735 OPERE PUBBLICATE   3924 COMMENTI   76 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Mauro Banfi il Moscone

PANICO

"PUNTO E A CAPO"

Racconto

Horror / Mistery / Pulp

pubblicato il 2020-01-11 10:20:10

                      


Lasciata l'isola di Lemno i valorosi Argonauti si avviarono verso il Mar Nero.
Attraversarono il braccio dell'Ellesponto e andarono nella penisola di Cizico, che si allunga nella Propontide, che i Greci chiamano Mar di Marmara.
Il re Cizico, amico del comandante Giasone da lungo tempo, li accolse e li invitò a gettare l'ancora. Cizico si era appena sposato ed era preoccupato da una profezia che gli ordinava di non usare mai la violenza nei confronti dei navigatori che approdavano alla sua penisola.
Li accolse quindi con benevolenza, organizzando per loro un banchetto e una gran festa.
Tutti i partecipanti bevvero, si ubriacarono e festeggiarono l'arrivo degli stranieri.
Ma Giasone intuì che il re Cizico nascondeva nel cuore una segreta inquietitudine e interrogato dall'eroe, il sovrano raccontò che lui e i suoi sudditi erano terrorizzati dalla minaccia di una popolazione selvaggia dalla pelle nera, che abitava nelle montagne sopra di loro, i Pelasgi.
Nell'ultimo scontro contro questi "negri" - come li definiva re Cizico - avevano dovuto subire l'uccisione di due soldati, a fronte dell'ammazzamento di ben quaranta Pelasgi "negri", da parte delle sue truppe.
"I Pelasgi abitano sulle montagne ma sono anche noti come intrepidi marinai" meditò nella mente Giasone, e un brivido percorse la sua spina dorsale pensando alla profezia dell'oracolo narrata da Cizico.
Finita la festa tutti andarono a dormire e la mattina seguente la possente nave Argo ripartì dal porto di Cizico.
Dopo qualche ora di navigazione accadde che Tifi, il leggendario timoniere della Argo si addormentò - e non gli era mai successo in decenni di attività marinara al timone -, perse la rotta e la nave venne riportata dalle correnti fino a Cizico.
E così gli Argonauti furono costretti a ritornare all'isola, sbarcandovi di notte.
Vedendo sbarcare degli stranieri, persone che apparvero alle sentinelle, nell'oscurità della notte, in tutto e per tutto come i temuti Pelasgi "negri, gli abitanti di Cizico presero le armi e il re Cizico alla testa dei suoi soldati attaccò gli invasori.

 

 

                                                                         


Si scatenò così, nel buio della notte senza luna, una battaglia sanguinosa e Giasone nell'oscurità uccise per errore il suo amico re Cizico, che venne decapitato da un colpo di spada.
Si adempì così la profezia dell'oracolo.
Dopodiché, quasi per magia divina, come se lentamente si dissolvesse una foschia, venne l'aurora e poi sorse l'alba e i due gruppi di contendenti si riconobbero e cominciarono a piangere per la disperazione, perchè scoprirono di essersi scontrati tra amici, fra uomini e donne che solo la sera prima avevano condiviso e festeggiato lo stesso banchetto.
Mentre piangevano e urlavano al cielo la loro angoscia e il loro inconsolabile dolore, giunse sul campo di battaglia l'oracolo del dio Pan, che era situato in una fitta foresta non poco distante dalla città di Cizico, e che aveva profetizzato a Cizico di non usare mai violenza contro i naviganti stranieri.

 

 

                                           



"La quiete della pace è stata spezzata dalla vana tracotanza: il dio Pan, adempiendo ai comandi della Grande Madre della Frigia, ha gettato l'ebbrezza sulla città smarrita; con il suo grido agghiacciante e possente Pan ha scatenato lo sconvolgimento, il turbamento, la follia sugli eroi e sugli eserciti e su un'intera città, che è impazzita obbedendo a un demagogo ignorante e sacrilego, nemico della sacra ospitalità degli Dei e ha perso il controllo di se stessa autodistruggendosi in una lotta insensata.
Questa non è stata una battaglia: è stato solo un delirio mandato dal terribile Pan per punirvi per il sacrilegio.


                                                                                     

Quando, come pecore nel gregge, si seguono demagoghi ignoranti, incompetenti e presuntuosi ci si ritrova dentro a una guerra dove nessuno, avvolto in una notte oscura, sa più contro chi sta combattendo e i fratelli ammazzano i fratelli e i padri i figli e non ci si riconosce più l'un l'altro.
Temete, esseri umani, il possente e agghiacciante dio Pan.
Se incorrete nella sua ira non c'è nessun posto abbastanza al sicuro, per voi".

 

 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Mauro Banfi il Moscone

Utente registrato dal 2017-11-01

Visual storyteller, narratore e pensatore per immagini. Mi occupo di comunicazione tramite le immagini: con queste tecniche promuovo organizzazioni, brand, prodotti, persone, idee, movimenti. Offro consulenza e progettazione del racconto visivo per privati, aziende e multinazionali. Per contatti: zuzzurro.zuzzu@gmail.com

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Il mondo finisce oggi e io non lo sapevo... Narrativa

MIRDIN: nemeton, il faro sovrannaturale Narrativa

PANICO Narrativa

CORSI E RICORSI STORICI Saggistica

Siamo fiori che vogliono sbocciare e non limoni da spremere Saggistica

TERRA INCOGNITA di David Herbert Lawrence - traduzione di Mauro Banfi Poesia

IGNORANTOCRAZIA (e analfabetismo funzionale) Saggistica

SACRILEGIO! - seconda parte de "Il racconto del vecchio Lupo di mare", da Coleridge Narrativa

IL SECONDO ANNIVERSARIO DI P.I.A.F. (PAROLE INTORNO AL FALO') CON IL DEMONE BABELION Narrativa

Il racconto del vecchio Lupo di mare (liberamente tratto dal poema di Samuel Taylor Coleridge) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Ottobre: La visione nella casa di Giulio Romano Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Settembre: PAN & PROTEO Saggistica

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Agosto: Eros e Psiche, il mito della Rinascenza Saggistica

I DECANI: Ritornando All'Umanesimo e al Rinascimento: mese di Luglio: HOMO OMNIS CREATURA, Giuseppe Arcimboldo Saggistica

Quando lo scrittore di narrativa fantastica diventa l'imbonitore e il guitto di se stesso - provo tristezza -. Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Giugno: VIRTUTI S.A.I - VIRTUTI SEMPER ADVERSATUR IGNORANTIA- VIRTUS COMBUSTA/ VIRTUS DESERTA Saggistica

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Maggio: DENTRO LE PRIMAVERE Saggistica

LA PRIMA E ULTIMA VOLTA CHE PARTECIPAI A UN RADUNO DI SCRITTORI LITWEB Narrativa

I DECANI: RITORNANDO ALL’UMANESIMO E AL RINASCIMENTO Mese di Aprile - L'amore per gli animali di Leonardo da Vinci - Saggistica

Chi ha ucciso Neteditor? Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento Mese di Marzo : Giulia, figlia di Claudio Saggistica

Il veliero nella bottiglia Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI FEBBRAIO: Ade e Trasfigurazione Saggistica

LA NUTRIA E LO ZOO SERIAL KILLER Narrativa

I DECANI: Ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI GENNAIO: DUMQUE SENEX PUER Saggistica

IL BASTONE DI KOUROO (scritto per un altro nuovo anno) Narrativa

I DECANI: ritornando all'Umanesimo e al Rinascimento MESE DI DICEMBRE: quella decadente mancanza di senso nelle immagini attuali del web. Saggistica

OPERA STARDUST: "Falcon Tempo" di 90Peppe90 e Mauro Banfi Narrativa

Parliamone insieme...Scrivere per se stessi, per pochi altri o per tanti? Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

I DECANI: ritornando all’Umanesimo e al Rinascimento MESE DI NOVEMBRE: il silenzio Saggistica

UN ANNO VISSUTO CON PAROLE INTORNO AL FALO’, ZONA DI CONFINE Saggistica

Partenariato col gruppo facebook "H.P.LOVECRAFT: IL CULTO SEGRETO" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook "Weird Italia" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Partenariato col gruppo facebook H.P. Lovecraft - Italia Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Festival Lovecraft in P.I.A.F. "Seguendo l'airone rosso" Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

SAINOPSYS - VOX! by Mosco* Poesia

Parliamone insieme...Il chiaroscuro critico Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

FAR WEB: lo spacciatore di sinossi - prima puntata - Narrativa

FAR WEB (lo spacciatore di sinossi) Narrativa

Non davvero ora non più Narrativa

Il caso Publius Vesonius Phileros: un litigio di duemila anni fa. Narrativa

Parliamone insieme...Obsession/Possession Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Solo per conversare un po’ insieme… Parole Intorno Al Falò, stagione 2018/2019 Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

L'ultimo giorno sulla terra di Manji, il vecchio pazzo per la pittura Narrativa

Partita a Shogi con la nera Signora Narrativa

A spasso per il monte Fuji, in cerca di vedute Narrativa

Voglio vivere come Hokusai - il trailer - " Hitodama de yuku kisanij ya natsu no hara" Narrativa

Pensieri e immagini per l'estate (II) Narrativa

Pensieri/immagini per l'estate (I) Narrativa

Sia santificato il tuo nome, vita Narrativa

La visione del Dottor Mises Narrativa

IL PROBLEMA DEL RICONOSCIMENTO NEI SITI LETTERARI WEB Saggistica

UN AUTUNNO E UN INVERNO IN COMPAGNIA DI UN'ALLEGRA BANDA DI CINCE Narrativa

FERMATE WHATSAPP, VOGLIO SCENDERE ! Saggistica

YUHLA WICHASA Narrativa

"Fantasmi di oggi e leggende nere dell’età moderna" di Amanda Righetti Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

APOLOGIA DI EMILIO SALGARI/ LA FORMIBABILE CASSETTA DI EMILIO SALGARI Narrativa

TRA MOSTRI CI S'INTENDE Narrativa

Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì... Narrativa

Erik Sittone Narrativa

MOSCO BLUES (LA MANIA) Narrativa

Se mi votate abolirò la morte Narrativa

L'EROE, IL DRAGO E LA MADRE Narrativa

QUALCOSA ERA SUCCESSO di Dino Buzzati Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

VIAGGIO NEI SIMBOLI DI P.I.A.F. (Parole Intorno Al Falò): DISTOGLI LO SGUARDO DA UN'ALTRA PARTE Saggistica

FILO': La borda dell'argine vicino a Po Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

AUTORI VARI (A.A.V.V.) presentano: FILO' Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo Spirito di P.I.A.F. Saggistica

IL BACCO DI MICHELANGELO Narrativa

IL COMMENTO E' UN DONO Saggistica

IL RITROVAMENTO DEL LAOCOONTE Narrativa

OPERA AL GIALLO Narrativa

IL SOGNO DELL'UNICORNO Narrativa

TUSITALA di Rubrus e Mauro Banfi il Moscone Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

MOOR EEFFOC Saggistica

La leggenda del Grande Inquisitore Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

IL LUPO OMEGA Narrativa

LE PECORE CINESI (PIETA' PER LA NAZIONE) Narrativa

Gesù cristo era uno zingaro Poesia

IL SETACCIO Saggistica

Il primo volo della cicogna bianca Narrativa

QUELLA NOTTE A LE CAILLOU, PRIMA DELLA BATTAGLIA DI WATERLOO Narrativa

Che cosa sogna la mia gatta? Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2020-01-12 09:26:00
Eh... lo schema del racconto, che illustra l'ineluttabilità del destino, è un po' quello del mito di Edipo e Laio e attraversa tutta la storia dei racconti umani non solo occidentali e non solo antichi (pensiamo alla canzone "Samarcanda" di Vecchioni). Venendo a Pan, dio un po' particolare, sia perchè è uno dei pochi teratomorfi dell'Olimpo, sia perchè, appunto, sull'Olimpo non stava, ma era dio lo stesso, una delle storie che mi ha sempre attirato è quella narrata - mi pare - da Plutarco e in cui c'entra ancora una volta un timoniere (se ben ricordo), è quella della morte di Pan.

Mauro Banfi il Moscone il 2020-01-12 11:53:10
Ciao, Roberto e buona domenica.
I miei short tales hanno sempre una componente antica, una moderna e una mia personale occultata nelle prime due.
Nella parte antica c'è Tiresia - dall'Edipo, archetipo d'ogni storia di ybris, come hai ben commentato - che replica alla spocchia del novello Re di Tebe le eterne parole di Sofocle: «Io sono cieco, ma sei tu a non vedere. O forse ti rifiuti di vedere. Coloro che esecrano sono i più esecrandi. Coloro che guardano fuori sono coloro che più dovrebbero guardarsi dentro».
L'aggancio moderno sta nel mancato riconoscimento della modalità archetipa nostra e altrui, che, secondo la mia amata psicologia archetipa hillmaniana, provoca patologie a go go e quello con la mia parte privata è lo sdegno per l'incompetenza di Scott Morrison in Australia e di Bolsonaro in Brasile, per non parlare di altri "sovranisti negazionisti" globali e di casa nostra, che tutti ben conosciamo e paventiamo...però la parte più affascinante sta nel procedere in sintonia con il mito antico.
Edipo - come Giasone ed Eracle in altre modalità da esploratori e guerrieri - è un detective che usa tutte le arti e le tecniche di cui gli ateniesi erano tanto fieri – logica, matematica, retorica, disciplina e spirito di ricerca – solo per trovare una verità che è caotica, ignominiosa, trasgressiva e bestiale. Il regno di Pan e Dioniso ed Hermes, di Artemide, Hestia e Mnemosyne, le divinità più vicine agli aspetti più notturni e marginali della nostra personalità subconscia.
"Non sarai tu a scoprire la verità, ma sarà la verità a scoprire te": questo è l'eterno ammonimento per noi umani dagli Dei.
Giunto a questo punto della mia esistenza, con questo racconto voglio manifestare che ho compreso il loro pessimismo panico e dionisiaco:
"Coloro che esecrano sono i più esecrandi. Coloro che guardano fuori sono coloro che più dovrebbero guardarsi dentro».
Tutto il resto è fake news.
Abbi gioia

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO