722 OPERE PUBBLICATE   3919 COMMENTI   76 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Il fumo fa male

"PUNTO E A CAPO" Racconto Comico / Umoristico

di Vecchio Mara

pubblicato il 2019-04-13 18:10:44


Il fumo fa male

 

«In questo pomeriggio estivo senza ansia, una sigaretta a metà, col tempo che non mette bene… penso a lui…»

«Stop! Stop! Stop!» si sente urlare dalle prime file della platea.

L’attrice, dal palcoscenico, lancia un’occhiata tagliente all’uomo che, alzandosi, l’ha interrotta; butta il copione a terra e si mette a urlare, stridula: «Insomma, Giorgio, non ce la faccio più! Sono due ore che stiamo qui a provare la mia parte, e ancora non siamo riusciti ad andare oltre le prime battute. Una non va per un verso. L’altra dici che fa ridere, e questo, concordo con la tua analisi, sarebbe un vero dramma, per una commedia drammatica! Ma in quest’altra, cosa c’hai trovato da ridire?»

Giorgio, il regista, lascia la platea e si dirige a lunghi passi sul palcoscenico. L’attrice e gli assistenti attendono in silenzio.

Quando raggiunge il palco, indica la sigaretta che l’attrice stringe fra le dita. «Posso?»

L’attrice gliela porge. Lui la mostra all’autore seduto in platea. «Questa… non va proprio!» sentenzia.

«Perché, di grazia?» domanda in tono ironico l’autore del dramma. «Non ti piace la marca, o cosa?»

«O cosa!» risponde il regista.

«O cosa… cosa?!» sbotta l’autore, mettendosi le mani nei, pochi, capelli. «Forse la sigaretta a metà non riesce a far percepire al pubblico l’abbandono, il distacco dall’ansia incombente della protagonista? Dovrebbe essere intera? O un mozzicone? Non lo so, dimmelo tu!»

Il regista butta a terra la sigaretta, ci mette sopra il piede e la strizza per bene. «Non ci deve proprio stare!» risponde calmo alla fine.

«Cosa?!» fa l’autore.

«Come?» fa l’attrice.

«E perché?» scappa detto alla truccatrice che, approfittando dell’insperata pausa, si è messa a tergere il sudore dalla fronte dell’attrice.

«Perché il fumo fa male», è la spiazzante risposta del regista.

«Sì, beh, e allora?» fa l’autore.

«E che te frega, mica la devi fumare tu!» si lagna l’attrice.

«Sarebbe bene che smettesse anche lei, se non vuole che la pelle le se rovini del tutto», osserva la truccatrice.

L’attrice la fulmina con uno sguardo che è tutto un programma.

«Mi scusi», mormora lei contrita, prima di allontanarsi in buon ordine.

L’autore trae di tasca un pacchetto di sigarette, ne prende una, la spezza a metà, la accende, si avvicina al palco e, porgendola all’attrice, dice: «Tieni, vediamo di continuare!»

«Non prenderla!» ordina imperioso il regista.

«Cosa c’è ancora?» sbuffa lei, ritraendo la mano.

«Già! Cos’altro c’è, adesso!» sbotta l’autore, buttando a terra la mezza sigaretta e spegnendola con la punta della suola.

«Non è un esempio edificante, per il pubblico.»

«E chi se ne frega!» urla l’autore paonazzo, tornando ad accomodarsi.

Il regista si mette a girare con fare meditabondo attorno all’attrice; la quale, immobile come una cariatide, cerca di tenere a freno l’ira affondando le unghie nel costume di scena.

«Dobbiamo trovare qualcos’altro, che esprima rilassamento, abbandono… ma che non sia una sigaretta», giunge a concludere il regista.

«Che ne dici di un bel sigaro cubano?» butta lì ironicamente l’autore.

Il regista scrolla la testa. «Potrebbe ingenerare nel pubblico, interpretazioni sessualmente ardite», risponde serio.

L’autore rovescia la testa all’indietro. «Era una battuta, Cristo!» sibila a denti stretti.

Il regista non coglie e prosegue nella sua ricerca di un valido sostituto… della mezza sigaretta. «Tu, che ne pensi?» chiede all’attrice.

«Boh!» fa lei, stringendosi nelle spalle. «Sei tu il regista… quello che decidi tu, mi va benissimo.»

Il regista riprende a girare attorno alla sua musa. Poi si arresta davanti a lei ed esclama: «Un ventaglio!»

«Un ventaglio?!» sbotta l’autore, balzando in piedi. «No! No! E poi, no!» urla picchiando i pugni sul palcoscenico. «Dev’essere qualcosa da mettere in bocca, da offrire all’amato quando entrerà in scena… cosà fa, ciurla il ventaglio e poi lo offre all’amante e gli dice se vuol favorire una boccata?»

«E’ no, non funziona», realizza il regista, e riprende a girare intorno all’attrice.

Attrice che nel frattempo, complice la tensione, ha iniziato a sudare copiosamente. Allora chiama a sé la truccatrice; che da dietro le quinte accorre.

Mentre viene verso di loro, il regista nota che stringe un bastoncino tra le labbra. «Cos’hai in bocca?» le domanda quando li raggiunge. «Un Chupa-Chups…» risponde pacifica, mostrandoglielo. «Ne prende uno incartato dalla tasca del grembiule. «Vuole favorire?» chiede, porgendoglielo.

Il regista lo prende, rigirandolo tra le dita lo osserva da ogni angolazione. «Perfetto!» esclama, sgranando gli occhi sul leccalecca. Lo mostra all’attrice: «Perfetto!» ripete. Si volge, lo mostra all’autore. «Ecco, questo… coso, è perfetto!»

L’autore emette un mostruoso: «NOOO!» Corre sul palco, salta al collo del regista e lo abbatte, spalle a terra. «Tu sei un coglione. In una commedia drammatica, ambientata durante la prima guerra mondiale, l’attrice per mostrare al pubblico il momento di abbandono dall’ansia del tempo, dovrebbe mostrarsi al pubblico ciurlando quel coso… come diavolo si chiama?» chiede mentre gli stringe la gola.

L’attrice, vedendo il volto atterrito farsi bluastro, cerca di tirar via l’autore da sopra il regista, urlando stridula: «Fermati! Lo stai ammazzando!»

«Come si chiama quel coso?» continua a berciare lui, senza staccare le mani dal collo del regista.

«Chupa-Chups», risponde la truccatrice, traendolo dal grembiule. «Vuole?»

L’autore la guarda stranito. «Vuole? Lo prenda?» insiste lei senza alzare il tono, allungando la mano.

L’autore stacca una mano dal collo del regista, afferra il bastoncino, stacca anche l’altra mano per poterlo scartare; ora lo mette in bocca. «Uhm», fa di gusto. Si alza da sopra il regista e, ciurlando il Chupa- Chups, se ne va, dicendo: «Buono».

«Dove va?» domanda l’attrice sconvolta. «E le prove? La commedia?»

L’autore non risponde e, ciurlando felice il suo Chupa-Chups, lascia il teatro.

 

                                                                FINE

 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2019-04-16 18:02:27
L'attualizzazione, ma forse dovrei dire la manipolazione dei film a volte porta a risultati davvero ridicoli: insomma, che cosa sarebbe un hard boiled degli anni passati, magari in bianco e nero, senza il protagonista che beve e fuma? Non ho mai fumato e ricordo che già negli anni '70 Kojak sostituì la sigaretta col lecca-lecca, ma insomma, se all'epoca le cose erano così, perchè la mistificazione? E se si ha paura del cattivo esempio (come se non esistessero il web e la tv) ci sono sempre i divieti per i minorenni o addirittura gli infra quattordicenni. Forse si parte dal presupposto che nessuno li rispetti, mai.

Vecchio Mara il 2019-04-16 21:24:22
E' così. Ora non basta più mettere immagini di polmoni bruciati o scritte terrorizzanti sui pacchetti di sigarette. Nei telefilm e nei film, oltre che nei programmi tv (ricordo Funari che aveva sempre la sigaretta in mano) si cerca di non mettere più inquadrature con gente che fuma. Partendo da questo, ho provato a scrivere un raccontino dove immaginavo un regista "talebano" che non ne voleva sapere di dirigere un dramma teatrale dove la protagonista fumava, e per questo si ingegnava per trovare un escamotage, che alla fine si rivelerà comico. Ti ringrazio. Ciao Rubrus.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO