693 OPERE PUBBLICATE   3417 COMMENTI   81 UTENTI REGISTRATI

Utenti attivi:

RICERCA LIBERA E FILTRI DI VISUALIZZAZIONE

Sezioni:    Narrativa   |    Saggistica   |    Poesia   |    Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti   |    Momenti di gioco e umorismo a premio e turismo culturale.   |   

Ricerca per genere e utente (work in progress)

La città di sabbia

"PUNTO E A CAPO" Racconto Horror / Mistery / Pulp

di Vecchio Mara

pubblicato il 2019-01-16 10:39:20


La città di sabbia

 

Era più di un anno che il volantino di una nuova competizione estrema passava di mano in mano tra i concorrenti delle più massacranti maratone.

Così, partecipare alla prima edizione dell’ultra-maratona del Sahara (cento chilometri in una sola tappa), era diventato il sogno proibito di ogni ultra-maratoneta che si rispetti.

Proibito non solo per l’impegno psicofisico, al limite delle possibilità umane; ma anche per gli alti costi che, tra iscrizione e tutto il resto, richiedeva la trasferta in terra d’Africa.

A costo di sacrifici non indifferenti, io e altri due ultra-maratoneti del mio gruppo, dopo aver salutato i parenti e gli altri amici del gruppo, che non riuscirono a nascondere una punta d’invidia, c’imbarcammo su un volo con destinazione… sogno!

 

                                           ***********************************

 

Poco prima del sorger del Sole eravamo schierati in quarantasette pazzi, dietro l’ipotetica linea di partenza tracciata sulla sabbia del deserto. Davanti a noi, a poco più di duecento metri, la prima delle innumerevoli dune da superare per giungere al traguardo.

E quando le prime luci dell’alba incendiarono il deserto, un sparo diede inizio alla competizione.

Consapevoli del fatto che il primo dei due ristori l’avremmo trovato dopo circa trenta chilometri, ogni concorrente si era premurato di portarsi uno zaino, all’interno del quale, oltre al serbatoio idrico contenente due litri di acqua, avevano trovato posto ben sei borracce da mezzo litro contenenti sostanze energetiche e Sali minerali. Inoltre, ad ogni concorrente, oltre alla bussola e alla raccomandazione di seguire costantemente il nord per non uscire dal tracciato, l’organizzazione aveva fornito un rilevatore satellitare, che sarebbe servito per recuperare chi, contravvenendo alle istruzioni o per qualsiasi altro accidente, si fosse perso nel deserto.

La sera precedente, studiando la tattica di gara, io, i miei due amici e altri otto maratoneti avevamo deciso di fare corsa di conserva, restando uniti almeno fino al secondo rifornimento: poi ognuno sarebbe stato libero di giocarsi le proprie carte. Ma alla prova dei fatti, lo spirito competitivo prese il sopravento, e già affrontando a passo di carica la prima delle numerose dune che attendevano di essere superate, il gruppetto che arrancava nella sabbia si era sparpagliato in ogni dove: e da lì in avanti “ognun per sé e Dio per tutti”!

 

                                                   ********************************

 

Il freddo intenso patito al raduno di partenza, dopo un paio d’ore era ormai un lontano ricordo: ora il deserto aveva assunto la sua dimensione di fornace di sabbia. I concorrenti davanti a me poche decine, cento metri al massimo, parevano forme liquide, vagamente antropomorfe, che si muovevano sopra un mare di sabbia dorata.

Sarà stato perché, per non perdere di vista gli altri, l’avevo preso troppo di petto il deserto; fatto sta che avevo già svuotato il serbatoio idrico dello zaino e ben tre delle sei borracce che contenevano sostanze energetiche e sali minerali.

No, non fu lo spirito competitivo a spingermi oltre i miei limiti, ma quello di sopravvivenza; dovuto al fatto che, dopo poco più di mezz’ora, controllando la bussola da polso mi ero accorto che l’ago aveva preso a sbattere a destra e sinistra come un pendolo impazzito. A quel punto avevo provato a gridare per attirare l’attenzione dei miei compagni d’avventura, distanti non più di cinquanta metri; ma quelli parvero, o forse finsero di non udire e continuarono mantenendo una cadenza asfissiante.

Ci misi poco a realizzare che se non volevo rischiare di perdermi in quel mare di sabbia, dovevo tenere un contatto visivo con chi mi precedeva, anche a costo di andare in acido lattico.

“In fondo si tratta di arrivare al primo rifornimento. A quel punto se riusciranno a sistemarmi o a sostituirmi la bussola, bene! Altrimenti mi ritirerò”, ragionavo deluso, pensando ai lunghi mesi di sacrifici che se ne stavano andando in fumo per una bussola difettosa.

 

Mentre arrancavo sull’ennesima duna, alzai lo sguardo per vedere dov’erano gli altri. Un sospiro di sollievo mi colse, notando i miei due amici che si sbracciavano, schierati sulla cresta della duna con altri cinque compagni d’avventura che, mentre mi attendevano, si stavano rifocillando. In quel preciso istante ebbi una strana visione; mi parve di vedere la duna gonfiarsi (come un polmone che inspira a fondo prima di espellere l’aria, mi sovviene con il senno di poi). Derubricai il tutto ad allucinazioni dovute alla stanchezza o alla rifrazione della luce sulla sabbia e avvertii gli altri che li avevo visti.

Feci appena in tempo ad alzare la mano per ringraziarli, quando un sibilo che si andava intensificando li fece voltare dall’altro lato della duna.

In pochi secondi il sibilo si fece assordante, raggiungendo l’intensità di jet al decollo; fu questione di attimi, agghiaccianti, infiniti attimi.

Un vortice di sabbia immenso, nato dal nulla, oscurò il Sole, ingoiò l’intera duna e iniziò a centrifugare l’enorme quantità di sabbia che risucchiava insieme a tutti noi. Girando vorticosamente all’interno del vortice, mi parve di intravvedere molti altri maratoneti rotolare come fuscelli dentro quel girone infernale; il numero preciso non lo saprei quantificare, ma erano sicuramente più dei sette che mi attendevano in cima alla duna. Alcuni di loro, piroettandomi accanto, tendevano le mani, che invano cercavo di afferrare. Ci fu un momento in cui riuscii a sfiorare le dita che mi sfilavano davanti allo sguardo, non saprei dire a chi appartenessero (insieme al resto delle mani e agli avambracci furono l’unica parte anatomica che riconobbi dentro la tempesta di sabbia), ma subitamente il vortice le portò lontano. Poi svenni e non vidi e non udii più nulla.

Non saprei dire per quanto tempo rimasi steso supino, privo di sensi; sicuramente più di un’ora, stante il fatto che quando riaprii gli occhi la luce accecante del Sole, giunta allo zenit, mi costrinse a serrare repentinamente le palpebre (gli occhiali da sole che portavo fin dalla partenza si erano persi dentro il vortice). Ma potrebbe benissimo essere trascorso più di un intero giorno… o settima… o mese, anno, secolo o millennio a ritroso nel tempo, mi sovviene ora, rammentando ciò che vidi e la successione dei fatti che mi appresto a narrare.

 

Piegando il capo a destra per non essere abbagliato provai a riaprire gli occhi. «Dove sono finito?!» esclamai spaventato. L’eco della mia voce che rimbalzava tra le pareti produsse un senso di soffocamento. Volgendo lo sguardo all’intorno con circospezione, mi chiedevo se stessi sognando. Dov’ero finito? Ma soprattutto: come c’ero finito in quel luogo che racchiudeva in sé un enorme, angosciante mistero?

Rammentavo una tempesta di sabbia, sorta dal nulla. Poi era stato come se l’intera duna avesse preso il volo centrifugando uomini e cose che si trovavano nel raggio d’azione dell’immenso vortice.

Ero sconvolto, sconvolto e terrorizzato. Dovevo uscire dall’incubo in cui ero precipitato. Sì, ma come?

Tanto per cominciare dovevo guardarmi attorno, per capire dove mi trovassi esattamente e fare il punto.

Dopo aver assunto la posizione eretta mi misi ad osservare con attenzione la parete alla mia destra, alta almeno una cinquantina di metri. «Una città scavata nella roccia! Sembra di stare a Petra!», fu la prima impressione, notando che nelle pareti erano state scolpite numerose facciate di tempi e palazzi… Almeno, così credetti di primo acchito per il colore simile alla pietra calcarea dentro la quale i nabatei avevano scolpito le monumentali facciate della loro meravigliosa città. Volsi lo sguardo a sinistra, altre facciate di tempi incombevano sulla via. Feci un passo in direzione della parete, volevo toccare con mano la consistenza della roccia. Ma subitamente mi arrestai. “Meglio girare al largo e dare un’occhiata senza toccare”, disse una voce dentro di me, dopo che, guardando in alto, vidi una cascatella di sabbia, forse spinta dal vento, scendere dal bordo della parete.

A differenza di Petra, che avevo visitato tre anni prima, qui le aperture erano tutte cieche. Non c’era modo di entrare negli edifici; per il semplice motivo che non si trattava di costruzioni destinate ad essere abitate, ma di bassorilievi scolpiti su quelle pareti, perfettamente verticali e lisce come mai mi era stato dato di vedere prima dall’ora.

Pareti prive di appigli, impossibili da scalare. Dunque, se volevo uscire da quella specie di labirinto, dovevo inoltrarmi nelle vie che s’intrecciavano geometricamente.

Percorrendo quello che, per dimensioni, giudicai il corso principale con gli occhi sgranati sui meravigliosi scenari che si aprivano ad ogni passo, mi accorsi che anche sulle vie che intersecavano il corso incombevano facciate monumentali. «Bassorilievi, di questo si tratta!», realizzai, notando le sporgenze che davano origine a colonne, frontoni, architravi e alle nicchie delle finestre cieche ricavate nello spessore delle pareti. «Pazzesco! Qualche civiltà remota si è divertita a creare l’immagine tridimensionale di un’intera città… a quale scopo?» mi domandai, non trovando ancora il coraggio di toccare con mano quelle autentiche opere d’arte.

Ci avrei pensato in seguito, ora il problema impellente era la scarsità di acqua (mi erano rimaste tre borracce contenenti sali minerali, ma quelle dissetavano poco o niente). Controllai la bussola da polso: l’ago pareva aver smesso di fare le bizze. Così decisi di seguire il nord, sperando, una volta uscito dal labirinto di vie e lasciata alle spalle la città fantasma, di poter raggiungere il primo posto di ristoro.

«Trovare acqua dentro questo labirinto di sabbia, è come cercare un ago in un pagliaio», tirai le somme, incamminandomi.

 

Camminavo con fare circospetto da una ventina di minuti, lungo l’ampia strada che pareva non aver fine, quando mi accorsi che la mia ombra era sempre ridotta a una piccola chiazza scura sulla sabbia attorno ai miei piedi. Volsi lo sguardo a destra, a sinistra e anche nelle vie laterali: le pareti non proiettavano ombre. Era come se il Sole, fermandosi allo zenit, si comportasse come lampadario posto al centro di un grande salone vuoto. Un salone immenso, un’opera titanica al cui confronto le piramidi sembravano costruite incastrando uno sull’altro dei mattoncini della Lego; e l’esercito di terracotta del primo imperatore della Cina, una scatola di soldatini di piombo.

Arrestandomi ad ogni incrocio con le vie laterali, controllavo sulla bussola la direzione da seguire: l’ago indicava sempre e comunque di proseguire lungo la direttrice del corso principale, se volevo andare a nord. 

A un certo punto, in mezzo alla via vidi ergersi una fontana: la figura di un vecchio piegato dal peso degli anni, osservava con occhi avidi il rivolo d’acqua che, sgorgando dall’anfora che reggeva sulla spalla destra, si perdeva nella sabbia.

“Un miraggio”, pensai di primo acchito. Ma la sete era tanta, troppa per resistere chissà per quanto altro tempo prima di trovarne dell’altra. E io avevo ormai finito la scorta nello zaino. Così mi avvicinai con circospezione, passai l’indice sotto il rivolo. «Dio, ti ringrazio», dissi in un sospiro, constatando che non si trattava di un miraggio. L’annusai e la tastai passandolo sulle labbra; infine, mettendo le mani a giumella, senza stare a pensare che potesse essere acqua infetta, mi dissetai. L’acqua era meravigliosamente fresca, la migliore che abbia mai bevuto. Appurato ciò, tolsi lo zaino dalle spalle e riempii il serbatoio dell’acqua che si trovava al suo interno. Mentre rimettevo lo zaino in spalla, mi scoprii per la prima volta a osservare la strada lasciata alle spalle.

Un brivido mi colse, volgendomi a guardare le facciate degli edifici osservati poc’anzi.

Ora dai bassorilievi che disegnavano finestre e portali, sporgevano degli altorilievi: delle figure grottesche che sembravano puntare i loro sguardi inquietanti su di me. Demoni, orribili demoni, non saprei come altro definire quei volti ghignanti.

Arretrando spaventato senza distogliere gli occhi agghiacciati dal pericolo che mi stava davanti, finii per incocciare la fontana. Volgendomi di scatto, potei assistere a qualcosa d’incredibile, che ancor oggi, a distanza di mesi, tormenta le mie notti insonni: l’acqua che sgorgava limpida dalla brocca mutò in finissima polvere d’oro, che cadendo si trasformava in sabbia e si ammonticchiava, come all’interno di una clessidra, ai piedi del vecchio, che ora pareva guardare sgomento il mucchietto che andava crescendo. E quando finì di sgorgare, l’intero manufatto collassò su se stesso, lasciando un mucchio di sabbia in mezzo alla via. Questo e null’altro, era rimasto della zampillante fontana!

Abbassandomi ne presi una manciata. «Oro!» esclamai stupefatto, sgranando gli occhi, vedendola brillare sul palmo della mano. «Sabbia! Finissima sabbia!» realizzai deluso, guardandola scorrere fra le dita e mutare in sabbia mentre toccava terra.

«Dove sono finito? Non c’è nessuno? Maledizione!» urlai a squarciagola in ogni direzione. L’eco rimbalzando tra le pareti si fece insopportabile. Cascatelle di sabbia iniziarono a scendere lungo le monumentali facciate. «Ed ora? Cosa succede?» mi chiesi terrorizzato.

Guardando una delle figure grottesche colpite dall’onda sonora dell’eco sciogliersi come neve al sole, lasciando un mucchietto di sabbia sulla via, ebbi l’illuminazione. “Non è roccia, ma sabbia… queste meravigliose sculture sono ricavate in pareti di sabbia in equilibrio precario”, ragionavo, badando bene di non pronunciare verbo, avendo ormai appurato che l’eco prodotto dal suono della voce avrebbe potuto far collassare tutto quanto come un castello di carte, seppellendomi sotto una montagna di sabbia.

Prima di decidere il da farsi, dovevo verificare se quello che avevo teorizzato corrispondesse al vero.

Gettai lo sguardo sulle figure grottesche ritratte negli altorilievi affacciati ai portali dei tempi. Mi avvicinai con circospezione ad una figura antropomorfa con il volto da rettile (così lo giudicai, vista la somiglianza con il muso affilato di un coccodrillo con le fauci spalancate), avvicinai lo sguardo a quel volto demoniaco: la compattezza poteva ingannare, ma allo stesso tempo poteva far dubitare sulla reale consistenza della materia. Allungai lo sguardo lungo la parete. “Troppo liscia, troppo perfetta, sembra fatta di cemento colato dentro delle casseforme”, ragionai. Guardai un’altra figura grottesca, tentennai un attimo, poi allungai la mano… come accarezzai il becco rapace di un grande uccello che pareva voler spiccare il volo, l’intera figura parve sciogliersi: lentamente e silenziosamente, iniziando dal becco, un rivolo di sabbia iniziò a cadere a terra. Trenta secondi dopo, l’intera scultura era ridotta a un mucchio di sabbia che giaceva ai miei piedi!

Guardavo sgomento le figure demoniache che ancora incombevano sopra di me, domandandomi come potesse della semplice sabbia appesa a dell’altra sabbia vincere la forza di gravità.

Ancora incredulo sul fatto che una civiltà, o entità misteriosa, accatastando in modo ordinato un numero infinito di granelli di sabbia fosse riuscita a creare una simile meraviglia, affondai la mano nella parete. «Sabbia!», mi sfuggì detto, ritraendomi istintivamente e precipitosamente dalla parete.

Volgendo lo sguardo sgomento dal basso in alto e poi da destra verso sinistra, assistetti inerme, in un silenzio tombale, al disfacimento di una porzione della parete. In principio furono le figure grottesche a polverizzarsi, seguite dal timpano, dalle colonne e dalle nicchie del tempio. Tutto avvenne in poco più di un minuto. Dopodiché ci fu una breve pausa… Poi, un fruscio sinistro trascinò giù l’intera parete dove poco prima faceva bella mostra di sé la facciata del tempio.

Ma quello era solo l’inizio, lanciando lo sguardo lungo la via, mi accorsi che tutte figure grottesche si stavano sbriciolando. Allora realizzai che ben presto, della meravigliosa città di sabbia non sarebbe rimasto traccia, e che se non volevo essere sepolto sotto la sabbia dovevo cercare una via di fuga. «Per di qua!» esclamai, incitandomi, iniziando ad arrampicarmi sulla parete franata. Arrancando a fatica sulla sabbia che aveva creato una specie di ripido scivolo, lanciai un’occhiata verso il basso: degli altorilievi grotteschi non v’era più traccia, ora toccava ai tempi, poi l’intero complesso sarebbe collassato.

Ansimando di fatica e terrore, guardai in su: non ce l’avrei mai fatta giungere in cima.

Fu in quel momento che udii le urla strazianti, giungere da quella sotto di me e dalle altre strade dentro cui stavano collassando le monumentali pareti di sabbia. Mettendo bene a fuoco due figure che arrancavano in mezzo alla sabbia che, ora, forse perché spinta dall’eco delle urla franava molto più velocemente, mi parve di vedere due maratoneti. “Quanti ne saranno rimasti là sotto?”, mi chiedevo continuando ad arrampicarmi verso la salvezza. Ma la sabbia, continuando a scivolare verso il basso mi trascinava con sé. Continuai a nuotare, ad annaspare affannosamente in quel mare di sabbia, finché esausto, a ormai pochi metri dalla salvezza, svenni.

 

Mi svegliò il rumore delle pale di un elicottero in volo. Aprii gli occhi, ero steso su una barella a bordo del velivolo. I soccorritori, giunti con l’elicottero seguendo il segnale del rilevatore satellitare, mi spiegarono di avermi trovato quasi in cima alla duna, con il corpo completamente sepolto nella sabbia.

Una volta raggiunto il campo base, gli organizzatori mi spiegarono che, dopo che eravamo partiti, i rilevatori satellitari di tutti i maratoneti avevano smesso di funzionare per alcune ore; poi il mio aveva ripreso a funzionare, segnalando la mia presenza in un punto parecchie miglia fuori dal percorso.

E quando domandi dov’erano i miei amici, mi risposero che degli altri concorrenti avevano perso le tracce, ma che li stavano cercando battendo il deserto con gli elicotteri dell’esercito.

Allora, agitandomi, insistetti perché scavassero in profondità nel punto dove mi avevano ritrovato, perché gli altri, tutti gli altri erano là sotto, sepolti dalla frana che aveva cancellato la città di sabbia.

I miei interlocutori reagirono guardandosi l’un l’altro, perplessi e straniti. A quel punto, pur mettendo in conto di essere preso per un allucinato, se non pazzo del tutto, raccontai loro l’intera storia.

Quando ebbi concluso il racconto, mi spiegarono che non c’era stata nessuna tempesta di sabbia, che la duna dove mi avevano trovato, la più alta e vasta di tutto il Sahara, stava lì dal tempo dei tempi, che presso i Tuareg era conosciuta come “la sorgente del deserto”, perché un’antica leggenda recitava che da lì, l’acqua aveva cominciato a mutare, prima in oro, poi in sabbia e che: «… probabilmente, lei necessita di un lungo periodo di riposo!» conclusero con un fare poco tranquillizzante.

Fu quel poco rassicurante “probabilmente”, che aveva tanto il sapore di qualcosa di molto peggio di quello che mi era capitato, che mi convinse a non insistere oltre e firmare i documenti che sollevarono dottori e organizzatori da ogni responsabilità, prima di prendere la mia roba e farmi accompagnare in albergo.

Il volo di ritorno era fissato per l’indomani, così, dovendo trascorrere un’altra giornata nell’albergo, colsi l’occasione per informarmi sulla leggenda, chiedendo lumi al proprietario. L’uomo, un vecchio berbero, conosceva gran parte delle storie tramandate oralmente dalle tribù nomadi, e fu ben lieto, offrendomi anche una tazza di tè, di narrarmi l’intera leggenda.

Riassumendo in breve la leggenda ricca di particolari, che mi vide pendere dalle labbra di quel vecchio per una buona mezz’ora, narrava della cacciata di Herat e un pugno di contadini ribelli dalla terra dell’abbondanza, dopo che si erano rivolti al governatore per ottenere il giusto compenso per il lavoro svolto. Al che, il governatore li relegò in una valle arida, garantendo loro che avrebbero potuto tenere per sé ogni frutto che sarebbero riusciti a ricavare dalla terra.

Dopo aver rassodato inutilmente la terra per più di due anni, nutrendosi di radici e razionando la poca acqua che un torrente portava a valle, stremati e delusi si riunirono per decidere se tornare a capo chino a implorare il perdono dal governatore.

Ma Herat si oppose fermamente, e convinse anche gli altri ad attendere almeno la prossima stagione della semina. Poi si ritirò nella sua capanna e pregò per sette giorni e sette notti il dio delle acque, promettendogli che se avesse reso fertile la valle, avrebbe fondato una città e innalzato tempi in suo onore.

La notte del settimo giorno, il dio delle acque gli apparve in sogno e gli spiegò che fuori dalla sua capanna avrebbe fatto sgorgare una fonte, dove lui avrebbe dovuto attingere per fornire una brocca d’acqua al giorno per ogni uomo, donna e bambino. Herat obiettò che una brocca d’acqua al giorno sarebbe stata assorbita dalla terra riarsa senza lasciare traccia. Al che, il dio delle acque lo redarguì duramente, dicendogli che se all’acqua avesse aggiunto la fede, una brocca al giorno sarebbe stata più che sufficiente. E così fu.

Una valle così rigogliosa non si era mai vista, giungevano tribù da ogni dove per coltivare la terra, portando con sé, insieme a tende e masserizie, la brocca della giusta misura per raccogliere l’acqua della fonte miracolosa.

Nel frattempo Herat si era fatto avido. Dopo aver cintato con alte e spesse mura di pietra la sua proprietà, aveva iniziato a chiedere una moneta d’oro per ogni brocca della sua acqua. Poi, di fronte alle rimostranze dei contadini, aveva ingaggiato dei guardiani armati fino ai denti per proteggere i suoi possedimenti. Infine aveva iniziato a vendere l’acqua in quantità industriale ai carovanieri provenienti dalle altre valli.

Divenuto ricco, ricchissimo, convinse gli altri contadini che coltivare la terra era comunque un lavoro duro, e che vendere l’acqua miracolosa fuori dalla valle li avrebbe arricchiti senza spaccarsi la schiena.

E fu così che i contadini divennero mercanti e si recarono in ogni dove a vendere l’acqua della fonte di Herat. E sulla terra ubertosa iniziarono a erigere la città dei mille tempi dedicati al dio delle acque.

Ma non era quello il desiderio del dio delle acque, esso aveva regalato la fonte miracolosa all’uomo perché condividesse l’acqua, nella giusta misura, con chiunque l’avesse richiesta, senza pretendere in cambio null’altro che la promessa che sarebbe stata usata per rendere fertili le terre aride. L’arricchimento personale non era contemplato nel patto stretto tra Herat e il dio delle acque. E questo scatenò l’ira tremenda del dio, che punì duramente l’uomo.

Una mattina, recandosi a rimirare la fonte, Herat cadde in ginocchio e, volgendo gli occhi al cielo, ringrazio il dio che aveva mutato l’acqua che zampillava dalla fonte in polvere d’oro. Fu di breve durata la gioia di Herat. Abbassando lo sguardo vide che la polvere d’oro toccando il suolo diventava sabbia. Sabbia gialle e finissima.

Pregò Herat, implorando il dio delle acque di non mutare l’oro in sabbia, per sette giorni e sette notti. Ma la sua era una perorazione dettata dall’avidità, e il dio non l’ascoltò. Se avesse chiesto di mutare l’oro in acqua, probabilmente il dio gli avrebbe offerto una seconda possibilità. Ma Herat era ormai schiavo del giallo metallo. E così la fonte continuò ad eruttare polvere d’oro, che toccando il suolo mutava in sabbia gialla, per mesi, anni e secoli; fino a quando, spinta da venti impetuosi, non ebbe ricoperto l’intera valle e le altre terre che avevano acquistato dai mercanti la magica acqua. E quando la fonte cessò di zampillare, là dove si distendevano fertili valli non rimase che un’immensa distesa di sabbia, che gli uomini avrebbero chiamato Sahara.

La leggenda si concludeva spiegando che Herat lasciò la valle con un carro pieno d’oro, ma quando scoprì il carro per mostrare al governatore l’oro con cui intendeva riscattarsi, non trovò null’altro che sabbia.

Fu così che, cacciato con ignominia, d’allora Herat vagò ramingo per il resto dei suoi giorni di città in citta, senza mai trovare asilo.

Ora tutto mi era chiaro. Se la leggenda aveva un fondo di verità, quella misteriosa tempesta di sabbia mi aveva precipitato dentro quel che restava della città perduta fondata da Herat, le cui pietre consumate dal tempo erano mutate in friabile sabbia.

 

                                           ***********************************

 

E’ passato più di un anno. Dei miei amici e degli altri maratoneti non si è trovata più traccia. La faccenda, trattata inizialmente come misteriosa e inspiegabile, viene ora descritta dai giornali come: inspiegabile fino a un certo punto, si sa che nel deserto ci si può smarrire.

Ci hanno costruito sopra inchieste di successo, sull’argomento. Ma io, nonostante l’ottimo tornaconto economico, non ho mai accettato di partecipare a nessun dibattito… cosa avrei potuto dire? Raccontare la mia storia, per non essere creduto, compatito come un pazzo visionario, se non addirittura deriso?

E anche se mi presentassi mostrando la prova provata di quel che vado affermando (prova che ancora conservo e che per esser certo di non essere impazzito ogni tanto tiro fuori dal baule e vado a toccare con mano), loro, quelli che la sanno sempre più lunga perché hanno studiato, indagato, vagliato e tu hai solamente corso nel deserto sbagliando pure strada, mi tratterebbero come un imbroglione che ha riempito il serbatoio dello zaino di sabbia, al solo, lurido scopo di lucrare un qualche tornaconto da una tragedia che ha coinvolto quei poveri maratoneti e le loro famiglie.

 

Ma il vero motivo per il quale passo i miei giorni inquieti a vegliare il baule, è che dentro lo zaino c’è il mio prezioso tesoro. Sì, a prima vista può sembrare sabbia gialla, ma se ne prendi una manciata e la osservi attentamente… lei diventa quello che hai sempre desiderato possedere… oro, oro puro… e allora ti senti inebriare… sei ricco, ricchissimo… e pazienza se quando la rimetti nello zaino, torna ad essere sabbia.

 

                                                              FINE            

SEGNALA ALL'AUTORE IL TUO APPREZZAMENTO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

SEGUI QUESTO AUTORE PER ESSERE AGGIORNATO SULLE SUE NUOVE PUBBLICAZIONI

L'AUTORE Vecchio Mara

Utente registrato dal 2017-11-01

Pedalo per allenare il corpo, scrivo per esprimere pensieri e leggo per ristorare la mente

ALTRE OPERE DI QUESTO AUTORE

L'amore ai tempi del fascismo V.M. 18 anni Narrativa

La canzone dei vecchi amanti Narrativa

La stanza delle bambole Narrativa

Addio Lugano bella Narrativa

La canzone di Marinella Narrativa

Il pescatore Narrativa

Doveva andare tutto bene Narrativa

Leggenda di Natale V. M. 18 Narrativa

Macellazione kosher Narrativa

La breve estate della spensierata giovinezza Narrativa

La guerra di Piero Narrativa

Il maresciallo Crodo Narrativa

A letto con il führer Narrativa

Le lettere segrete Narrativa

La festa della mamma Narrativa

Rapina a mano armata Narrativa

Ipnositerapia Narrativa

Sequel Narrativa

Il fumo fa male Narrativa

Correvo Narrativa

Paolo e Francesca Narrativa

Gli esploratori della Galassia Narrativa

L'uomo dalle forbici d'oro Narrativa

Cervelli in fuga Narrativa

Il boia e l'impiccato Narrativa

L'ultimo negozio Ikea Narrativa

Il figlio del falegname Peppino Narrativa

Il re della valle Narrativa

Una vita tranquilla Narrativa

La ricerca dell'ispirazione perduta Narrativa

Immortali Narrativa

L'amico ricco Narrativa

La farina del diavolo Narrativa

Giudici o giustizieri? Narrativa

Il mediatore (volo low cost) Narrativa

Lui, lei e l'altro Narrativa

Il divo Narrativa

Lo scrivano dell'archivio Narrativa

Lussuria Narrativa

Superbia Narrativa

Gola Narrativa

Avarizia Narrativa

Accidia Narrativa

Ritorno ad Avalon Narrativa

La città di sabbia Narrativa

Cechin Narrativa

Bughi Bughi (boogie woogie) Narrativa

Don Nicola e il partigiano Narrativa

Don Ruggero torna dalla grande guerra Narrativa

Effetto butterfly Narrativa

Confessioni di un prete gay Narrativa

Lugano addio (dolce morte) Narrativa

Via dalla felicità Narrativa

Una ragione per cui vale la pena vivere Narrativa

I magnifici sette racconti Narrativa

Natale: volgarità vere o presunte e altre amenità Narrativa

Il guardiacaccia Narrativa

La bellezza del gesto Narrativa

Dialogando, presumibilmente, con Dio Narrativa

La moglie del partigiano Narrativa

Bat box Narrativa

I ragazzi del Caffè Centrale Narrativa

Quarto reich Narrativa

Il vampiro del Gatto verde Narrativa

Prostituta d'alto bordo Narrativa

Il signore degli abissi Narrativa di gruppo e collaborazioni tra utenti

Lo spettro della trincea Narrativa

La grande mente Narrativa

La porta dell'Ade Narrativa

Alexander... un grande! (Una storia vera) Narrativa

La maschera di Halloween Narrativa

Il rifugio degli artisti Narrativa

La cena delle beffe Narrativa

K2 Narrativa

La solitudine del palazzo razionalista Narrativa

Signora solitudine Narrativa

I tre fiammiferi di Lilith Narrativa

Sono sempre i migliori a lasciarci Narrativa

El Camino de Santiago Narrativa

La rivolta degli insetti Narrativa

Mosè e le tavole della legge Narrativa

Il cattivo maestro Narrativa

Predatori di anime Narrativa

Tre corse in tram Narrativa

Il miracolo di Halloween Narrativa

Las Vegas gigolò Narrativa

La tredicesima orbita (viaggio al termine del paradiso) Narrativa

Poeta di strada Narrativa

Vorrei andarmene guardandoti surfare Narrativa

Alveari metropolitani Narrativa

Sotto la diga Narrativa

Il casale misterioso Narrativa

Prima che sorga l'alba Narrativa

Il boschetto di robinie Narrativa

Agente segreto doppio zero Narrativa

Il bambino di Hiroshima Poesia

L'estate dell'acqua Narrativa

Sindrome del vampiro. vietato ai minori di 18 anni Narrativa

La memoria di San Pietroburgo Narrativa

Augh! Narrativa

Habemus papam Narrativa

L'ultima indagine Narrativa

La spada del samurai Narrativa

Tra moglie e marito non mettere... Narrativa

Delitto nella Casba Narrativa

La diversa percezione del tempo Narrativa

L'indagine Narrativa

Scacco Matto Narrativa

Sei bellissima Narrativa

Domenica è sempre domenica Narrativa

L'uomo che uccise Doc Holliday Narrativa

Lettera a un'amica Narrativa

Gli spiriti del mondo oscuro Narrativa

Buche pontaie Narrativa

Il portagioie cinese Narrativa

Tutto o niente Narrativa

Semidei dell'Olimpo Narrativa

La notte che Sigfrido ha ucciso il drago Narrativa

Il killer degli scrittori Narrativa

Funeree visioni Narrativa

Conversando d'invisibilità Narrativa

Aida come sei bella Narrativa

Invidia Narrativa

Cazzateland (La democrazia del sondaggio) Narrativa

Il mondo delle cose Narrativa

Il vaso di Pandora Narrativa

Ira Narrativa

Nutrie assassine Narrativa

Addio fratello crudele Narrativa

Mastro Tempo Narrativa

Il ranger di Casasisma Narrativa

La fossa settica Narrativa

Nostalgia Poesia

Eterei amanti di penna Poesia

Chiamatemi Aquila Narrativa

Ulisse riflette Narrativa

L'inverno è dentro di noi Poesia

Non rimpiangermi Poesia

Senza luce né amore Poesia

Il potere dei santi Narrativa

Musa ispiratrice Poesia

Il milite ignoto Narrativa

Citami, se lo vuoi Poesia

Lupo sdentato Narrativa

Liscio, Gassato e Ferrarelle Narrativa

I moschettieri del "Che" Narrativa

E' così vicino il cielo Poesia

Con mani a giumella Poesia

La casa degli specchi Narrativa

I vecchi Poesia

Il libraio Narrativa

Dicembre è già qui Poesia

Il misterioso evento di Tunguska Narrativa

Il segreto della grande piramide Narrativa

Surreality Little Bighorn Narrativa

Vale la pena morire per il Gardena? Narrativa

L'esperimento di Filadelfia Narrativa

Scie lanciate verso l'infinito Narrativa

Il pianeta dei giganti Narrativa

L'uomo caduto dal futuro Narrativa

Crocevia per l'inferno Narrativa

Cento anni da pecorone Poesia

L'isola felice Narrativa

Le marocchinate Narrativa

Alba Poesia

Il Golem della foresta Narrativa

L'albino (ricetta di Monidol) Narrativa

Chiedi alle pietre Poesia

Trincee Narrativa

Attimo condiviso Narrativa

Narrami, o amica Poesia

Stupratore occasionale Narrativa

Il ritorno dell'anticristo Narrativa

Guida autonoma Narrativa

Il seme dell'incubo Narrativa

L'estate dei fuochi Narrativa

Il paese dei mostri Narrativa

Musulmania Narrativa

La rimpatriata (PROGETTO STARDUST) Narrativa

DIVIETO DI RIPRODUZIONE

E' assolutamente vietato copiare, appropriarsi, ridistribuire, riprodurre qualsiasi frase, contento o immagine presente su di questo sito perché frutto del lavoro e dell´intelletto dell´autore stesso.
É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti e immagini in qualsiasi forma.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti e immagini non autorizzata espressamente dall´autore.

Paolo Guastone il 2019-01-17 10:21:53
Mistero o Fantasy? A questo punto, per me, non importa. Un viaggio allucinante tra le dune del deserto ma anche tra le ere ed i tempi passati, dove leggenda e realtà si mescolano e formano un tappeto di sabbia che, però, camminandoci sopra con la lettura, diventa d'oro.

Vecchio Mara il 2019-01-17 13:21:43
A dire il vero, avevo deciso di scrivere un horror, con dentro mostriciattoli che saltavano fuori dalla sabbia, poi, in corso d'opera, non mi riusciva di trovare la quadra, così ho ripiegato sulla città misteriosa nascosta sotto la grande duna... e alla fine, rileggendolo, non son mica più riuscito a capire se avevo scritto un mistery o un fantasy. Ti ringrazio. Ciao Paolo

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Rubrus il 2019-01-17 16:45:38

Sento l'eco della città di Iram o Ubar, la città perduta nel deserto di cui si parla nel Corano e si favoleggia ne "Le mille e una notte". Come le bibliche Sodoma e Gomorra sarebbe stata distrutta per non aver voluto adorare il dio unico. Lovecraft ne ha fatto lo scenario di uno dei suoi racconti. Negli anni '80/'90 del '900 si sono scoperti davvero, nel deserto del Rub al Khali, i resti di un'antica città inghiottita dalle sabbie.  Mi è capitato di visitare Petra e, naturalmente, è molto suggestiva. Qui e là si trovano i resti di idoletti che i primissimi abitanti della città eressero al primo dio da loro adorato, poi soppiantato da divinità simili a quelle greco - romane e successivamente islamiche. Questo dio, le cui icone si trovano soprattutto nel Siq - la gola che si percorre prima di arrivare a Petra - e che se ben ricordo si chiama Dushara - è "aiconico", cioè altro non è che un parallelepipedo di pietra (personalmente non ho potuto fare a meno di pensare a una versione, su scala ridotta, del monolite che compare in "2001 Odissea nello Spazio"). Successivamente è stato assimilato a Zeus. Molto probabilmente esistevano davvero più cttà lungo le vie carovaniere, poi scomparse per varie ragioni come l'inaridimento, la scomparsa delle fonti d'acqua e così via. Col tempo il loro ricordo è diventato leggenda e la leggenda mito - della stessa Petra si era perso il ricordo. In questi miti solitamente la scomparsa delle città è legata alla violaizone di un qualche patto con la divinità, violazione che si riallaccia alla trasgressione di un principio che si riteneva dovesse essere rispettato. Noi in Occidente, non avendo (per ora) deserti, abbiamo  Atlantide - che, come tutti sappiamo, è menzionata brevemente da Platone per fornire un sostengo alle proprie idee, esposte (se ben ricordo) nel Timeo e nel Crizia.      

Vecchio Mara il 2019-01-17 21:07:15
Non sapevo della città perduta nel deserto... e neanche del parallelepipedo. Magari è possibile che Kubrick l'abbia visto e abbia preso ispirazione per il monolite nero del film. Io, invece, pur non avendola vista dal vero, mi sono ispirato a Petra, una Petra di sabbia e non di roccia, molto più estesa dell'originale, poi per spiegare l'intera faccenda, sul finale mi sono inventato la leggenda e il dio delle acque che, incavolato con Herat, perché invece che condividere l'acqua miracolosa ha guardato al proprio tornaconto, ha pensato bene di seppellire tutte le terre fertili sotto le sabbie del Sahara. Ti ringrazio. Ciao Rubrus

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO
Massimo Bianco il 2019-01-20 21:11:33

Riapparso mercoledì nel sito dopo due di mesetti d\'assenza, guardando la home page ho contato ben 13 scritti tuoi per me nuovi (di cui 12 ancora qui oggi) sui 30 totali presenti, troppi, decisamente troppi per me per avere voglia di recuperarli e così, te lo dico francamente, non ne ho letto neppure uno, me ne è mancata la volontà, a me piace variare un po' gli autori. E' un po' come se andassi al ristorante e trovassi un menù di cento piatti tra primi e secondi: un'esagerazione, evviva un po' di scelta, ok, ma così mi verrebbe voglia di alzarmi, uscire e recarmi a mangiare altrove. Stesera, però, attirato dal commento di Paolo, questo ho deciso di leggermelo e sono contento della decisione perchè mi è piaciuto, uno dei tuoi racconti più creativi, per giunta molto ben condotto, che prende fino alla fine. Ma agli altri 11 ci rinuncio proprio, anche perchè passeranno un paio di settimane prima che rientri a leggere, attualmente mi sto dedicando ad altro (e quindi per ora devo proporre solo scritti vecchi, nuovi non ho tempo per scriverne). Ciao.

Vecchio Mara il 2019-01-20 22:13:21
Effettivamente, un po' bulimico lo sono stato. Proverò a spiegare perché: il motivo principale è l'entusiasmo con cui ho intrapreso questa nuova esperienza su PIAF. Poi c'è il fatto che essendo pensionato ho un sacco di tempo libero, e in qualche modo lo devo pur far fruttare. Io non vado né al bar, né in nessun altro posto, se si esclude il tempo che passo in bicicletta (ma ora è inverno e il medico mi ha consigliato di starmene al calduccio) sono sempre in casa, e la scrittura mi aiuta a non cadere in depressione. Inoltre, se nessuno muove la home, qualche sparuto visitatore che passa di qui, non trovando niente di nuovo non ci passa più. Intendiamoci, non colpevolizzo nessuno, so che gli altri autori hanno impegni di studio e di lavoro. Ma io che ho tempo e voglia di scrivere, lo faccio e mi diverto, anche se capisco che molti racconti non verranno letti ho commentati, mi piace vedere la home rinnovarsi. Detto ciò: finora ho postato 116 racconti che avevo pubblicato su net, 16 poesie, anch'esse postate su net.... e ben 38 racconti inediti scritti appositamente per PIAF (a una media di un racconto nuovo ogni dieci giorni: non male). Passando al racconto di oggi, mi fa piacere che ti abbia soddisfatto, quando l'ho postato, siccome ero partito per scrivere un horror e poi sono passato a un mezzo fantasy non ero troppo sicuro della riuscita. Ma ora, leggendo il tuo e gli altri commenti, mi posso ritenere soddisfatto del risultato. Ti ringrazio. Ciao Massimo.

RISPONDI CON EDITOR AVANZATO