686 OPERE PUBBLICATE   3778 COMMENTI   76 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Massimo Bianco

Lo tradiva con tutti

"PUNTO E A CAPO"

Racconto

Giallo / Noir / Thriller

pubblicato il 2019-03-20 11:02:03

In un nuvoloso pomeriggio di luglio Giovanni De Rossi terminò di lavorare più presto del solito e arrivò a casa in anticipo. Appena entrato nel portone sentì una tv accesa a tutto volume su un qualche programma di cartoni animati e si rese conto con irritazione che era quella del suo appartamento. Infatti, i suoi due maschietti di dieci e undici anni parlavano così ad alta voce da coprire i suoni provenienti dallo schermo, apparentemente sull'orlo di un litigio. Giovanni si affrettò a salire le scale.

Un inviperito "Non capisci proprio niente" gli giunse forte e chiaro mentre infilava la chiave nella porta d'ingresso. Riconobbe la vocina stridula del figlio minore Alessio. Di sicuro sua moglie non c’era, altrimenti non avrebbe permesso un tale bailamme.

"Ma cos'è ‘sto casino, finitela." esclamò mentre dava la caccia al telecomando per tutto l’elegante salotto, splendidamente arredato con autentici mobili e suppellettili art nouveau.

"Papà, è stato Alessio a cominciare."

"Ma papà, Simone dice che..."

“No, non voglio sentire niente. Lo sapete che non mi va di vedervi litigare, ok? Non m'interessa chi ha cominciato e qualunque cosa Simone ti abbia detto, lascia perdere e non stare in piedi sul divano Ducrot, che è delicato, si rovina e mi è costato pure un patrimonio.”

Nella cameretta all'estremo opposto dell'appartamento trovò Chiara, la figlia quindicenne, intenta a svolgere i compiti per l'estate con le cuffie infilate nelle orecchie. In assenza della mamma avrebbe dovuto essere lei a tener d'occhio i fratellini, ma aveva ben altro di cui preoccuparsi. La madre diventava sempre più trascurata in tutto, eppure un tempo era una donna dolcissima e una genitrice perfetta, amorevole e attenta. La ragazzina si accorse del suo ingresso e gli rivolse un allegro saluto. Il padre non capiva come potesse la musica non disturbarne gli studi, ma sapeva che farne a meno per lei sarebbe stato peggio, con quei due teppistelli in casa e i compiti da non trascurare.

"La mamma non c'è?" chiese conoscendo già la risposta.

"No, è fuori, voleva starsene in pace, Ale e Simo sono più agitati del solito, oggi."

"Da quant'è che è uscita?"

"Sarà un'oretta, papi."

Un'ora. Giovanni sapeva fin troppo bene dove era andata. Diede un'occhiata all'orologio. Segnava le 17,00 in punto e a conferma quasi nello stesso istante udì la pendola del salotto battere i colpi. Quel poco di buon umore rimastogli evaporò del tutto. E pensare che durante il viaggio di ritorno, mentre era incastrato nel traffico, l'illusione di trascorrere qualche ora insieme a lei prima di cena gli aveva quasi fatto dimenticare quanto fosse stata stressante la giornata. Stupido che era, avrebbe dovuto aspettarselo, invece. Nell'appartamento, lì al primo piano, Tiziana ormai ci restava sempre meno. Sospirò. Fino alle otto non sarebbe rientrata, questo era certo.

Passeggiò nervosamente avanti e indietro per un po', poi andò ad accendere l'altra televisione, ma non trovò nulla di interessante. Più tardi si affacciò sul minuscolo poggiolo ma c'era poco da osservare: un palazzone di otto piani davanti a occludere buona parte della visuale, altri massicci edifici ai lati, auto che scorrevano incessantemente lungo la strada sottostante fino a infilarsi nel corso principale e anonimi negozietti alternati a passi carrai. Giovanni si sporse in fuori, torse il busto e volse lo sguardo verso l'alto, tuttavia non vide altro che una sottile striscia di cielo e i sette piani sopra al suo, a stento visibili. Nulla si muoveva. Poi alcuni gabbiani passarono in volo. Eppure sapeva che doveva trovarsi lassù, con Lui. Aveva i nervi a fior di pelle, preda di un’irrefrenabile gelosia.

Tiziana lo tradiva. Lo tradiva con tutti da quattro anni. Aveva mille storie con altrettanti uomini. Per lei c'era sempre qualche dannato, losco personaggio con cui perdersi e dimenticarsi del coniuge. E proprio in quel momento era lassù, col compagno di turno. Ne era più che semplicemente convinto, ne aveva la certezza assoluta: Conosceva la sua identità. Del resto lei non faceva nulla per nascondergli le innumerevoli avventure. Lo cornificava apertamente, giungendo perfino all'impudenza di raccontargli della loro dolcezza o della loro energia, della loro sfrontatezza o della loro timidezza, effettuando raffronti e gettandogli in faccia tutta la sua presunta inadeguatezza.

Rientrato nel salotto, lo sguardo gli cadde su una foto scattata sei anni prima, alla comunione di Chiara e una lacrima gli scivolò lungo la guancia. Quel giorno insieme facevano un figurone. D'altronde erano una bella coppia piacente, mediamente alto e slanciato lui, il volto precocemente invecchiato dalle preoccupazioni e tuttavia attraente, un po' più piccina lei ma ben proporzionata e graziosa come una bambola, con quella bianchissima e delicata pelle di porcellana, i lunghi capelli neri e il bel viso acqua e sapone. E poi Tiziana aveva sempre dimostrato molti anni meno dell’età anagrafica. Il suo fisico aveva superato le tre gravidanze come se nulla fosse e ancora ora, a quarantatré anni, aveva un aspetto da giovincella e una silhouette da fare invidia alla maggior parte delle donne.

Questa volta però ne aveva abbastanza. La sua Tiziana aveva davvero passato il limite. Sua? Magari lo fosse stata, ormai apparteneva a tutti tranne che a lui. Tra loro non c'era più comunicazione e non ne capiva il perché. Dio come li aborriva. Ma stavolta si sarebbe vendicato. Avrebbe eliminato tutti i suoi amanti, presenti e passati. Aveva già in mente il piano nei minimi dettagli. Si trattava solo di trovare il momento propizio. E poi forse, chissà, sarebbe finalmente tornata a essere sul serio interamente sua.

Quando infine la consorte rientrò, le 20,00 erano già trascorse.

“Alla buon'ora." esclamò Giovanni, visibilmente irritato.

"Ciao caro, come è andata al lavoro? Immagino che come al solito non avrai nulla di interessante da raccontare.”

“Solo i problemi abituali, non vado fuori a divertirmi, dopotutto, io.”

“Io invece ho trascorso una splendida giornata con Roberto. È un brav’uomo, sai, pur con tutti i suoi problemi." rispose Tiziana, sorridendo imperturbabile prima di abbracciarlo e posargli delicatamente le labbra sul volto.

L’uomo abbozzò ed esibì un risolino forzato, ma in quel momento le sue mani si sarebbero strette volentieri intorno a quel latteo collo di cigno. Eppure l'amava ancora con tutte le sue forze e non sarebbe mai riuscito a torcerle un capello. In compenso sapeva su cosa riversare la propria rabbia. E allora si sarebbe pentita d'averlo trattato con tale sufficienza.

Tiziana intanto era andata a salutare i figli per poi recarsi tranquilla a spignattare in cucina, del tutto inconscia dell'uragano di sentimenti appena scatenatosi. Quando i cinque si sedettero a tavola mancava un quarto alle nove. In apparenza chiacchierarono amabilmente per l'intero pasto, però Giovanni sentiva i familiari con un orecchio solo e rispondeva in automatico. In effetti la sua mente era già rivolta in avanti, al giorno in cui si sarebbe finalmente presentata l'occasione tanto attesa. Poi all'improvviso udì ancora quel nome, Roberto, e l'attenzione gli si ridestò.

"Sai caro, Roberto ha attraversato una terribile crisi, è stato sul punto di suicidarsi, tempo fa. Ora è in cura da uno psichiatra e ieri notte ha trovato finalmente la forza di rivelargli i più intimi particolari della sua vita e ne ha tratto giovamento. Ma la sua salvezza non è stata mettersi in cura, ne sono convinta. Alla fine non c'è nulla di meglio che incontrare la donna giusta, per ritrovare la serenità e superare i momenti difficili, non credi?"

A quest'ultimo commento Giovanni sospirò platealmente.

"Oh sì, almeno finché lei non ti pugnala al cuore come fai con me." gli scappò quindi detto.

"Non essere sciocco, caro, lo sai che ti amo, ma sai anche che ogni tanto mi occorre un po' di distrazione dal solito tran tran quotidiano. Non ho mai capito questo tuo egoistico bisogno di accentrare tutta l'attenzione su di te."

"Ah, io sarei egoista, adesso. Guarda che è assurdo pretendere che ti divida con mille altri uomini."

"Beh, certo, se la metti in questo modo. Tu però non tieni proprio conto della mia sensibilità."

"E la mia sensibilità invece non conta nulla? Se almeno evitassi di parlarmene!"

Stavolta fu Tiziana a sospirare per l'atteggiamento del marito. Davvero non lo capiva. Perché reagiva sempre con quei ridicoli attacchi di gelosia, invece di essere felice di sentirla condividere con lui le proprie emozioni?

"Dai” – disse infine – “non togliermi la soddisfazione di discorrerne, sai bene che l'unico vero uomo della mia vita sei tu e che il resto è solo una parentesi fantastica che passa e va. Allora ascoltami per favore, ti dicevo che Roberto..."

Giovanni non poté far altro che ascoltarla e guardarla, impotente. D'altronde perfino imbronciato il suo viso restava incantevole. No, teneva troppo a lei per condividerla con altri. Roberto, Roberto, Roberto... Tiziana parlava ed egli intanto non faceva che ripetersi quel nome, come un mantra. Roberto, Roberto, Roberto... Dio come lo odiava, lui e tutti i suoi fottuti problemi psicologici. E quanto lo faceva star male dentro. Sarebbe stato il primo a morire, giurò a sé stesso. Dai tempo al tempo cara mia e poi vedrai la fine che farà il tuo adorato Roberto.

 

Due sere dopo Tiziana De Rossi sedeva tranquilla in poltrona a leggere. Aveva un'aria rilassata, serena. Sia il giorno precedente sia quello in corso era stata oberata da impegni e non aveva avuto un attimo di respiro. Perciò dopo cena si era ritirata nel suo cantuccio prediletto, dove nessuno doveva permettersi di disturbarla, e si era talmente immersa nella lettura da non accorgersi dello scorrere del tempo. E poi il libro la prendeva così tanto da non riuscire a interrompersi. In quel momento tutte le sue insoddisfazioni erano dimenticate. Quando infine si riscosse, si rese conto di quanto si fosse fatto tardi: erano già le due passate! Incredibile come volava il tempo nei momenti piacevoli. Posò il libro sul tavolino firmato August Endell, a fianco di un prezioso vaso Tiffany in vetro “febbrile” a coda di pavone, spense il lume liberty a stelo Gallè, lavorato in bronzo a motivi d’edera e con sei tulipes in pasta di vetro a motivi floreali, e si affrettò ad andarsene a letto. Quando entrò in camera Giovanni dormiva. Cercò di infilarsi adagio sotto le lenzuola, per non disturbarlo.

Intorno alle quattro il marito si alzò, silenzioso. Tiziana era profondamente addormentata. Sapeva che si era infilata sotto le lenzuola alle due e trenta, l'aveva sentita, anche se fingeva di dormire. Non si sarebbe quindi svegliata per un pezzo. Pure i figli dovevano trovarsi nel bel mezzo del sonno. Era il momento giusto per agire indisturbato. Si vestì al buio, attento a non far rumore e uscì.

Chiamò l'ascensore e mentre l'attendeva fece una rapida telefonata. Entrò quindi nel vano e salì all'ultimo piano.

"Basta coi tradimenti" - sussurrava nel frattempo - "a mali estremi, estremi rimedi".

Poco dopo giunse davanti a una porta. Aveva una copia delle chiavi. La infilò nella serratura e aprì.

Si era portato dietro tutto l'occorrente. Non ci volle molto. Ben presto il fuoco iniziò a crepitare nella mansarda e lui restò a guardarlo soddisfatto. Era lì, nel loro grazioso abbaino posto al di sopra dell’ottavo e ultimo piano del palazzo, che sua moglie aveva installato la libreria, un prezioso, antico mobile tedesco in stile liberty. Era lì che si rifugiava per dimenticare le proprie frustrazioni.

Giovanni detestava la sua abitudine di leggere con tanta passione, dimentica di tutto. Non sopportava più di saperla immersa in un mondo meraviglioso in cui per lui non c’era posto. Da circa quattro anni la consorte aveva accentuato l'abitudine alla lettura e da altrettanto lui esecrava in tronco tutti i suoi libri. Li odiava perché quando lei li leggeva sembrava felice, assai più di quanto lo fosse stando insieme al marito, perfino rispetto a quando facevano l’amore. E li odiava tanto più perché era incapace di penetrare il mondo della narrativa, genere letterario di cui neppure capiva il senso, solo un’assurda fuga dalla realtà, dal suo punto di vista.

Vide bruciare i volumi di Gianrico Carofiglio, l’autore preferito di Tiziana, e gli parve di vedere morire l’avvocato Guido Guerrieri in persona, protagonista di tanti suoi scritti e personaggio che lei venerava, tanto da giungere a sostenere che le sarebbe piaciuto consolarlo delle sue delusioni sentimentali. In quei giorni Tiziana stava proprio leggendo l'ennesimo romanzo di Carofiglio, "Il silenzio dell'Onda". Ed eccolo, abbandonato sul tavolino tedesco, prender fuoco come tutti gli altri tomi. Giovanni allora sorrise, provando la piacevole sensazione che insieme ad esso stesse bruciando anche il protagonista Roberto Marias, il carabiniere in crisi esistenziale di cui ultimamente si ostinava a parlargli.

Inoltre c'erano i romanzi di Jean Claude Izzo e che rabbia quando, persa nel dramma Shakespeariano d'amore e morte di “Marinai perduti”, neppure s'accorgeva che lui le stava rivolgendo la parola. E poi ancora Nicholas Sparks con le sue stramaledette romanticherie; Nicholas Evans dalle opere colme di intense emozioni; Fabio Volo, il più insopportabile di tutti con quei suoi insignificanti libercoli di cui tuttavia lei pareva in costante ammirazione; l’introspettivo Paulo Coelho e tutti quegli altri autori a lui ormai ben noti e con i cui principali personaggi maschili non poteva fare a meno di ritenere che la moglie lo tradisse.

E mentre già si udivano le sirene dei pompieri da lui stesso avvisati, guardava le pagine annerirsi e accartocciarsi, le fiamme sollevarsi e spargere calore e gli si riscaldava il cuore, come non gli accadeva ormai da mesi, forse perfino da anni.

 

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Massimo Bianco

Utente registrato dal 2017-11-01

Savonese e forte lettore, posto racconti (noir, di fantascienza e altro) e saggini su alcuni dei miei scrittori preferiti, sperando di offrire momenti di piacere e talvolta di riflessione. Ho pubblicato 2 romanzi cartacei, "Per gloria o per passione" sul calcio giovanile e "CAPELLI. Dentro la mente di un serial killer" più il saggio, scritto a 4 mani con A. Speziali, "Savona Liberty. Villa Zanelli e altre architetture". Altri miei scritti su http://www.truciolisavonesi.it dall'home page cliccate in alto su ARTICOLI PER AUTORI e poi su Massimo Bianco Buona lettura.

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Ho commesso il delitto perfetto Narrativa

Vivere a Miracoli (colonia su Marte) Narrativa

Lo tradiva con tutti Narrativa

LA SIGNORA DEI TRENI E DEI PICCIONI - e - IO, PEDOFILO Narrativa

Gianrico Carofiglio: le (sue) storie sono un pezzo di mondo Saggistica

Jean Claude Izzo, noir mediterraneo Saggistica

Metannoir savonese Narrativa

Il volto tra le nubi Narrativa

Festival Lovecraft in PIAF - Essi attendono Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Funerale al collegio femminile Narrativa

Rapine in serie in tabaccheria Narrativa

2054, nuova meravigliosa città Narrativa

I borghi sul dirupo Narrativa

U.N.P. Episodio 3 di 3. L'orizzonte degli eventi. La fine. Narrativa

U.N.P. Episodio 2 di 3. Dentro un racconto di Massimo Bianco Narrativa

U.N.P. Episodio 1 di 3: prigionieri di luoghi incomprensibili Narrativa

Il destino di un imperatore Narrativa

Ursula K. Le Guin: la fantascienza è donna Saggistica

Manichini Narrativa

Le tre crocifissioni Narrativa

Tempo. Angelo della morte Narrativa

Donato Carrisi. I mille volti del male Saggistica

Robert Heinlein e Clifford Simak, padri della fantascienza americana Saggistica

FILO'. Orrore a Capo Fieno Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Sul regionale delle 7,05 Narrativa

Bravi, violenti ragazzi Narrativa

Pirati nel Mar Ligure, oggi Narrativa

Stanislaw Lem o dell'incomunicabilità Saggistica

Vent'anni di matrimonio Narrativa

Dall'ammasso della Vergine Narrativa

Valerio Evangelisti e l'inquisitore Eymerich, puro crossover Saggistica

Il cuore nero di Lucca Narrativa

Festa medioevale a Villa Valente Narrativa

Io sono un veggente e vedo i serial killer Narrativa

Giorgio Scerbanenco, padre del noir italiano Saggistica

Stagione di caccia Narrativa

Traffico in città Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Roberta il 2019-03-20 14:20:07
È il primo tuo racconto che ho letto e mi è piaciuto molto: non potevi non riproporlo qui.

Massimo Bianco il 2019-03-20 15:59:04

Hai ragione, non so perchè ci ho messo tanto a riproporlo, ma in fondo è meglio così: dulcis in fundo! Erano stati due i racconti che mi avevano sdoganato su Neteditor (i primi tempi non mi filava quasi nessuno) il primo era stato "Vent'anni di matrimonio" (che qui ho inserito quasi subito) e il secondo questo, in assoluto quello mio più commentato, cosa di cui fui particolarmente contento perchè era uno dei miei scritti che mi convinceva di più. Tra parentesi tra i tanti commentatori e apprezzatori c'era stato anche Fabio Cavagliano (l'utente Grifabio), l'autore della copertina, e approfitto del tuo commento per ringraziarlo di avermela disegnata. Ciao e grazie per la visita.


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Vecchio Mara il 2019-03-20 14:59:54
Questo racconto lo ricordavo bene, ma non ricordavo chi lo aveva scritto, pensa che un po' di tempo fa volevo chiederti se per caso avessi scritto un racconto dove la moglie, lettrice bulimica, "tradiva" il marito con i personaggi dei romanzi che leggeva avidamente. Ora quel racconto, sicuramente il tuo migliore per me, insieme al Volto nelle nubi, mi pare si chiamasse, e l'altro: Il cuore nero di Lucca, o qualcosa del genere, me lo ritrovo qui, e me lo sono riletto con molto piacere. Piaciuto come e anche più della prima volta. Ciao Massimo

Massimo Bianco il 2019-03-20 16:21:24

In effetti questo e gli altri due da te citati sono anche i miei preferiti in assoluto (non dico necessariamente i migliori, sia chiaro, solo i miei preferiti) tra quelli che ho proposto sul web in questi anni, insieme a "Dall'ammasso della Vergine", "Le tre crocifissioni", "Tempo, angelo della morte" e infine il racconto che intendo proporre a fine maggio prima della pausa estiva e che mi sono lasciato appositamente per ultimo, prima di tornare a dedicarmi al nuovo, per chiudere in bellezza ("Ho commesso il delitto perfetto"), i miei Magnifici 7, diciamo, fermo restando che io (ri)propongo qui solo ciò che giudico il mio meglio (nella breve e media lunghezza) e quindi ciò che c'è su Piaf mi piace tutto e fatico molto a fare una classifica di preferenza. Grazie per visita e apprezzamento, ciao.


RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
monidol il 2019-03-22 15:45:51
Non avevo immaginato che fossero i libri, mentre leggevo pensavo facesse qualche lavoro paticolare, ma non riuscivo a immaginare quale... Molto interessante, fa riflettere sulle relazioni di coppia. Bravo Ciao moni moni

Massimo Bianco il 2019-03-24 19:55:15
In effetti ricordo che su Net la sorpresa finale aveva sorpreso davvero tutti (solo 1 su 20 aveva intuito), segno che evidentemente, malgrado avessi volutamente disseminato il racconto di tracce, avevo anche saputo dissimulare bene, cioè proprio come mi ero ripromesso. Tra parentesi questo racconto vuole essere anche, se non soprattutto, un omaggio alla letteratura, tutta, non la "mia" letteratura, perchè l'importante è leggere e se un qualunque libro lascia dentro a un lettore qualcosa di positivo allora va bene, non importa che a me quel libro piaccia o non piaccia. E infatti degli autori citati solo due, ovviamente Carofiglio e Izzo, rientrano tra i miei preferiti, gli altri erano i preferiti di una mia amica a cui avevo chiesto perchè volevo che l'immaginaria biblioteca del racconto risultasse più femminile di quanto lo sarebbe stata limitandomi ai miei amori. Quanto alle relazioni di coppia: alle volte non ci si rende conto di quanto il compagno o la compagna soffrono se si sentono in qualche modo trascurati. Grazie per visita e apprezzamento, ciao.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2019-03-25 17:38:45
Come "rimedio" è decisamente estremo. Probabilmente dirò qualcosa che avevo già detto (o forse no) ma credo che il pregio principale di questo racconto sia come combina la naturalezza delle motivazioni, con conseguente costruzione del climax, narrato non spiegato, con la sorpresa finale.

Massimo Bianco il 2019-03-31 12:45:25
Decisamente, sì. Narrato non spiegato: grazie! E comunque un bel commento complessivo, il tuo, ciao.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Paolo Guastone il 2019-07-02 15:45:03
E io che pensavo che.....Bravo Massimo! Non ricordo questo racconto ma non importa perché ora so dove rileggerlo.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO