693 OPERE PUBBLICATE   3406 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Correvo

"PUNTO E A CAPO" Racconto Giallo / Noir / Thriller

di Vecchio Mara

pubblicato il 2019-04-03 17:52:01


Correvo

 

Correvo, in autostrada. Correvo superando i limiti… ogni limite… tutti i limiti avevo ormai superato… Già! Ma quali sono, i limiti da non superare? Quelli dell’imprudenza, della decenza, oppure dell’incoscienza? Probabilmente solo quelli del rispetto, per sé e, soprattutto, verso gli altri.

Ma avendo ormai divelto dalla coscienza il primo paletto, anche il rispetto verso gli altri se ne stava andando a puttane!

“Puttane”, come temine non sarà troppo elegante… no, effettivamente non lo è; ma come cappello sopra questa sporca, lurida faccenda… io dico che ci cade meglio di un cilindro a completare l’abbigliamento di un lord.

Il dodici cilindri pareva urlare di dolore, da quanto spremevo i suoi 600 e più cavalli. Dovevo arrivare in tempo, coglierli in flagrante, se volevo rivendicare almeno il diritto morale di porre fine a questo porcaio. Posto che si possa rivendicare un ipotetico diritto di vita e di morte sull’amata colta nell’atto di metterti le corna. Che poi, almeno in questo caso, l’onore se n’era già andato a puttane il giorno che avevo presentato Luigi a Renata con uno scopo ben preciso: rinnovare l’ormai fiacco ménage coniugale. Niente di meglio che un gioco a tre, avevo pensato. Ed in effetti, all’iniziò la cosa era risultata assai piacevole. Poi intervenne la variabile impazzita. Il classico granello di sabbia in mezzo agli ingranaggi di un meccanismo di precisione. Accade quando non fui più in grado di governare il gioco, perché le due marionette che muovevo a piacimento dentro il letto, a mia insaputa avevano tagliato i fili. E quello che mettevano in scena nel talamo, non era più uno spettacolino eccitante “solo per i miei occhi”. Ma amore, amore vero! E io, ingenuo, non me ne accorsi in tempo. Ma l’amore è difficile da mascherare, un bacio un po’ più lungo, una carezza fuori luogo, prima o poi finisce per tradire il vero sentimento. Così, quando subodorai il tradimento, mi organizzai di conseguenza.

Avevo fatto piazzare, all’insaputa di Renata, delle microspie in tutti gli ambienti della magione: microcamere collegabili tramite APP allo Smartphone, una spesa non indifferente che avrebbe finito per dare i suoi frutti.

Correvo a 300 allora, con davanti agli occhi l’immagine di quei due che facevano tranquillamente l’amore nella mia casa a Milano, credendomi lontano, a Roma, per lavoro. Mi avevano visto al telegiornale della sera durante la conferenza stampa, erano tranquilli, tranquillissimi. Io, invece, solamente stanco, dopo ore di inutili parole. Me ne stavo andando a letto, nella lussuosa suite dell’hotel… e avrei fatto bene ad andarci senza buttare l’occhio sullo Smartphone. Ma una vocina mi diceva di aprire la APP… “che c’era posta per me!”

E così, invece che la strada per l’hotel ho puntato dritto verso il casello autostradale.

Correvo a trecentoventi (gran macchina la Lamborghini, altro che la Ferrari) E quando esci di strada a quelle velocità, è quasi impossibile portare a casa le palle… E invece, qualcuno lassù, o laggiù, ha pensato bene di prendermi per i capelli e tirarmi fuori da quel groviglio di lamiere e carbonio… Una carognata bella e buona! Se mi è concesso. E anche se non mi è concesso, lo dico e ridico lo stesso… tanto, più di quello che mi hanno fatto, quelli lassù o gli altri laggiù, non mi possono fare. Una punizione migliore non la potevano inventare.

Ed eccomi qui, incatramato su una carrozzina motorizzata all’ultimo grido, che riesco a guidare con tre dita della mano destra (oltre agli occhi l’unica parte del corpo che riesco a muovere), a vagare per casa, inseguendo quei due disgraziati che si rincorrono nudi. Ed eccoli lì, dentro il letto mentre “fanno l’amore anche per me”, pare voler dire lo sguardo di Renata, convinta che li stia a guardare per mero piacere. Ma quale piacere. Odio! Solo odio e voglia di farvela pagare! Mi verrebbe da urlare, se riuscissi a parlare.

 

                                                               FINE

 

 

 

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Rubrus il 2019-04-06 09:10:36
Probabilmente non era il tuo intento, e probabilmente la mia è una reazione bislacca, ma l'idea del tizio che insegue stizzoso gli altri due manovrando una carrozzella motorizzata, ma impotente per tutto il resto, mi ha strappato un ghigno sarcastico, quasi fosse un fumetto macabro alla "Zio Tibia", Sarà una reazione strana, ma.. oh be'...la menano tanto con ' sta storia del non trattenere le reazioni emotive.

Vecchio Mara il 2019-04-06 09:29:51
Ah ah ah! Zio Tibia lo trovo perfetto. A dire il vero non so nemmeno io cosa volevo scrivere. Ero davanti al pc, mi è balenata nella mente la parola "correvo", e da lì ho iniziato a battere sui tasti e in poco più di un quarto d'ora ho scritto 'sta roba. L'ho riletta, mi è piaciuto l'accostamento tra donne e motori, denaro, perversione, amore e corna, tra cilindri e il cilindro da lord e l'ho postata senza starci a pensare su. Mettici sopra che ho pure trovato una copertina perfetta, e capirai che nonostante tutto non potevo far altro che pubblicarla Ti ringrazio. Ciao Rubrus

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO