una pavoncella, molto vicino al caos e sempre prossimo a un'alba radiosa.
Ma l'affinità elettiva - forse dovuta al fatto che da anni leggo i "libri unici" dell'Adelphi, ma ci sono anche altri motivi miei personali - che scatena la mia ovazione è l'esplicazione della famosa - per me - regola aurea per il riordino dei libri di Aby Warburg, grande studioso del nostro Rinascimento:
" La regola aurea rimane quella del buon vicino, formulata e applicata da Aby Warburg, secondo cui nella biblioteca perfetta, quando si cerca un certo libro, si finisce per prendere quello che gli sta accanto e che si rivelerà essere ancora più utile di quello che cercavamo."
Incredibile! (so che qualche malevolo lettore penserà che la mia riflessione è scritta a posteriori, ma vi assicuro che sono credibile...)
Da decenni uso la tecnica del "crocevia tematico", che è una variante estesa a più autori di questa a due del buon vicino.
Mi spiego: amo disporre i blocchi di libri a me più cari su due mensole.
Esempio: le due mensole centrali del mio studio portano in quella superiore, in alto, da sinistra destra, le opere di James Hillman, di Carl Gustav Jung e di Friedrich Nietzsche.
Quella sotto invece contiene opere di Claudio Magris, Michele Mari, Mario Praz e Pietro Citati, ed è conclusa da una statuetta del dio Ermes, una riproduzione presa in un negozietto di Pompei.
Anch'io come Citati sono figlio e credente di Ermes e inizio ogni nuovo giorno con una preghiera a lui rivolta, rapida ed essenziale: "Koinè Ermes!" Come ho letto in un bel libro del mitologo Károly Kerényi, con questa invocazione i greci chiedevano al Puer Aeternus di fargli trovare qualcosa di meraviglioso anche quel giorno, come ogni giorno.
Come scrive Calasso:
"Ogni lettore vero segue un filo (che siano cento fili o un filo solo è indifferente). Ogni volta che apre un libro riprende in mano quel filo e lo complica, imbroglia, scioglie, annoda, allunga."
Questo è il grande potere del metodo del buon vicinato e Ermes è quel filo d'oro non volgare che ognuno di noi possiede come un tesoro segreto nell'anima.
Questo metodo del buon vicinato è davvero mirabile: per esempio, mi capita di accostarmi alla libreria in preda a un birichino pensiero nichilista nicciano e invece estraggo "Itaca e oltre" di Magris e "Re-visione della psicologia" di Hillman e quel nichilismo s'acquieta e diventa riflessione, immagine, riflesso, conversazione interiore distesa e pacata.
Ogni autore si rispecchia e si ammortizza e fa da contravveleno e da antidoto e da correttivo omeopatico e da contromovimento a quello vicino.
Altri sono gli incroci tematici che ho costruito negli anni - le amiche e gli amici in visita non riescono a capire, ad esempio, l'abbinamento incrociato di D'Annunzio/Salgari/Fenoglio/Buzzati/Leopardi, ed è per me divertente vedere lo sconcerto che li prende a vedere l'Alcyone vicino al Partigiano Johnny! Ahahahha....e i racconti di Buzzati vicino a Sandokan e a Tremal-Naik e alle Operette Morali...
E poi c'è il crocevia con la sacra quadrimurti Poe/Lovecraft/King/Ligotti - ma alla volte cambio Ligotti e metto Stevenson o Stoker, quando mi sento più inattuale - e l'area dell'avventura dove scorazzano Melville, London, Conrad e Verne...ma basta così...che faccio in fretta a diventare tediante.

Molti altri sono gli spunti del prezioso libricino di Calasso e adesso basta anche con gli spoilerismi: lo affido alla vostra lettura.
Vi troverete altre intuizioni e riflessioni di prim'ordine:"Koinè Ermes!"


 



Concludo riportando, come descritto nel volumetto, quello che succedeva nella leggendaria bottega del primo editore di qualità italiano Aldo Manuzio a Venezia, sestiere di San Polo, verso campo Sant’Agostin, vicino al panettiere.
"Un giorno del 1508 Erasmo da Rotterdam stava seduto in un angolo della stamperia e scriveva gli Adagia, ricorrendo soltanto alla sua memoria, e foglio per foglio li passava al proto perché li componesse. In un altro angolo Aldo leggeva e rileggeva bozze che erano già state lette e rilette da altri.
Se qualcuno glielo faceva osservare, rispondeva: «Sto studiando». "
Fuori dalla casa editrice, Aldo Manuzio aveva apposto questa scritta in caratteri griffo:
«No disturbeme che per cosse utili»: in questo modo si difende e si nutre quel sacro filo d'oro non volgare della nostra anima in lettura, ed è seguendo quel vostro filo, unico e prezioso e solo per voi, che riuscirete con gioia a riordinare la vostra libreria personale.

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Ristle-tee, rostle-tee... (lievi problemi con la Didattica A Distanza) Narrativa

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Roberta il 2020-06-10 16:56:01

Molto interessante. Io non ho avuto tempo per mettere in ordine, ma seguo il criterio classico - funzionale, nel senso che tengo vicini i libri che consulto o uso a scuola o rileggo spesso: nella libreria del soggiorno - studio, dove passo la maggior parte del mio tempo, nei due ripiani centrali tengo più o meno in ordine (nel senso che tolgo e rimetto a occhio dov\'erano), classici italiani e stranieri. Da sinistra a destra: Melville, Cervantes, Stevenson, Checov, Tolstoj, Proust; poi: Ungaretti, Montale, Buzzati. Appoggiati sopra stanno: Pirandello, Pavese, Pasolini, Foscolo e Leopardi. Nel ripiano sotto: Shakesperare, Proust, Kafka, Faulkner, Bulgakov, Sartre, Saramagao, Stendhal, Emily Bronte, l\'unico Hemingwey rimasto (gli altri stavano lì ma li ho prestati tutti) a sinistra, Verga, Pavese, Fenoglio, De Roberto, Moravia, Tomasi di Lampedusa e Primo Levi a destra. Appoggiati sopra: Petronio, Sartre, Arminio, Pasolini, le poesie di Pavese, Michele Mari, Fitzgerald, Levi, Calvino, Sherwood Anderson, Capote e Voltaire (qui l\'ordine mi è un po\' sfuggito di mano). Nei ripiani superiori, i superclassici della letteratura greca e latina (Omero, Virgilio, Orazio, Ovidio, Petronio) a sinistra, della letteratura italiana fino al Trecento a destra (poeti del Duecento, Dante, Petrarca e Boccaccio). Nel ripiano più in alto storia e filosofia, più in basso arte e fotografia. Insomma, un ordine mentale mi sembra lo si possa ricavare. Non mi dilungo oltre, dico solo che tutto il resto (narrativa contemporanea e poesia, saggistica varia, viaggi, guide turistiche ecc.) è nella libreria in salotto / camera, originariamente in ordine per casa editrice / collana, ora non più, perché se tolgo rimetto dove capita.

Già che ci sono: quasi tutto Philip Roth, Borges, Pessoa, Simenon, Woolf, Conrad, John Fante, Bufalino, Maequez, Silvia PLath, Carol Oates, Pontiggia. Poi Rilke, Sereni, Merini, ancora Pessoa, Scialoia, Quelet e il Cantico dei cantici.

Mauro Banfi il Moscone il 2020-06-10 21:27:51
Grazie Roberta, non solo per l'apprezzamento ma per lo spettacolare e avvincente "paesaggio di letture" che mi/ci hai donato.
Un paesaggio di libri tra Leonardo e Carlo Procaccini, piaciuto davvero assai.
Calasso nel libretto distingue tra libreria ed emporio - tipo Amazon, tanto per non fare nomi -.
"Un paesaggio che deve essere sufficientemente mutevole (alta rotazione in certe sue parti), ma anche attraente e complice per chi vi abita o vi passa il tempo (il libraio stesso e i suoi clienti affezionati).Se questo paesaggio non prende forma, come accade in casi numerosi
ovunque nel mondo, nulla distinguerà la libreria da un grande emporio, se non la minore redditività."
Ecco nella tua disposizione - tra il funzionale e la tua personalissima, e perciò riuscitissima, regola bel buon vicinato - c'è la rotazione delle novità e c'è ancoramento ai classici, ci sono le ali e le radici, mi piace pensare e scrivere.
C'è la logica del quotidiano e l'analogia del buon vicinato che conosce solo il filo aureo segreto della tua anima.
Bellissima la sequenza, - per mie risonanze personali - da Petronio a Voltaire...frizzante e variegata!
Un paesaggio mentale e psichico in cui è davvero bello viaggiare con l'immaginazione creatrice...abbi gioia

Roberta il 2020-06-10 22:19:33

Stavo pensando che la definizione “classico funzionale” non è precisa: la libreria del soggiorno è come un quadro con cornice: il cuore sono i classici - funzionali, quelli che, come ho detto sopra, si riprendono in mano continuamente, mentre la cornice sono i classici universali, quelli che devono rimanere anche se non c’è bisogno di rileggerli, come un monito, perché sono le fondamenta della mia / nostra cultura: da Omero alla Storia dell’arte. Nelle altre stanze invece ci sono quei libri, tra cui anche molti classici del Novecento, che una volta letti si conservano in uno scaffale, ma possono anche non starci sempre davanti agli occhi, e se ci vengono in mente li andiamo a cercare.


Mauro Banfi il Moscone il 2020-06-11 07:11:08
Ciao Roberta, questa bella e preziosa metafora del quadro e della cornice, - esempio preciso di che cosa sia davvero cultura e non civiltà o peggio emporio -, conferma in pieno la regola aurea esplicata nel libricino di Calasso, formulata e applicata dal grande amico del nostro Rinasciemento Aby Warburg, secondo cui nella biblioteca perfetta, quando si cerca un certo libro, si finisce per prendere quello che gli sta accanto e che si rivelerà essere ancora più utile di quello che cercavamo.
Credo che dalla lettura di quell'opera adelphiana potresti trarre molta gioia e molte conferme alla profondità e alla vastità della tua anima, e alla sua capacità radiosa di resistere all'entropia che ci assedia da ogni dove, seguendo il suo filo aureo non volgare.
Abbi gioia

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO