735 OPERE PUBBLICATE   3924 COMMENTI   76 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale

"PUNTO E A CAPO" Racconto Fantasy / Favola

di Mauro Banfi il Moscone

pubblicato il 2020-02-06 18:18:40


                                                     MIRDIN


"D'ora in avanti, lo spazio e il tempo in quanto tali sono destinati a svanire come semplici ombre e soltanto una sorta di unione dei due continuerà ad avere una realtà indipendente".
Hermann Minkowski


"Essi (i Druidi) desiderano inculcare il loro principio fondamentale, che le anime non si estinguono ma passano dopo la morte da coloro che sono a coloro che verranno."
Giulio Cesare, De bello gallico.


                                                                 
     
nemeton

Roisin e sua figlia Lexy stavano attraversando la sacra foresta dei Carnuti alla ricerca di Mirdin.
«La storia è un incubo dal quale mi devo svegliare», le aveva detto il mago.
« E allora me ne vado in letargo come un orso».

Lexy aveva quattordici anni ormai, e dopo che il suo primo sangue tra le gambe l’aveva consacrata alla triplice Dea Bianca, aveva chiesto alla madre Roisin di diventare una Gutuater, un’apprendista della magia verde e addetta alla custodia del nemeton di Cenabum, nel cuore della foresta primordiale.
Fin da piccina si metteva a bollire decotti di sua invenzione, accarezzava gli animali del bosco e osservava  per ore le stelle e la luna.
«Sarai una delicata e potente Gutuater, signora della magia verde, mia dolce Lexy» le sussurrava  Roisin, prima di narrare le antiche storie del suo clan.
E ora la portava al nemeton di Mirdin, il mago verde, perché fosse iniziata alle sue arti.

Mirdin era stato amante di Roisin, ma lei era ora la moglie del Principe degli Averni Vercingetorix.
Giulio Cesare e i romani che abbattono le foreste con le loro strade dritte come un braccio che colpisce il volto, avevano invaso le nostre terre con i mercanti di vino e di olio, e dietro loro seguivano le legioni di quei banditi feroci, armati fino ai denti e organizzati come formiche predatrici.
Mirdin aveva chiamato tutti i capi delle tribù e in mezzo alla sacra foresta di Cenabum aveva parlato:
«Siamo tutti in pericolo. I romani sono troppo organizzati e troppo forte è la loro magia rossa.
Non affrontateli in campo aperto o vi massacreranno».
«Non siamo codardi!» gli urlò Vercingetorix «siamo lupi d’Arvernia!» e le tribù urlarono alla luna, battendo le spade e le lance sugli scudi.
«Avventati!« li zittì Mirdin il mago, e quando lui parlava anche gli eroi tacevano.
«I vostri padri non vi hanno insegnato che non bisogna mai sottovalutare nessuno?
Guardatevi: ognuno di voi è un gigante di coraggio ma vi battete da soli come i lupi solitari. Non avete disciplina, non sapete essere come le dita della mano quando diventano un pugno.
Siete come vespe senza la regina.
Datemi retta, seguite la magia verde e quella bianca.
Nascondetevi e trasformatevi in foglie e in pietre.
Se Giulio Cesare vi osserva  e vi dà la caccia diventate invisibili!
Uscite dalla foresta, colpite e uccidete più romani che potete e tornate a nascondervi tra gli alberi.
Mordete e fuggite, per anni se occorre.
Diventate inavvertibili tranne nelle menti e nelle mani e nei piedi veloci.
Piccoli gruppi d’assalto in perenne nascondiglio e trasformazione.
Avanti così e i romani se ne torneranno ai loro templi di marmo per le loro assurde strade dritte di sasso.
Se invece volete morire prima del tempo seguite il ruggito del vostro sangue impulsivo!
Ho parlato e non ho più niente da dire.
Lasciatemi tornare al mio nemeton.
Giulio Cesare è un incubo dal quale devo svegliarmi con la magia bianca.»

I guerrieri non ascoltarono Mirdin, sconsiderati.
Pianificarono l’eccidio di tutti i commercianti romani e dei loro fiancheggiatori celti di Cenabum e la sollevazione di tutti i popoli celti dalle foreste al mare.
Il sangue avrebbe cominciato a scorrere a torrenti sulla terra.
Roisin salutò Vercingetorix che raggiungeva i guerrieri nei boschi e partì con Lexy verso il nemeton di Mirdin,.
Sapeva che doveva mettersi in viaggio per l’iniziazione di Lexy.

«Mamma, che cos’è il nemeton?»
Erano arrivate alla sorgente circondata dagli Equiseti.


 

                                           

 

           

Roisin cominciò a raccogliere delle verdure per preparare una minestra a base di Equiseto.
«Osserva Lexy, questo è il nemeton».
Tracciò una circonferenza sulla sabbia vicino alla sorgente naturale e puntò l’indice nella terra:
«un cerchio che ha il suo centro ovunque e la circonferenza in nessun luogo particolare: per il nostro popolo è il faro del sovrannaturale, ossia il bosco verde più interno e celato, l'antico luogo dove l'uomo s'incontra con le divinità.» e ruotò le mani a racchiudere la foresta intera e il cielo azzurro sopra le loro teste.
Erano vicine alla rocca nella pietra di Mirdin, nascosta tra le querce e le farnie.
«Guarda Lexy, le trecentosessanta quattro finestre della casa di Mirdin.
Le sue innumerevoli finestre si affacciano sui segreti del Cosmo; le sue sette porte sono aperte ai viandanti che giungono da ogni dove per imparare le sette magie colorate e i suoi sentieri si dipartono verso i luoghi più lontani dell’universo.
Sotto il pavimento di pietra, la grotta di Mirdin è il cuore delle tenebre da cui nasce ogni giorno l’alba.
I suoi occhi profondi vedono e conoscono ogni cosa, ed essa offre a ognuno dei neofiti un diverso modo di accedere al mistero.»

 

      

                                                         

        

Le due donne s’inerpicarono lungo un ripido pendio che portava alla casa di pietra del mago verde.
Giunte alla rocca, Roisin entro sicura nell’antro contrassegnato sulla volta da un simbolo antico:

 

                                                                    

 

 

                       

 

«Ecco il sacro triskelion, Lexy, andiamo da Mirdin
Ripassiamo prima l’Ogham, il mago parlerà solo con la punta delle dita per almeno tre giorni, dopo il letargo.
E dovremo evitare di fare rumori molesti o ci tramuta in due cornacchie!
Allora amore, come ti chiami?

                                
                   

                                                             



Le lettere dell’antico alfabeto muto riservato agli iniziati alla magia, corrispondevano alle punte, alle due giunture e alle basi delle cinque dita e per formare qualunque parola era sufficiente toccare sulla mano sinistra i punti corrispondenti alle lettere usando l'indice della mano destra.

                                                           

                 

 

 

Lexy rapidamente compitò, danzando con le dita: luis-eadad-coll-saille-ibor
Roisin la baciò sulla fronte e la invitò a seguirla:
«Andiamo».

Lei era stata l’assistente di Mirdin per sette intensi e lunghi anni di passione.
Era stata iniziata alla magia verde, alla magia bianca e ai primi rudimenti di quella viola, la porta per la Quarta Dimensione.
Mirdin le aveva mostrato i cristalli spaziotemporali e stava per insegnarle l’uso quando suo fratello Duir venne preso dai romani e crocefisso nel centro del suo villaggio per brigantaggio.                                                                       
Sconvolta dal dolore abbandonò Mirdin perché voleva apprendere la magia rossa della violenza e della guerra.
Il Druido non disse una parola.
Solo qualche lenta lacrima solcò la sua guancia, nata dai suoi magnetici occhi azzurri. Appoggiato al suo bastone di nocciolo le mormorò:
«Roisin ti amo. Quando vorrai sarò sempre qua per te, per sempre.
Attenta alla magia rossa: il fuoco senza controllo consuma per primo l’incendiario. Questo vale sia per la guerra che per l’amore”.
Roisin non lo sapeva, ma Mirdin cadde nella disperazione per un lungo terribile periodo e riuscì a risollevare il suo umore solo grazie alla sua scorta di Iperico.

Roisin e Lexy arrivarono a un muro intaccato dall’umidità.
La parete era scolpita in bassorilievo con delle lettere misteriose.
Madre e figlia restarono un attimo in contemplazione della raffigurazione del sacro calendario arboreo di Mirdin.

 

                       

 

       

Roisin tirò fuori dalla sacca una mappa del calendario arboreo che aveva redatto ai tempi della sua iniziazione del suo apprendistato alla magia verde, bianca e viola.

L’anno lunare, composto da 13 mesi di 28 giorni, contava quindi di solo 364 giorni.
Restava un giorno intercalare, il 23 dicembre, vigilia del solstizio d’inverno, giorno nefasto perché ritenuto la “morte dell’anno” e perciò raffigurato dal tasso, chiamato “albero della morte”. Il giorno seguente, cioè il 24 dicembre, giorno del solstizio, era invece simboleggiato dall’abete rosso, chiamato “albero del parto” o “albero della vita”. Abete rosso e tasso rappresentavano anche le prime due vocali:

Ailm ( abete rosso)
Idho (tasso)

Queste due vocali aprivano e chiudevano l’anno lunare.
Le altre vocali erano adibite a simboleggiare i due equinozi e l’altro solstizio:

Onn, la ginestra, per l'equinozio di primavera,
Eadha, il pioppo bianco, per l'equinozio d’autunno
Ura, il brugo, per il solstizio d’estate.


Creato da Mirdin, il “Calendario degli Alberi” formava la sostanza dell’Ogham, o conoscenza iniziatica, ovvero quella conoscenza non scritta a cui i futuri druidi o le future gutuater dovevano sottoporsi per imparare, attraverso una unica serie di termini: l’alfabeto sacro, il nome degli alberi, il significato mistico, magico e farmacologico degli stessi, l’andamento dei mesi dell’anno e le divinità e i corpi celesti del Cosmo ad essi accumunate.
Fondato sugli alberi, l’Ogham costituiva anche un linguaggio muto che utilizzava le articolazioni delle dita, una sorta di linguaggio segreto riservato agli iniziati.
Mirdin aveva proibito la scrittura e impedito accuratamente la divulgazione di conoscenze ritenute sacre.
Il suo sapere non era per tutti ma solo per i meritevoli, per chi lo cercava chiamato da un Dio o per autentica missione e vocazione.
Il “Calendario degli Alberi” si basava sui tredici mesi dell’anno lunare, di ventotto giorni ciascuno; esso corrispondeva alle tredici consonanti i cui nomi corrispondevano a tredici alberi sacri.
Tredici erano anche i mesi in un anno per le donne, e il loro flusso mestruale era il promemoria, l’appartenenza alla suprema Triplice Dea Bianca.
Era il simbolo del loro potere: la magia rossa che si muta in bianca.    
Roisin lo sapeva bene: Mirdin aveva creato il calendario arboreo e il linguaggio segreto Ogham, ispirandosi alle donne, perché voleva che un giorno governassero la Madre Terra con la loro magia bianca.
Detestava la magia rossa e quella nera.
Odiava la violenza e la putrefazione.
«Voi donne dovete ereditare la Terra: solo voi sapete trasformare la magia rossa in bianca. Noi maschi arriveremo presto a distruggerci tutti con la magia nera.» le aveva detto un giorno, tenendola per mano durante il crepuscolo.

Mirdin utilizzava le piante anche per scopi magici e terapeutici e il ciclo dei 13 alberi corrispondeva alle 13 energie arboree alle quali si associavano anche elementi divinatori che operavano come geni protettori cui rivolgersi in cerca di forza, fortuna o buoni consigli.
Ora il mago verde era andato in letargo assumendo una pozione controllata e miscelata di datura e belladonna.
Roisin aveva già pronto l’antidoto a base di oppio e camellia, nella sua sacca di foglie di canna di palude.
Era il momento di risvegliare il mago dal suo letargo.
Sicura e determinata Roisin schiacciò le lettere oghamiche del nome di Mirdin scavate nella parete di roccia, ripetendole ad alta voce: 

                                              
                                                          muin-ibor-ruis-ibor-duir-ibor-nion!                                                                                           

Dopo un minuto le due donne sentirono nelle viscere della terra un flusso d’acqua e poi una pietra rotonda posta alle loro spalle rotolò dentro un cursore e davanti a loro si spalancò il passaggio verso la grotta di Mirdin, il Druido verde di Cenabum.
Era il venti marzo, l’inizio del periodo di Onn, la ginestra.
Il giorno del risveglio del mago.
Roisin e Lexy avanzarono con cautela, tenendosi per mano, verso il cuore profondo del nemeton.
                               

                                                                       
                                                                                    (1- continua)

 

 

 

                                                             LE SETTE MAGIE COLORATE DEI DRUIDI

 

 

Bianca: pace, purificazione, verità, protezione di bambini e adulti, disperde le energie negative, guarigione, è il colore legato alla Luna
la Dea, Luna Piena, ispirazione, intuito, trasformazione, femminilità, più del bianco è il simbolo della luna

 

La magia bianca è quella che manipola le energie positive: può essere usata per guarire, per "portare fotuna" ma soprattutto viene usata per allontanare (riflettere via) le energie negative da qualcuno o qualcosa, oppure per proteggere qualcuno o qualcosa (anche qui, si creano "scudi" con l'energia in modo che "riflettano" via le energie negative). Per questo nei riti di magia bianca è preferibile vestirsi di bianco, in quanto usi per lo più l'energia per riflettere via le energie negative, e il bianco riflette via tutti i colori. In tutti gli altri riti di magia è preferibile vestirsi di nero in quanto si ha bisogno di energia, e il bianco è un colore "vuoto" in questo senso, in quanto "riflette" l'energia; meglio quindi il nero che fa il contrario, ovvero assorbe tutti i colori, pertanto "riempe" di energia.
 
Gialla: energia, nuovi inizi, rinascite interiori, studio, superamento di esami, successo, è legato al Sole
 
Rossa: amore, passione, coraggio, sessualità, combattività, forza, protezione
La magia rossa è la magia dei sentimenti e delle emozioni. Viene usata per legare qualcuno o qualcosa a qualcuno o qualcun'altro, e per tentare di influenzarne la volontà e le emozioni.
 
Viola: protezione dalle energie negative, meditazione, spiritualità, sogni, viaggi nelle dimensioni
concentrazione, saggezza, conoscenza, viaggi, protezione, guarigione, calma le liti e i brutti caratteri, armonia, pace
 
Verde: denaro, fertilità, creatività, lavoro, amore, protezione da invidia e gelosia, pace, crescita
 
La magia verde è la magia che viene praticata con l'aiuto di erbe e altre sostanze naturali, che per le loro proprietà possono aiutare il mago a compiere la propria volontà pù facilmente.
 
 
Nera: allontanamento, interiorità, protezione e ritorsione delle negatività al mittente, riposo, spiriti, è il colore della notte e del mistero
La magia nera è la magia che utilizza le energie negative, e viene utilizzata per recare danno a qualcuno o qualcosa.
 
La magia grigia (intensificazione della nera) è ancora peggiore e utilizza le energie di morte e di distruzione. Queste energie si possono trovare nei cimiteri, negli obitori, nei luoghi dove si è combattuta una sanguinosa battaglia ecc.

Oro: il Dio, il Sole, energia, successo, denaro, rinascita, salute, costanza.
 

 

 

 

 

 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Festival Lovecraft in P.I.A.F. "Seguendo l'airone rosso" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

L'EROE, IL DRAGO E LA MADRE Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2020-02-10 12:34:14
Prima della seconda parte. Parte del testo appare scritta su strisce bianche, parte no. Non so se sia voluto. ciao.

Mauro Banfi il Moscone il 2020-02-10 17:57:08
Ciao, Roberto: no, non è voluto. Non mi ricordo più il comando giusto, ma quanto prima provvedo, abbi gioia

Rubrus il 2020-02-10 19:16:07
Credo che sia sufficiente - se ben ricordo - evidenziare in formattazione lo sfondo ed impostare quello "normale" o "predefinito".

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO