722 OPERE PUBBLICATE   3919 COMMENTI   76 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

Paolo e Francesca

"PUNTO E A CAPO" Racconto Comico / Umoristico

di Vecchio Mara

pubblicato il 2019-04-27 15:56:19


Paolo e Francesca

 

«In qual landa desolata, battuta da impetuosi venti, mi hai dunque condotto?» chiese Dante a Virgilio. Osservando meglio vide figure ignude correre in vorticoso abbraccio dentro l’infernale turbine, e prima d’ottener risposta aggiunse: «Che l’è! Una sala a luci rosse?»

«L’è il girone dei lussuriosi, dove color che nella vita si fecero trascinar dalla passione, saranno in eterno trascinati nel vortice dell’uragano», rispose Virgilio.

 

Lo sguardo di Dante fu particolarmente attratto da due giovani figure. «Chi siete voi, o giovani amanti, che ancor correte in ‘sì appassionato abbraccio?» chiese il divin poeta, vedendo il giovinotto intendo a trastullar il fiore dell’amata.

Le due figure s’arrestarono a mezz’aria, mostrando le loro più intime nudità agli sguardi interessati dei due infernauti. «Io son Paolo, e lei, è mia cognata Francesca, moglie di mio fratello Gianciotto», rispose il giovinotto, scostando la mano, operante, dai petali carnosi della di lui amante.

«Ah! Pure tuo fratello era colui che contribuisti a cornificare! Ma va che sei davvero stronzo!» lo redarguì duramente uno sconcertato Dante.

«Chi sei tu per giudicare noi, poveri amanti?» saltò su Francesca, facendosi avanti e mettendo sotto il naso adunco di Dante, un seno che da solo valeva il prezzo pagato per visitar l’intero inferno.

«Io non sono venuto a giudicare, son qui per capire... e se l’inferno offre simili spettacoli, pur anche per vedere», rispose con un filo di lussuriosa ironia il divin poeta.

«Cercherò di farti capire il disagio che mi portò a tradire l’uomo molto ricco, ma altrettanto brutto, che fu mio sposo. Per prima cosa, prova a immaginare di doverti sollazzare una vecchia sdentata, ritorta, con l’alito che sa di chiavica, che mentre fa l’amore suda, esalando aroma d’aglio, rutta e del suo cul fa pur trombone!» lo relazionò, arrossendo, la donzella.

«Che schifo! Ma in qual cloaca l’hai pescato, un pezzo d’escremento siffatto?»

«Lo trovai, cercando fra i possessori di virtù tangibili. Tipo: castelli e possedimenti vari», rispose Francesca. E prima di esser giudicata donna un po’ venale, aggiunse: «M’applicai per esser degna sposa del mio signore, in pubblico e pure in privato. Turandomi il naso offrivo le mie grazie…» sospirò, «con poca voglia, ma le offrivo», concluse con una smorfia di ribrezzo sul volto disegnata.

«E allora come fu che cadesti preda di codesto bell’imbusto?» chiese ancora Dante, regalando uno sguardo sprezzante al giovinotto.

«Non fu colpa mia, e nemmeno sua… galeotto fu il kamasutra e le figure in esso impresse», s’intromise, difendendo il loro insano amore, Paolo.

«Il kamache?!» esclamò stranito Dante.

«Il libro che, Gianciotto, teneva sul comodino per sperimentar nuove e più ardite forme d’accoppiamento», precisò Francesca. «Il fatto è che lui, piccolo e storto, le ardite pose le iniziava ma non riusciva a portarle a compimento; non possedeva la necessaria elasticità articolare per assumer pieghe similari a quelle di due serpi attorcigliate. Così finiva, puntualmente, col piantarmi in asso a metà piega, dolorante e insoddisfatta.»

«Capisco», fece Dante, aggrottando le sopracciglia.

«Quel giorno la trovai intenta a studiar del libro le figure, alla ricerca d’una posa soft da far assumere al corpo suo e di Gianciotto, per consumare, finalmente con soddisfacente godimento, l’amoroso atto», proseguì Paolo, prendendo coraggio. «Mi chiese quale, secondo il mio modesto parere, fosse la più adatta alla bisogna. Io l’indicai col dito poi, per verificar la giustezza della mia scelta, la provammo… rimanendo entrambi soddisfatti. E da quel giorno iniziammo ad esplorar figure sempre più ardite. Così ardite, che i corpi incatenati nell’amoroso gesto faticavano non poco nel momento del distacco. Fu così che il giorno che Gianciotto, tornando a casa presto ci trovò incastrati, non riuscimmo a districarci in tempo, e l’irato mio fratello ci trapassò entrambi, con un solo colpo, a fil di spada», concluse intristito Paolo.

«Non meritavamo codesta eterna pena», singhiozzò Francesca, stringendosi all’amato. «Chi ci ha mal giudicato dev’essere mancino, non c’è altra spiegazione. Avrà un giorno ragione Silvio a lamentarsi.»

«E chi è codesto Silvio che avrà, invece di aver avuto?» chiese a Virgilio lo sconcertato Dante.

«Non ci far caso, straparla, il tempo passato a girar nel vortice l’ha mandata fuori di melone. Silvio non l’è ancora morto… in verità, non l’è neanche nato. Silvio è il prototipo dell’uomo di successo che il creatore sta testando prima di metterlo sul mercato. Sta faticando non poco a programmarlo, gli s’inceppa spesso il labiale e, come un disco rotto, ripete in continuazione: “La giustizia l’è politicizzata, i giudici sono tutti di sinistra!” e via discorrendo.»

«Capisco, l’è il solito frignone. E che ci azzecca con il girone dei lussuriosi?» chiese incuriosito Dante.

«Ci azzeccherà con questo e pur con altri di gironi. Sarà un bel problema, per il demone Minosse, trovargli una sistemazione consona al suo rango, quando, e se arriverà!»

«Perché, non è sicuro che lo mandino quaggiù?»

«Quello, pur di rimanere in paradiso, è capace di tirarla tanto lunga da mandare in prescrizione persino il divin giudizio», rispose Virgilio, scuotendo la testa. Poi indicò i due sfortunati amanti e proseguì: «Comunque, secondo me, loro meritavano almeno le attenuanti generiche!»

«Ti ringrazio d’aver compreso che siamo solo vittime del sistema… t’avessimo avuto come avvocato al tempo, forse oggi saremmo in Paradiso… o nella peggiore delle ipotesi, in purgatorio», disse Francesca, regalando, oltre alla visione delle procaci forme, un complice sorriso a Virgilio.

Ringalluzzito dal focoso sguardo della donzella, Virgilio mollò i freni inibitori. «Non ho studiato legge, non sono avvocato, ma se lo fossi stato, t’avrei difesa senza pretender monete d’oro a saldo della pingue parcella. Mi sarei accontentato di vedere, per una notte almeno, il tuo e il suo talento esprimersi sul talamo in erotiche, complicatissime figure, dal libro estrapolate.»

«Se ti piace fare il guardone, dillo chiaramente! Senza abbellire l’argomento con baroccheggianti espressioni!» lo redarguì Dante. Poi si rivolse agli amanti: «E voi, se vi sentite defraudati o mal giudicati, provate a presentare richiesta di revisione processuale alla suprema corte!»

«Provar non costa nulla, e se fosse accertata la giusta causa, potrete volar nell’alto dei cieli; e lì giunti, sistemar il vostro talamo sopra una nuvola, cullati dalla celestiale musica dei serafini in coro», aggiunse Virgilio, dando di gomito a Dante.

«Ci accontenteremo pure d’accampar il talamo accanto ai cherubini, pur di lasciare ‘sto vento infame, che sibilando t’entra in ogni orifizio», gli fece presente l’interessata Francesca.

«No! Vicino hai cherubini non si può stare!» sentenziò Dante. «E non perché stanno un po’ più lontani dal giudice supremo; ma perché, a differenza dei serafini che s’accontenterebbero di guardare, quei monellacci vorrebbero pure partecipare all’amoroso atto.»

«Qualsiasi sistemazione, pure nell’angolo più oscuro del Paradiso, ci andrebbe a pennello. Come si può fare per la richiesta?» tagliò corto Paolo, pendendo dalle labbra dei due saccenti, vedendo un fil di luce penetrar l’oltretomba.

«Dovete immergevi nelle profonde fiamme, e lì, con carta pergamena e penna d’oca in mano, scrivere la vostra richiesta al revisor divino», rispose Virgilio, schiacciando l’occhio a Dante.

«Ma non si può fare! La carta in mezzo alle fiamme brucerebbe all’istante!» sbottò Francesca, infervorandosi. «Ci state prendendo per il culo, brutti porci pervertiti!»

Virgilio e Dante si allontanarono, sganasciandosi dalle risa. «E ce ne hai messo di tempo a capirlo, t’avrei fatto più perspicace, invece sei più bischera che affascinante, il che l’è tutto dire!» l’apostrofò con tono beffardo Dante, mentre i due amanti perduti venivano risucchiati nell’infernale centrifuga.

 

«Speriamo di trovare altri due grulli simili a codesti, nel prossimo girone», commentò, ridendo a crepelle Dante.

«Eh, ne troveremo a iosa di grulli andando avanti, più di quanti ne possa sopportar il tuo riso… ma non il tuo pianto», chiosò criptico Virgilio.

  

                                                                FINE

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.