707 OPERE PUBBLICATE   3522 COMMENTI   80 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI

"PUNTO E A CAPO" Racconto Horror / Mistery / Pulp

di Mauro Banfi il Moscone

pubblicato il 2020-03-08 13:06:34


"Quando il silenzio
fiorisce nella casa e gli armamentari della nostra esistenza
perdono il blambanìo del valore conforme e riappaiono
come emblemi araldici".


Robert Duncan, Letters, XVII




Intorno alla Terra “sostano” microrganismi di origine spaziale, forse provenienti da comete, forse proiettati nella dimensione del sistema solare da qualche portale spaziotemporale come un buco nero.
A circa dodici chilometri di quota nell'atmosfera terrestre, dove i virus stazionano, l'aria è immobile o comunque percorsa da rade dinamiche termiche orizzontali; ma una volta all'anno, e precisamente nel periodo che va da novembre a febbraio, esattamente come le epidemie delle malattie respiratorie, nella stratosfera si crea una potente circolazione verticale, che trasferisce immense masse d'aria dai livelli superiori a quelli al di sotto dei dodici chilometri.
Prima della nuova invasione, l'esercito dei Virus attende il discorso del loro generale Mente, l'intelligenza universale che si rivela nella profonda necessità dell'attività degli invasori Virus:
"Come avviene da millenni, prima della nuova invasione, come ogni anno, vi ricordo solo in quale direzione dovete muovere la vostra materia:
regolare in modo automatico il controllo della quantità dei tracotanti umani - missione specifica - e del comportamento della biomassa planetaria - missione cosmica -.
Voi siete il motore occulto dell’evoluzione.
Siamo discesi per la prima volta su questo pianeta 570 milioni di anni fa, quando, dopo due miliardi e mezzo di forme di vita estremamente primitive - se non ricordo male -, si era verificata sul pianeta una vera e propria esplosione di forme di vita complesse.
Fu allora che scatenammo, o Virus, la prima invasione tra di loro, stimolandone l’evoluzione.
Ora, l'indebita proliferazione del mammifero chiamato presuntuosamente da se stesso "homo sapiens" sta mettendo in pericolo l'esistenza di tutta l'altra biomassa terrestre.
Ma proprio in questo momento, i sapiens hanno rinunciato alle loro tradizionali divisioni e ai loro atavici confini territoriali, per unirsi in uno strano fatto chiamato "Globalizzazione", uno stile di vitalità ancora più efficace nel distruggere la biodiversità circostante a loro.
Per questo vi ho potenziato nell'aspetto della velocità di contaminazione, per approfittare di questa loro "unione" globale nei centri commerciali; e mentre i miliardi di "sapiens" spingeranno i loro miliardi di carrelli metallici noi li attaccheremo e li spingeremo a una nuova evoluzione.
Avanti, invasori, all'attacco!"

                                                                                                         ***

 

 



Fuori dalla nostra casa regna il silenzio e a tratti, il rumore infernale - e per certi versi benedetto - delle ambulanze che trasportano nel nostro vicino ospedale i nuovi contagiati dalla zona rossa del lodigiano.
Sono appena tornato dal supermercato dove ho visto negli occhi delle persone la paura e nelle loro anime l'inferno in terra dell'angoscia.
"“Il timore è che il virus, ricombinandosi, possa infettare ancor più velocemente"... spengo la televisione, disgustato dall'eccitazione con cui il conduttore della trasmissione proferisce con enfasi le sue frasi fatte.
Sto cercando di scrivere una poesia su Plinio il Vecchio, il grande scrittore e comandante della flotta degli antichi romani.
Cerco di redimere le parole, fuori dal supermercato, dall'abbaiamento e dalla frenesia dei saccheggiatori, nel silenzio, e al posto di quelle fottutissime merci che ci danno la vita, cerco simboli, energia spirituale, mistero vitale.
Navigare necesse est, vivere non necesse («navigare è necessario, vivere non è necessario»).
Naufragium feci, bene navigavi ("Ho imparato a navigare dopo esser naufragato").
Plinio il Vecchio mette in mare una liburna, senza esitazioni, e va in aiuto della sua amica Rectina, per prima cosa, e poi vuole studiare il fenomeno dell'eruzione del Vesuvio che si sta scatenando nel golfo di Napoli...

Le sirene delle ambulanze si sono spente e il silenzio rifiorisce nella mia casa come il glicine in fiore avvinghiato alla ringhiera del balcone, come tacciono in televisione i politici populisti ciarlatani e i valori materiali della civiltà consumista senza regole e leggi e buon senso, che mi ha fregato per bene.
Mentre accarezzo le mie gatte, prendo la chitarra e suono "Il giorno di dolore che uno ha" di Ligabue.
E guardo dalla finestra, se per caso non stanno ritornando i rondoni.


                                                                             

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Quella profonda incomunicabilità, mascherata da apertura Social web, che divide e rattrista le persone. Saggistica

VOLEVO NASCONDERMI di Giorgio Diritti, con la straordinaria interpretazione di Elio Germano Saggistica

Se sai, sei ( la saletta di Diana e Atteone nella rocca Sanvitale di Fontanellato) Narrativa

Ristle-tee, rostle-tee... (lievi problemi con la Didattica A Distanza) Narrativa

Capitan Shiloh - a P.B.Shelley - Narrativa

NEL COVO SEGRETO DI MIO PADRE: recensione del film "In My Father's Den" di Brad McGann Saggistica

SIAMO ANCORA TUTTI IN PERICOLO Saggistica

La misteriosa sparizione del fiume Po Narrativa

Ma quella del web è vera dialettica, e quello della didattica a distanza è un vero dialogo? Saggistica

Come avete tenuto in ordine la vostra libreria personale durante la pandemia? Saggistica

IL NICHILISMO ESTATICO/RADICALE DI RUST COHL E DI HUGH GLASS Saggistica

SCUOTENDO I TERRIBILI E AMARI FRUTTI DELL'ALBERO VIRALE Saggistica

IL CERCATORE DI FULMINI - il primo sigillo - (lampo c'è!) Narrativa

IL GRIDO DI MIRDIN Narrativa

LIBERO (io che ero - un falco pellegrino - davvero, libero e fiero) Narrativa

SWIFT REVELATIONS Narrativa

LIBERAZIONE - DISCORSO DEL MOSCONE, IN UNO SGABUZZINO, ALLA NAZIONE - a sfiga unificata - Narrativa

DIALOGO TRA UN RONDONARO, CAPITAN RONDONE E LA NUVOLA Narrativa

MIRDIN: NELLA TERRA DI NESSUNO Narrativa

IL MEDIUM DEL SILENZIO Narrativa

Una nuova Pioggia/Pentecoste per tutti noi Poesia

QUANDO SI SONO APERTE LE PORTE DELL'INFERNO: E IL VIRUS HA COMINCIATO A CAMMINARE SULLA TERRA... Saggistica

LA DIFFERENZA TRA I VIRUS E GLI ESSERI UMANI Narrativa

MIRDIN IL DRUIDO: in viaggio verso la quarta dimensione Narrativa

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2020-03-08 20:55:57

Mah... i virus esistono da tanto tempo ed è discusso se siano o non siano forme di vita. Alcuni, come il famigerato sars kov 19, cioè il coronavirus non hanno il dna, ma solo l'rna e quindi si comportano un po' come l'alien del cinema che si serve di un ospite per riprodursi. Il paragone non è mio, ma di Piero Angela (c'è un video, non è difficile trovarlo). Esistono comunque da tempi immemorabili e se siamo qui è perchè siamo riusciti a sopravvivere a molti di essi. Per il resto, è il solito meccanismo di lotta per la sopravvivenza. Volendo smettere di fare il virologo o l'epidemiologo, che già ce ne sono troppi in giro, mi piace trovare alcuni lati positivi in tutta questa faccenda, non necessariamente in ordine di importanza. A) il coronavirus è risultato letale per i novax e altri dementi del genere B) siamo tutti qui a chiedere alla scienza una soluzione, quindi fuori dalle scatole tutta la pseudoscienza; letale sarebbe invece lasciarsi andare a suggestioni millenaristiche o peggio: potendo scegliere, se devo beccarmi il corona meglio prendermelo nell'Occidente in cui vivo piuttosto che in una capanna amazzonica C) mi pare anche il virus abbia fatto fuori anche l'antipolitica: siamo qui a chiedere a babbo governo di fare qualcosa - e vaffa al vaffa: vogliamo le autorità: il poliziotto, il farmacista e magari pure il parroco e il sacrestano D) ha assestato un salutare scossone a certi deliri di onnipotenza pseudo tecno - scientifica E) ci ha mostrato che il mondo è uno: il virus viene dalla Cina e probabilmente contagerà il sessanta per cento dell'umanità (almeno secondo alcune proiezioni matematiche) F) allo stesso tempo ha palesato che il volemose bene baci&abbracci a tutti può non essere sempre salutare.

Mauro Banfi il Moscone il 2020-03-09 12:57:12
Ciao Roberto,
tanti gli spunti d'interesse nelle tue ottime considerazioni, che giustamente tengono conto del chiaroscuro positivo/negativo presente in ogni fenomeno, con uno sguardo all'aspetto politico e burocratico - occorrono classi dirigenti all'altezza di queste sfide complesse e spietate - che condivido pienamente.
E in particolar modo: l'era del "uno vale uno" è finita: qua ci vuole qualcuno preparato ed efficiente o siamo nella emme tutti quanti.
Ci vogliono i Churchill e i Pasteur, e alla svelta.
Nel brano cerco di capire qual'è la differenza tra virus ed essere umani, proprio perchè penso che sia la missione segreta di ognuno di noi restare umano in questi momenti d'emergenza.
Dai miei modestissimi studi - e fai bene a sottolineare il pericolo causato dalla confusione creata dai virologi improvvisati) mi sembra di capire che i virus non sono organismi biologici, - infatti non si riproducono e non si evolvono autonomamente -, ma in parole povere sono macchine, veicoli composti di materia dotata di mobilità ed energia instancabile, tesa a sviluppare le dinamiche evolutive nelle forme viventi, soprattutto quelle complesse.
Più che parassiti, veicoli della metamorfosi degli organismi complessi.
Ad ogni modo, qualunque cosa essi siano i virus sono programmati in modo cieco, atavico e inarrestabile a questa loro missione, e, caricando a testa bassa, vanno avanti per la loro strada senza fare confusione.
Sappiamo da secoli, ad esempio, che la concentrazione in poco spazio di molte persone offre alle infezioni una terribile possibilità di propagarsi, sopratutto se le condizioni igieniche sono precarie.
Nel 430 avanti Cristo infuriava la guerra del Peloponneso tra Sparta e Atene.
Gli Ateniesi, assediati, si rifugiarono all'interno della città, nell'Acropoli, ma il sovaffollamento causò l'origine di un'epidemia scatenata da un morbo terribile, probabilmente tifo petecchiale o una forma primordiale di peste.
Scriveva il cronista di quegli orrori Tucidide:
"Nessun corpo si dimostrò sufficientemente forte per resistere al male, fosse robusto o debole, ma esso li portava via tutti, anche quelli che erano curati con ogni genere di dieta. Ma la cosa più terribile di tutte nella malattia era lo scoraggiamento quando uno si accorgeva di essere ammalato… e il fatto che per aver preso la malattia uno dall’altro mentre si curavano, morivano come le pecore: questo provocava il maggior numero di morti. Da una parte, se non erano disposti a far visita gli uni agli altri, per paura, morivano abbandonati, e molte case furono spopolate per mancanza di qualcuno che potesse venire a curare i malati che vi abitavano; d’altra parte, quelli che si recavano dai malati perivano, soprattutto quelli che cercavano di praticare la bontà."
Alla fine morirono circa centosettantamila persone, la metà degli abitanti di Atene.
Conclusione: i virus non deviano mai dal corso della loro missione, noi esseri umani, nonostante l'esperienza di secoli di guerra con i microbi, continuiamo a commettere errori assurdi, a causa d'interessi economici o politici o entrambi collegati.
Chissà, forse non è il caso di studiare almeno un pò la storia, se la scienza risulta troppo noiosa?
E provare a imparare qualcosa, non sarebbe una nuova e bella emozione?

Rubrus il 2020-03-09 14:02:39

Vsui virus - almeno da alcune ricerche - penso di aver capito che nessuno ha un nucleo, mentre altri hanno solo l'rna e quindi non sono esseri viventi per come generalmente inteso. Sulla peste di Atene mi ha rubato le parole e vado avanti con un sommario excurus citando 2) la peste antonina dei tempi di Marco Aurelio (che influì sul destino dell'impero perchè l'unico figlio dell'imperatore a sopravvivere fu Commodo, un vero criminale cui si fa risalire una grande responsabilità nella crisi del III secolo) 3) la peste del Trecento, forse la peggiore del secondo millennio, di cui parla Boccaccio e che quasi spopolò l'Europa 4) la peste del Seicento, di cui parla Manzoni (che tutti dovremmo ricordare dai tempi di scuola) 5) la Spagnola del 1919 che fece più vittime della Grande Guerra (tra cui il mio bisnonno). Ecco, se sentiamo i nostri vecchi possiamo recuperare la memoria di questi fenomeni, e forse gestirli meglio (mia madre ricorda la Grande Influenza asiatica del 1959, ma allora già c'erano i vaccini e lei se la cavò), anzichè appiattirci sul presente (chissà se i nostri antenati avrebbero defiito il coronavirus una peste polmonare). Le epidemie sono fenomeni naturali, non morali, con cui dobbiamo convivere e ai quali non dobbiamo troppo leggermente credere d'essere superiori.


Mauro Banfi il Moscone il 2020-03-09 16:53:20
"I draghi sono tutti morti e le picche arruginiscono nell'angolo del camino...forse l'unica impresa che resta da compiere è la guerra a questi nostri feroci, piccolissimi vicini, che si annidano negli angoli oscuri e ci attaccano per mezzo dei ratti, che volano e strisciano con gli insetti, e ci tengono trappole quando mangiamo, beviamo e persino quando amiamo."

Hans Zinser, 1935

Nel tuo intervento leggo finalmente del rispetto - che non è sudditanza - e la consapevolezza che l'antica lotta con i virus resterà sempre aperta.
I virus fanno parte della natura.
Perchè non accettiamo il fatto che fanno parte della natura esattamente come noi?
E' tutto qui.
Pensiamo d'avere il diritto all'esclusiva alla vita?
Tutta questa faccenda c'insegnaerà ad essere meno superficiali, e almeno per questo - anceh se il prezzo sarà terribile - sarà utile.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO