707 OPERE PUBBLICATE   3522 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Mauro Banfi il Moscone

IL MEDIUM DEL SILENZIO

"PUNTO E A CAPO"

Racconto

Narrativa non di genere

pubblicato il 2020-03-28 08:05:13

"Gli angeli non conoscono il tempo".

Emanuel Swedenborg

 
 


Non è più tempo di saggezza, ma è tempo di comprensione.
La saggezza viene espressa con la voce stentorea di una sirena d'autoambulanza, accesa per paura.
Si riversa piena di sicumera verso l'esterno, dai video, come il predicozzo di un populista che s'infervora per una nuova polemica, per avvelenare tutti i pozzi.
La comprensione avviene nel silenzio più buio, uterino, psichico, che è in noi.
La nostra anima, medium dell'ineffabile e del silenzio, si lascia penetrare fino allo spasimo dall'ombra e cerca di farla parlare, pulsare e cantare...come la fronte di un medico o di un'infermiera, piagata dal decubito prodotto dalla visiera antiaereosol, in lotta per salvare la dignità di chi muore solo.

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Quella profonda incomunicabilità, mascherata da apertura Social web, che divide e rattrista le persone. Saggistica

VOLEVO NASCONDERMI di Giorgio Diritti, con la straordinaria interpretazione di Elio Germano Saggistica

Se sai, sei ( la saletta di Diana e Atteone nella rocca Sanvitale di Fontanellato) Narrativa

Ristle-tee, rostle-tee... (lievi problemi con la Didattica A Distanza) Narrativa

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Roberta il 2020-03-29 11:55:15

Ciao Mauro, io penso che il tempo della saggezza non debba mai finire. Più che altro questo dev\\'essere il tempo del pensiero critico, quello che ci permette di orientarci all\\'inteno della Legge per distinguere ciò che è DAVVERO dannoso e ciò che è salutare per noi e per gli altri.

Io ho la fortuna di vivere in un paese piccolo, e da casa mia raggiungo in pochi minuti un sentiero in mezzo ai boschi. Il mio spirito libero mi fa sentire come una necessità fare una passeggiata in mezzo al bosco, dove so che non incontrerò nessuno. Qualcuno però potrebba aver da ridire: se tutti facessero così, che succederebbe? Ma io so che anche in tempi di non emergenza da quelle parti non si incontra mai nessuno, e se iniziassi ad incontrare decine di persone, rinuncerei, come ho rinunciato senza piangere agli aperitivi e alle gite fuori porta del sabato pomeriggio e ai pranzi in compagnia della domenica.

Dalle mie passeggiate nascono sempre delle riflessioni: per esempio il valore della libertà, il bisogno di ribellarsi, che in alcune persone è più forte. Durante una di quelle passeggiate mi è capitato di pensare ai partigiani, che non sopportando la mancanza di libertà si sono nascosti sulle montagne e sarebbero stai pronti a morire: c\\'è una canzone partigiana che dice: Perché se libero un uomo muore, che gl\\'importa di morir\\". Ecco, credo che nel silenzio dobbiamo far entrare l\\'importanza della libertà e cacciare via la paura.

Nella nostra mente dobbiamo accogliere il dolore degli altri, ma anche saper distinguere che cosa è necessario fare per la nostra e per l\\'altrui salute, concretamente, al di là dei vincoli della legge, che in uno stato di necessità non può permettersi di distinguere tra le varie situazioni.

Possiamo anche scoprire che rinunciare alla pizza del sabato sera o all'aperitivo non ci costa proprio nulla, che si può passare il tempo leggendo giornali o i libri, studiando, telefonando alle persone care, e addirittura che può essere piacevole correggere temi su Foscolo la domenica mattina. E soprattutto che è meglio spegnere la tv e aggiornarsi il minimo indispensabile; piuttosto, in questa situazione di emergenza, diamoci da fare per capire se possiamo essere utili a qualcuno in qualche modo.

Mauro Banfi il Moscone il 2020-03-29 20:47:05
Davvero stupendi questi tuoi pensieri, Roberta, ti ringrazio, mi hanno dato molta energia positiva, e tutti quanti ne abbiamo bisogno.
Cominciando da quel verso della canzone partigiana "Il bersagliere ha cento penne", che amo molto riprosto nella versione dei Marlene Kuntz e dei CSI e anche dai PRG, nel canto incrociato del Lindo Ferretti e di Ginevra di Marco.
Poi ci sono i tuoi valori, il tuo pensare con la tua testa, l'amore per la libertà: tutta roba bella, vitale, sana che condivido.
E poi ci sono le tue radici, la tua casa, il tuo mondo e le tue gambe.
Le radici sono importanti, nella vita di un essere umano, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare e camminare altrove, per il mondo, verso nuovi orizzonti.
Ultimamente me ne vado da solo, come te, in una zona di lanche create dal grande fiume Po, a pensare, a osservare gli animali.
Ci sono diversi cani abbandonati che stanno formando un branco selvaggio, situazione che sarebbe piaciuta anche a Jack London.
Gli aironi e le poiane che cacciano indifferenti a tutti i virus e le acque limacciose del grande fiume che scorrono incessanti.
La natura sembra sempre sapere dove andare, e invece oggi io sono solo sgomento e quasi stordito dal senso di precarietà e spaesamento che mi avvolge.
E anch'io non capisco tante cose.
Perchè non si concede un'ora d'aria, con modalità protette, ai bambini e ai ragazzi?
Perchè si tratta nello stesso modo chi fa attività motoria in solitario, distante da tutti, e chi s'assembra stupidamente nelle ciclabili per far passare il tempo a vuoto, infettandosi?
Perchè veniamo trattati tutti come ammalati, senza accertare capillarmente chi veramente lo è e chi no?
Perchè chi coniuga libertà e responsabilità non viene riconosciuto e tutelato e distinto dagli irresponsabili?
C'è qualcosa in questa brutta storia che non mi torna, qualcosa che va a finire sempre e comunque con la gente reclusa, controllata, terrorizzata, privata della libertà.
Prima dell'esplosione di questa epidemia ero stato a Gualtieri, in visita alla casa museo di Antonio Ligabue, dove ho conosciuto il suo strepitoso gestore, il Sig. Giuseppe Caleffi, che ci ha raccontato in modo impareggiabile la storia di questo grande artista.
Anche lui, completamente spaesato e diseredato, si rifugiò in una lanca vicino al Po dove cominciò a dipingere gli animali, unica sua compagnia nell'umido e nella solitudine.
Certo, poi la meravigliosa civiltà contadina emiliana gli troverà un letto dove stare e un piatto di minestra, ma fu la creatività, in quei drammatici inizi, a tenere in vita quell'uomo dimenticato da tutti.
L'immaginazione creatrice.
Sì, immagino un mondo diverso e meno atroce di questo, qualcosa che assomigli a quella fantastica comunità di cooperative di contadini e pescatori che evitarono al "Toni" di fare la fine del povero Vincent Van Gogh, suicidato dalla feroce borghesia affaristica francese ottocentesca.
Immagino un mondo dove la libertà vera, quella responsabile, ha ancora un valore e non solo un prezzo.
Abbi gioia, e buona ricerca della tua anima in quel bosco.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Elisabeth il 2020-03-29 19:28:20
Che nel silenzio ognuno trovi per come può un modo per resistere. Il proprio modo per guardare avanti e per essere la forza di altri. Grazie, Mauro.

Mauro Banfi il Moscone il 2020-03-30 07:43:52
Buongiorno Elisabeth e grazie per il gradito passaggio.
Ci troviamo tutti a percorrere una via che gli alchimisti rinascimentali chiamavano "Nigredo": un periodo d'incertezza, di tenebra, di decadenza e disperazione e di silenzio.
Un fase di "SOLVE", in cui tutto viene investito dall'azione dissolutoria e riduzionista del male; ma nel silenzio e nella resistenza dobbiamo comprendere la cause di questo male per arrivare al "COAGULA", all'olismo, all'illuminazione di un nuovo oro; bisogna riuscire a ricollegare tutto per averne un quadro di sintesi migliore e più accurato.
Credo che ci riusciremo: abbi gioia

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO